Gli UBU a Ostia di Alfred Jarry _ ideazione e regia Alfonso Santagata _ 13 ottobre Teatro del Lido

Sabato 13 ottobre (ore 21) al Teatro del Lido di Ostia
in scena un caposaldo del teatro dell’assurdo rivisitato da Alfonso Santagata, GLI UBU A OSTIA.
Un’occasione per ripercorrere il teatro di Alfred Jarry e la sua creatura Ubu, una favola di esseri innocenti e idioti che convivono con una grande violenza e una grande crudeltà
GLI UBU A OSTIAda Alfred Jarry
ideazione e regia Alfonso Santagata
con Daria Panettieri, Sergio Licatalosi, Chiara Di Stefano, Alfonso Santagata

Produzione Katzenmacher soc. coop.
col sostegno di Ministero Beni e Attività Culturali,
Regione Toscana, Comune di San Casciano V.P., Comune di Gavorrano
in collaborazione con Le vie dei festival



Sabato 13 ottobre (ore 21) il Teatro del Lido di Ostia, in collaborazione con Le vie del Festival, propone GLI UBU A OSTIA, per la regia di Alfonso Santagata, che ripercorre il testo di Alfred Jarry e la sua creatura Ubu, caposaldo del teatro dell’assurdo, con il quartetto di attori Daria Panettieri, Sergio Licatalosi, Chiara Di Stefano, Alfonso Santagata.
Gli UBU, mostruosi e ridicoli, fantocci crudeli e idioti più degli uomini, trucidano i nobili della famiglia Venceslao per appropriarsi degli ori e delle corone. L’invenzione di lazzi e volgarità, di crudeltà e divertimento, ci accompagna verso la farsa nera degli UBU. «Per toccare il carattere estremo della scrittura drammatica, spingo gli attori all’eccessività fisica, come si trattasse davvero per loro di essere marionette spiega Alfonso Santagataho costantemente in mente la favola semplicissima di Jarry: la favola di esseri innocenti e idioti che convivono con una grande violenza e una grande crudeltà. Per arrivare all’attitudine drammatica di un corpo che si trasforma in marionetta, bisogna addentrarsi in un lavoro problematico con l’attore, mettere in moto i sentimenti e la memoria: il midollo, come dice Artaud. Ovvero, se non padroneggi il tuo ritmo interiore e non hai un tuo respiro, rispetto a questa marionetta gigante, sarà lei a bruciarti».


La Compagnia Katzenmacher, fondata da Alfonso Santagata, Claudio Morganti e Tullio Ortolani, nasce professionalmente nel 1979 con il debutto dello spettacolo Katzenmacher, scritto e diretto da Alfonso Santagata. Il successo di critica che l’avvenimento consegue si rivela di tale importanza per la storia della Compagnia da caratterizzarne l’identità stessa. In 36 anni di attività, Alfonso Santagata scrive e cura la regia di 37 testi teatrali. Fra i protagonisti riconosciuti del rinnovamento della scena italiana, Alfonso Santagata sa coniugare la sperimentazione di nuovi linguaggi con la riscoperta della tradizione, attraverso la rilettura dei classici, la scrittura di testi originali, la valorizzazione della drammaturgia d’attore. L’impegno e la portata del lavoro svolto dalla Compagnia sono sottolineati nel corso degli anni da alcuni importanti riconoscimenti nazionali, quali il Premio della Critica e il Premio UBU nel 1984; il Premio UBU per la ricerca scespiriana per gli spettacoli Terra Sventrata e Polveri nel 1995. Per lo spettacolo Petito Strenge (1996), ideato e diretto dal regista, ricevono il Premio UBU 1997 come migliori attori, Massimiliano Speziani e Giuseppe Battiston. Nel 2004 lo spettacolo Quali fantasmi è insignito del Premio Girulà – Teatro a Napoli, per la miglior drammaturgia. Prestigiosi sostegni produttivi e accoglienze anche internazionali accompagnano il lavoro della Compagnia: la Biennale di Venezia e Firenze Capitale Europea della Cultura (1987), il Festival di Teatro Internazionale di Sitges, in Spagna (1987), il Teatro La Mama di New York (1989), il Festival Internazionale di Annecy (1998), il Festival di Santarcangelo (quasi regolarmente dal 1979 in poi), il Teatro di Roma (Festival “Per antiche vie” e “Ostia antica”, 2000), le Università di Bologna (2002) e di Torino (2003), il Festival delle Orestiadi di Gibellina (2002).

 Che dite di partecipare con una donazione per contribuire all’ acquisto di un pulmino con pedana per trasporto disabili e anziani con difficoltà?
Puoi versare quanto puoi o vuoi

POSTA PAY 5333 1710 6407 7791 – IBAN IT84O3608105138219438319445
BIC/SWIFT PPAYITR1XXX

SOSTENETE L'Associazione Stampa Periodici Associati ASPAPRESS 
l' Agenzia Stampa diretta da Enzo Fasoli, dal 8 marzo 1991,
gli articoli pubblicati sono frutto di un lavoro quotidiano di selezione e pubblicazione gratuita.  WWW.ASPAPRESS.IT – CRONACHEDEL2000.IT dal 1991 – ROMAGNASERA.IT dal 1982 - ENZOFASOLI.COM- LEMUSEINSCENA-IT dal 2003 – TEATRODELLEMOZIONI.IT dal 2004  SOCIAL  FACEBOOK – GOOGLE – TWITTER – PINTEREST - E ALTRI 8 SITI COLLEGATI
ISCRIVITI ALLA PAGINA FACEBOOK AGENZIA STAMPA ASPAPRESS
E IN Yutube AL CANALE ASPAPRESS
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci ON LINE CON CARTA DI CREDITO con un piccolo contributo/DONAZIONE della somma che credi tu che potrai detrarre dalla dichiarazione dei redditi.
1)      DONAZIONE ATTIVITA’ REDAZIONE
2)      DONAZIONE PER L’ACQUISTO DI UN MEZZO PER TRASPORTO DIVERSAMENTE ABILI E ANZIANI ANCHE CARROZZATI
SEGUIRA’ RICEVUTA DETRAIBILE DALLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI

POSTA PAY 5333 1710 6407 7791 – IBAN IT84O3608105138219438319445
BIC/SWIFT PPAYITR1XXX

Info:
per i vostri comunicati: redazioneroma@aspapress.it
informazioni donazioni: aspapress.roma@gmail.com

Post più popolari