Agenzia Stampa Aspapress

Autorizzazione Tribunale di Forlì 6/91 del 8 marzo 1991 - Anno XXX - Registro Nazionale della Stampa 02659 - Registro Operatori Comunicazioni n. 1187 - Direttore Editoriale e responsabile Enzo Fasoli - Casella postale 19152 - 00173 Roma Cinecittà est - Responsabile dati: Carlo Carbone - Capo redattore Cristiano Rocchi. Associazione Periodici Associati: Presidente Enzo Fasoli - Responsabile settore: Angelo Misseri - Redazione Daniela Zappavigna.

Cerca nel blog

Pagine

24 settembre 2021

CARLO CALENDA (AZIONE) APRE AI DIRITTI LGBT+, MARRAZZO (PARTITO GAY): PERICOLOSA FAKE NEWS. VUOLE SOLO I VOTI LGBT+

 

 

CARLO CALENDA (AZIONE) APRE AI DIRITTI LGBT+, MARRAZZO (PARTITO GAY): PERICOLOSA FAKE NEWS. VUOLE SOLO I VOTI LGBT+

 

 

"Dal Maestrale allo Scirocco è un attimo. Calenda più che Candidato a Sindaco per Roma sembra la ‘rosa dei venti" Dichiara Fabrizio Marrazzo, Candidato a Sindaco di Roma e Portavoce del Partito Gay per i diritti Lgbt+ solidale, ambientalista, liberale - alla disperata ricerca di voti si sta spacciando per essere pro diritti LGBT+, ma va analizzato il personaggio:

 

  1. Al Pride di Roma ha espressamente detto di essere contro la GPA, (Gestazione Per Altri) senza conoscere neanche le differenti normative esistenti nei divers i paesi e senza nemmeno sapere che è una pratica utilizzata prevalentemente dalle coppie eterosessuali, dimostrando in pieno il suo pregiudizio e la poca preparazione.
  2. Come vediamo dai suoi post ancora pubblici (si vedano in allegato) ha dichiarato che per la legge contro l'omotransfobia (ddlZAN) si doveva dialogare con chi la definiva liberticida, infatti poi sulla pagina di Azione hanno lodato il loro Deputato Costa, rivendicando la sua modifica dell'Art. 4. ,che di fatto, permetterebbe di dire che gli LGBT+ sono malati mentali o inferiori in quanto ‘libertà di pensiero’ per salvaguardare le convinzioni religiose e culturali , per poi dire che ora cosi la legge gli va bene, ci crediamo la ha snaturata. Immaginate se la legge sul razzismo consentisse al Ku Klux Klan in forza delle loro convinzioni di poter dire che i Neri sono inferiori, fortunatamente questo per loro non è possibile, chiediamo anche noi lo stesso< /strong>
  3. Considerando il fatto che sono quasi 2 anni che ha parlamentari con il partito personale Azione nessuno dei suoi ne lui ha fatto realmente qualcosa per le persone LGBT+. Ad esempio, poteva proporre alla ministra Lamorgese di togliere la circolare padre e madre voluta da Salvini, che danneggia i figli delle coppie gay, se davvero era ed è interessato ai pari diritti per la comunità arcobaleno e minacciare che il suo sottosegretario sarebbe uscito dal Governo?
  4. Altra fake news ha promesso che Roma riconoscerà i bimbi nati all’estero da famiglie arcobaleno se verrà eletto è una pericolosa "bufala" che, eventualmente, può essere buona solo per fare propaganda elettorale. È bene ricordare a Calenda, infatti, che la Corte costituzionale in Italia non permette ciò e quindi questo impegno non potrebbe essere mantenuto in alcun modo."

 

Conclude Marrazzo : "Per questi motivi, dunque, le dichiarazioni d i Calenda sono solo l’ennesimo tentativo di racimolare voti e aumentare i consensi in vista delle Amministrative di Roma 2021, se vuole essere un minimo credibile dovrebbe mandare via da Azione l'on Costa (ex di FI) ed uscire dal governo se la Lamorgese non cancella la circolare Salvini, lo farà mai? "

 

23 settembre 2021

Daniele Rotondo in Radio il nuovo singolo "Bipolare" testi e videoclip

 



"BIPOLARE"

dal 24 Settembre in radio il nuovo singolo di 

DANIELE ROTONDO

secondo estratto dal suo ultimo disco.

 

"Bipolare" è il nuovo singolo e video di Daniele Rotondo. Il brano, estratto dal nuovo disco "Il mondo è qui", è disponibile in radio dal 24 settembre e segue l'uscita di "Lasciarsi andare" premiato al Roma Videoclip con il Premio Cinecittà Panalight. 

 

GUARDA IL VIDEOCLIP DI "BIPOLARE"

 

"Bipolare" è un brano molto importante e al quale sono particolarmente affezionato." - Racconta Daniele Rotondo - "Ho pensato il testo come una continua descrizione di situazioni in contrapposizione tra loro, perché credo che ogni individuo abbia, nel suo profondo, una doppia anima con cui deve fare i conti tutti i giorni".

Una canzone che racconta il dualismo presente nel profondo di ognuno di noi dove si incontrano e si scontrano diverse sfaccettature della stessa personalità. Queste, a volte, trovano la loro sintesi in un equilibrio precario mentre, in altre, generano squarci nella nostra anima che si trasformano in opportunità per metterci in discussione. 

La naturale propensione al palco di Daniele Rotondo è trasposta nel videoclip, girato alla Tenuta dell'Olmo (Roma) per la regia di Diego Coluzzi. Il protagonista è lo stesso artista nei panni di un cantastorie accompagnato dalla sua band. Suoni energici e chitarre anni 90 fanno da tappeto musicale a questo dissidio interiore che resta un punto di domanda al quale solo l'ascoltatore, alla fine, potrà rispondere in prima persona. 

 

"Bipolare" - Crediti:

Testo e Musica: Daniele Rotondo

Codice ISRC: ITRJ02100002

Regia Videoclip: Diego Coluzzi

Location: Tenuta dell'Olmo, Roma

 

DANIELE ROTONDO SUI SOCIAL:

 

FACEBOOK - INSTAGRAM - SPOTIFY - YOUTUBE 

 

 

 

Il video di "Bipolare"

 

 

 

TESTO "BIPOLARE" - DANIELE ROTONDO
 

Resterai in silenzio oppure urlerai

Sbatterai la porta o piano l'accosterai

Inganni la tua mente, chiedendo di più

Correrai più forte oppure camminerai

Dai guai starai lontano o sempre li cercherai

Trovando chi, te li perdona un po'

 

Il tuo essere, il tuo io

Piano si dissolverà

Questo essere, solo io

Presto, sai, lo perderai

 

Pregherai la vita o la bestemmierai

Patirai in silenzio o ti ribellerai

Scambi le tue idee ma non ti ascolti mai

 

Parlerai coi no volendo dire di si

Ricorderai i tuoi giorni o li dimentichi

Vivi il tuo passato, il futuro lo sai

 

Il tuo essere, il tuo io

Piano si dissolverà

Questo essere, solo io

Presto, sai, lo perderai



 





Rai Vaticano Comunicato nuova puntata Viaggio nella Chiesa di Francesco

Torna "Viaggio nella Chiesa di Francesco"

con Rai Vaticano, domenica 26 settembre, ore 24.25, su Rai1 e raiplay

 

La Santa Sede all'Expo Universale di Dubai; il reportage del recente viaggio apostolico di Papa Francesco a Budapest e in Slovacchia; il G20 delle religioni di Bologna; le diocesi dell'entroterra italiano e il legame di solidarietà; don Luigi Epicoco e il significato della paternità nell'anno dedicato a San Giuseppe da Papa Francesco.

 

La sacralità della Cappella Sistina rivivrà nel padiglione della Santa Sede all'Expo Universale di Dubai dal prossimo 1° ottobre al 31 marzo 2022. In anteprima con Rai Vaticano per il programma "Viaggio nella Chiesa di Francesco" di Massimo Milone e Nicola Vicenti, in onda domenica 26 settembre su Rai 1 alle ore 24.25, le immagini della "Creazione di Adamo" di Michelangelo riprodotta nel padiglione vaticano curato dal Pontificio Consiglio della Cultura. Come spiega il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del PCC, "sin dalla metà dell'800, la Santa Sede non ha mai mancato un appuntamento, perché ha ricercato sempre un intreccio costante tra il tema religioso, il tema estetico della bellezza, la scienza che oggi vuol dire soprattutto sostenibilità". Dialogo religioso e interculturale, mobilità umana e custodia del creato. Questi i temi trattati nel padiglione che sulle orme del Magistero di Papa Francesco esporrà il documento sulla fraternità di Abu Dhabi del 2019 e copie in inglese e arabo della Enciclica Fratelli tutti. Saranno esposti anche alcuni preziosissimi manoscritti arabi originali provenienti dalla Biblioteca Vaticana come parti del "Codice di Fibonacci", che ha fatto conoscere all'Occidente i numeri arabi. Per il curatore mons. Tomasz Trafny, "l'obiettivo della Santa Sede è quello di mostrare come la fraternità è un percorso che da secoli coinvolge le culture e le religioni, e la creazione di Adamo di Michelangelo mostra a coloro che credono in un unico dio che l'atto creativo di Dio è unico per gli uomini, e per questo dobbiamo spingerci a considerarci fratelli".

Nella rubrica reportage sul recente viaggio nel cuore dell'Europa, a Budapest e in Slovacchia, di Papa Francesco. Passi avanti nel dialogo tra i popoli, religioni e culture. "L'Europa non può erigere muri e dividere mondi, la sua vocazione è l'accoglienza, - dice a Rai Vaticano Stefania Falasca, giornalista vaticanista del quotidiano cattolico Avvenire - le sue radici parlano di pace e solidarietà, questo ha ricordato Papa Francesco in questa terra di confine tra Occidente e Oriente".

E sempre dialogo e promozione della fraternità al centro del G20 Interfaith forum di Bologna che ha visto la partecipazione di organizzazioni interreligiose e interculturali, leader religiosi, studiosi, enti umanitari, attori economici e società civile, per fare proposte e fornire indicazioni alle agende politiche globali. Per Alberto Melloni, segretario della Fondazione per le Scienze religiose di Bologna che ha curato l'evento "il dialogo è tra le culture, alla politica le decisioni ma il fine è la pace". Per il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza Episcopale Italiana, "noi consideriamo tutto ciò che è diverso come una "periferia, come dice Papa Francesco in modo molto semplice, e non siamo più in grado di capire che la vera periferia siamo noi che ci estraniamo da tutta una realtà che ci gira intorno". Per il cardinale Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna "la strada della pace non si trova nelle armi ma nella giustizia".

In attesa del Sinodo che si aprirà il 10 ottobre, i Vescovi italiani, dal Piemonte alla Sicilia, hanno raccolto l'invito di mons. Felice Accrocca, vescovo di Benevento, per un progetto di rilancio pastorale delle aree interne del Paese. "Le aree interne - dice mons. Accrocca - corrono il rischio di morire tra qualche anno, ma se una parte del tessuto del territorio muore è come se in un organismo umano si avesse una necrosi di una parte del tessuto. La sofferenza non sarebbe soltanto del membro che viene meno, ma di tutto l'organismo". Da Nord a Sud, si tratta di aree fragili, spopolate, spesso non presidiate. "Ma i giochi non sono chiusi - dice ancora Accrocca - credo anzi che si potrebbe unendo le forze e coordinandole arrivare ad un progetto, abbiamo bisogno non tanto di risorse o di fondi, noi abbiamo anche bisogno di intelligenza politica che sappia guardare. Qui i progetti non possono essere immediati, non si possono varare e vedere i frutti domani o tra 6 mesi, è impossibile. Però la posta in gioco è alta e vale la pena scommettere". "Questo incontro di Benevento mi sembra più che opportuno – afferma monsignor Stefano Russo Segretario generale della Cei che ha aperto i lavori della due giorni beneventana - si inserisce nel cammino sinodale proprio perché è un momento di confronto e di dialogo, un convenire che spero corrisponda anche a quello il Papa ci ha invitato a fare. Non basta soltanto un convenire, momenti di incontro se vogliamo fatti bene, ma che questi abbiano l'impronta dello Spirito Santo, che lo Spirito Santo sia lasciato agire affinché possa provocare strade nuove".

E, infine, con don Luigi Epicoco, assistente ecclesiastico per il Dicastero della Comunicazione, continua il viaggio di Rai Vaticano sull'essere padri oggi nell'anno dedicato a San Giuseppe da Papa Francesco. "Parlando con papa Francesco - dice Epicoco - ho chiesto esplicitamente il motivo per cui ha scelto di dedicare un anno a San Giuseppe e lui ha detto che nei momenti più difficili della storia di Gesù, Giuseppe era presente".

 

"Viaggio nella Chiesa di Francesco" è un programma di Massimo Milone e Nicola Vicenti. Con Elisabetta Castana, Paola Coali, Stefano Girotti, Martha Michelini, Costanza Miriano. Musiche di Giovanni Scapecchi, Edizione Pier Luigi Lodi, Produttore esecutivo Milvia Licari. Regia di Nicola Vicenti

 

Strada della Romagna al Festival del Turismo Esperienziale di Firenze


Strada della Romagna al Festival del Turismo Esperienziale di Firenze

 

Grande interesse per gli itinerari e le proposte turistiche della Strada dei vini e dei sapori presentate alla due giorni nazionale dedicata al turismo delle emozioni nel post pandemia

 

 

Itinerari tematici, percorsi di viaggio e occasioni speciali per scoprire i tesori enogastronomici, naturalistici e culturali della provincia di Ravenna: è quanto ha presentato la Strada della Romagna al Festival del Turismo Esperienziale tenutosi a Firenze il 20 e 21 settembre presso il centro congressi del Grand Hotel Mediterraneo.

 

La due giorni è stata un importante momento di confronto a livello nazionale tra diversi operatori territoriali e di settore sul tema del turismo delle emozioni e delle esperienze nel post pandemia. Invitata a rappresentare e a raccontare la propria proposta turistica, la Strada della Romagna ha presentato in particolare due iniziative speciali tra quelle portate avanti: "Romagna a tu per tu", progetto di turismo esperienziale per attirare ed emozionare turisti attraverso visite ad eccellenze locali attuato in partnership con Ravenna Incoming e Imola Faenza Tourism Company, e "Un giorno in Romagna", una serie di podcast di viaggio originali che guidano i visitatori del ravennate alla scoperta di itinerari tematici tra buona tavola, paesaggi meravigliosi, arte, storia e gente ospitale. Entrambi i progetti sono realizzati con il contributo di Visit Romagna.

 

Durante il festival sono stati numerosi i buyers italiani e stranieri ad approfondire le esperienze di viaggio possibili lungo la Strada della Romagna, al centro anche del convegno "Territori ed emozioni, esperienze a confronto" andato in scena nella mattinata del 21 settembre.

 

 

Apre a Milano il 10imo Pacifik Poke gusti e sapori diversi dalla cucina tradizione

 

Apre il 10imo locale di Pacifik Poke a Milano

La nuova apertura in Corso di Porta Vittoria 42

Aprirà venerdì 24 settembre in Corso di Porta Vittoria 42 a Milano la nuova casa delle bowls hawaiane di Pacifik Poke, arrivata al decimo punto vendita in Italia, terzo nella città meneghina. Dopo aver conquistato la capitale sabauda – 7 aperture in poco più di due anni e di cui tre durante mesi di forzata chiusura dovuti alla pandemia- antesignani nel mondo del delivery pre lockdown con la presenza all'interno della dark kitchen di Glovo, arrivano oggi a quota dieci.

Al centro del menu le originali hawaiian bowls che ricalcano le ricette originali che arrivano direttamente dalle Hawaii. Un pasto completo, sano ed equilibrato ma soprattutto ricco di gusto. Le proposte di Pacifik Poke comprendono anche altri piatti dal gusto esotico come i bagel, le tartare e le zuppe, ma anche dolci e bevande, come le speciali birre importate direttamente dalle Hawaii. Rimane la possibilità per tutti i clienti di comporre la propria bowl su misura, scegliendo gli ingredienti preferiti e basi particolari come il cavolo kale al posto del classico riso.

Pacifik Poke – Gli italiani vogliono l'healthy food

Mangiare sano e mangiare bene, una richiesta sempre più forte da parte del mercato internazionale, ma in particolare di quello italiano. Basti pensare ai dati dell'European Health&Fitness report del 2020 di Deloitte e EuropeActive che indica l'Italia come il quarto paese europeo in termini di abbonamenti a palestre e centri fitness.

L'offerta di Pacifik Poke si sposa perfettamente quindi con la tendenza, sempre crescente, di sportivi (e non) che scelgono un'alimentazione sana, curata e bilanciata. Le bowls contengono pochissimi grassi e molte proteine, soddisfano anche i palati più esigenti dal punto di vista del gusto e sono perfette anche per chi cerca un pasto veloce e divertente, grazie alla possibilità di comporre poke sempre nuove.

Pacifik Poke

ll brand Pacifik Poke, guidato dalla società capogruppo Poke Srl, si è rivelato la sorpresa 2020 del mondo food delivery in Piemonte. I prodotti hawaiani proposti dalla catena fondata nel 2018 hanno permesso alla società di raggiungere nel 2020 risultati economici in forte controtendenza rispetto all'andamento del settore di riferimento. Nel 2020, infatti, le vendite tramite il canale delivery sono aumentate di oltre il 300% rispetto all'anno precedente. Parimenti, la crescita del fatturato tramite il canale diretto è stata di oltre il 100%.

Stefano Zenga, CEO del gruppo riassume così l'esperienza che si vive quando si sceglie Pacifik Poke: "Un ristorantino ad ispirazione hawaiana, che punta all'eccellenza dei prodotti serviti, preparati in ogni punto vendita da personale di cucina professionalizzato e formato. La qualità è al centro del nostro modello di ristorazione"

Gli indirizzi di Pacifik Poke

 

Torino

 

Via Duchessa Jolanda, 1/c, 10138 Torino

Via Giuseppe Verdi, 34, 10124 Torino

Corso Dante, 51, 10126 Torino

Via I° Maggio, 2B, 10098, Rivoli

Via Tripoli, 26, 10137, Torino

Corso Regio Parco, 24/M, 10142, Torino

Corso Monte Grappa 33/D, 10145, Torino

 

Milano

 

Via Magolfa, 1, (Glovo Cook Room), Milano

Via Antonio Pollaiuolo, 9, 20159, Milano

Corso di Porta Vittoria 42, 20122, Milano (new opening)