Agenzia Stampa Aspapress

Autorizzazione Tribunale di Forlì 6/91 del 8 marzo 1991 - Anno XXXII - Registro Nazionale della Stampa 02659 - Registro Operatori Comunicazioni n. 1187 - Direttore Editoriale e responsabile Enzo Fasoli - Casella postale 19152 - 00173 Roma Cinecittà est - Responsabile dati: Carlo Carbone - Capo redattore Cristiano Rocchi. Associazione Periodici Associati: Presidente Enzo Fasoli - Responsabile settore: Angelo Misseri - Redazione: Vincenzo Giannone, Daniela Zappavigna.

Cerca nel blog

Pagine

20 maggio 2022

TSEdizioni: In uscita "Pensa, scrivi, vivi" di Sonia Scarpante lo trovi in libreria

<![if !vml]>

<![endif]><![if !vml]>
<![endif]>
 


La scrittura come viaggio interiore

 

 

TS Edizioni pubblica, anche in formato e-book, Pensa, scrivi, vivi. Il potere della scrittura terapeutica di Sonia Scarpante.
«Cara amica, caro amico, sono qui per proporti un viaggio, che ci porterà lontano, in terre poco conosciute, o forse semplicemente dimenticate – scrive l'autrice in apertura –. Se accetterai di cogliere la mia sfida, viaggeremo fianco a fianco condividendo un'esperienza. Ti invito a rivisitare la tua storia per scriverne una nuova».

E, poco oltre, spiega il perché di questo invito: «La storia personale di ciascuno di noi è uno zaino pieno di cose belle e brutte mescolate insieme, il cui peso spesso rallenta il nostro cammino. È importante aprire talvolta lo zaino, per eliminare o mettere da parte le cose brutte che ci sono capitate, quelle di cui ci siamo vergognati, gli errori che abbiamo commesso, il male fatto e ricevuto. È tuttavia meraviglioso scoprire che in quel bagaglio ci sono anche cose buone: le nostre radici, la nostra essenza, la purezza dei primi passi, le nostre battaglie e le nostre vittorie, il fuoco sacro seppellito sotto la cenere della depressione, della rabbia, del rancore, della rassegnazione. È salutare riaccendere quel fuoco e bruciare ciò che non serve più, buttare le zavorre che bloccano la nostra crescita. Una volta più leggeri, saranno il desiderio e l'inquietudine a guidare i nostri passi, e una ritrovata fiducia in noi stessi ci farà avanzare».

Davvero la scrittura può diventare una terapia per il corpo e per l'anima?
Che cos'è la scrittura terapeutica? Quali sono i suoi principali benefici? Può migliorare i nostri rapporti con gli altri?

 

Eugenio Borgna, psichiatra e saggista, nella prefazione sottolinea: «Questo libro è un bellissimo colloquio con la interiorità di Sonia Scarpante, e con quella delle persone con cui lei si è incontrata, e si incontra, nel corso della sua vita. Un colloquio con le emozioni, che nella sua vita sono germogliate, e sono rivissute, con la grazia di una scrittura di una grande bellezza, e profondità. Le parole sono creature viventi, così le definiva un grande scrittore austriaco del secolo scorso, Hugo von Hofmannsthal, e quelle di Sonia Scarpante ne sono una splendida testimonianza, che affascina e commuove».

Presentando questo lavoro, Scarpante prende per mano il suo lettore: «Ti chiedo di non aver paura, e di scegliere – per questo viaggio sulle ali della scrittura terapeutica – una penna che sia in linea con il tuo modo di essere; a volte panciuta e robusta, altre volte smilza e morbida al tatto. Sceglila fra tante e sentila come l'alleata che a tratti consumerà le tue forze e a tratti ti renderà audace. Nella scrittura che guarisce scoprirai uno spazio fecondo e nuove curiosità del tuo essere, varcherai nuovi territori interiori, che non hai mai osato raggiungere. Insieme alla penna prepara un quaderno: sarà la tua parentesi di protezione, il tuo spazio di resa e di assoluta sincerità». Firmato da una delle più accreditate counselor italiane, grazie alla sua ventennale esperienza, il saggio – ricco di testimonianze e di lettere raccolte sul campo – introduce alla scrittura come viaggio interiore. Un'efficace terapia per consapevolizzare blocchi, paure, ferite e restituirci più sereni alla vita.

 

L'Autrice
Sonia Scarpante è nata a Milano nel 1958. Laureata in Architettura, si specializza in arteterapia e, nel 2011, consegue l'accreditamento come counselor trainer presso Siaf. Ha lavorato nel percorso introspettivo presso l'Associazione «Attive come prima», che si occupa di terapia di gruppo, e ha collaborato con progetti di scrittura all'interno dell'Istituto Europeo di Oncologia (Ieo). Docente di scrittura terapeutica e formatrice, attualmente insegna nei master «Faber Formazione» e dirige corsi di aggiornamento per il personale medico-sanitario e nelle scuole con progetti di formazione per educatori e studenti con un suo metodo registrato. È presidente dell'Associazione «La cura di sé». Tra i suoi libri, Non avere paura. Conoscersi per curarsi (San Paolo 2010) e Parole evolute. Esperienze e tecniche di scrittura terapeutica con patrocinio e logo della LILT (Edi Science 2015).

 

Gin CANAÏMA conferma il suo impegno nella salvaguardia ambientale dando vita al suo primo GREEN MONTH

CONTINUA L'IMPEGNO DI GIN CANAÏMA PER LA SALVAGUARDIA DEL PIANETA CON IL CANAÏMA GREEN MONTH: UN MESE DI CELEBRAZIONI IN OCCASIONE DI TRE GIORNATE LEGATE AI TEMI DELLA SOSTENIBILITÀ E DELLA TUTELA AMBIENTALE

 

Vidracco (TO), 29 marzo 2022 - Canaïma, il gin dell'Amazzonia, da sempre impegnato nella salvaguardia dell'ambiente dà vita al suo primo Green Month, un mese di attività legate ai temi della sostenibilità e dell'ecologia. Cinque settimane in cui il brand racconterà il forte legame e il costante impegno nella tutela della sua terra d'origine, del pianeta e delle persone che lo popolano attraverso l'arte della mixology. Con una drink list dedicata da provare nei migliori locali di tutta Italia, il Green Month di Canaïma vuole così portare l'attenzione su tre ricorrenze che celebrano la vita e il rispetto della natura: il 20 maggio, Giornata mondiale delle api, il 5 giugno, Giornata mondiale dell'ambiente e il 22 giugno, Giornata mondiale delle foreste pluviali.

Il Green Month inizia il 20 maggio in occasione della giornata mondiale delle api per la quale Canaïma ha creato il cocktail Bee Kind. Gin e lime fresco uniti al miele fornito in ogni paese da apicoltori locali. Per l'Italia è stata scelta Enrica Maria Lucchelli, che nella sua azienda nell'Oltrepò pavese produce oltre 6 tipi di miele diverso. Istituita per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza che gli impollinatori ricoprono nella conservazione dell'equilibrio ecologico e della biodiversità, sul loro fondamentale contributo alla sicurezza alimentare e alla creazione di lavoro sostenibile nel mondo dell'agricoltura, la giornata mondiale delle api è sostenuta da Canaïma con l'iniziativa "Bee kind with the Amazon". Un progetto che finanzia la creazione di una scuola di apicoltura nella foresta pluviale per formare gli studenti sulla cura e la crescita degli alveari e per garantire la continuità di questo importante progetto di conservazione dell'ecosistema tra le generazioni future, insegnando un'attività sostenibile e benefica per l'ambiente.

Il Green Month è un'occasione unica per gustare il gin dell'Amazzonia e sostenerlo attivamente nel suo impegno ambientale poiché al termine delle cinque settimane, Canaïma devolverà il corrispettivo delle consumazioni alla riforestazione dell'Amazzonia, progetto che il brand porta avanti dal 2019 e che prevede di ricollocare nella sua terra d'origine circa 7000 piante entro il 2023.

La mappa dei locali aderenti e la drink list sono disponibili al sito: https://landing.compagniadeicaraibi.com/bee-kind

 

Gin Canaïma

Gin di una terra meravigliosa che ospita più di 400 tribù ancestrali ognuna con la propria lingua, cultura e territorio. Un'eredità culturale e ambientale quella dell'Amazzonia, che viene tramandata di generazione in generazione e che Canaïma supporta attraverso la collaborazione con associazioni che si impegnano a migliorare la qualità di vita delle popolazioni indigene e la conservazione del proprio ecosistema come Fondazione Tierra Viva, che promuove iniziative come formazione all'imprenditoria e prevenzione in ambito salute, Saving the Amazon che sostiene le comunità indigene dell'Amazzonia colombiana piantando alberi e creando imprese ecologiche a supporto della loro sussistenza e FUCAMUVA, fondazione colombiana che si adopera per promuovere il sostegno e l'empowerment delle imprenditrici e artigiane della regione di Vaupés. Canaïma lavora in collaborazione con la fondazione nello sviluppo dei materiali di visibilità del marchio dall'inizio del 2021. A queste associazioni Canaïma devolve il 10% delle vendite.

L'unicità di Canaïma è da ricercare nelle botaniche selezionate che il clima e le particolari condizioni del suolo amazzone sono in grado di offrire. Un mix esotico di 19 botaniche, alcune amazzoniche come la noce di acagiù, açaï, moriche (o uva di palma), túpiro, seje e copoazú (o cacao bianco), raccolte a mano in collaborazione con la popolazione indigena e trattate individualmente per l'estrazione degli aromi, la macerazione e la distillazione in piccoli lotti. I singoli distillati vengono successivamente miscelati in proporzioni diverse dal master distiller. Aromi intensi fruttati e floreali si combinano ai caratteri umidi e vegetali della foresta dando vita a un sapore complesso con predominanza di aromi erbacei, citrici e note tropicali. Il risultato è un gin con un profilo unico, frutto di una terra rimasta incontaminata.

Tutto di una bottiglia di Gin Canaïma è espressione di un brand estremamente rispettoso dei temi legati alla sostenibilità: l'etichetta è realizzata con carta riciclata, biodegradabile e riciclabile, il tappo è in sughero naturale e legno di faggio e la bottiglia contiene vetro riciclato.

 

"Il Trenino del Renon festeggia 115 anni, tra "corse gastronomiche" sui vecchi vagoni di legno, spettacoli di danza, musica e teatro"

115 anni... e ancora in linea!

Lo storico Trenino del Renon festeggia 
un importante traguardo e si conferma una delle principali attrazioni dell'omonimo altipiano sopra Bolzano.

Tante le iniziative in programma per celebrare l'anniversario: dalle golose "corse gastronomiche" serali 
alle corse speciali con le vecchie carrozze del 1900, 
agli spettacoli di danza, musica e teatro 

Cene gourmet alle fermate del treno

Succede ogni estate... e quest'anno sarà ancora più bello! In occasione del 115esimo anniversario dello storico Trenino del Renon le corse gastronomiche organizzate dall'Associazione Turistica avranno un sapore davvero esclusivo. Quattro serate - 15 e 22 giugno, 6 e 20 luglio - in cui saranno i vagoni storici del trenino ad accompagnare gli ospiti dall'aperitivo al dolce con una portata diversa ad ogni fermata. Un'esperienza coinvolgente e insolita che vede i migliori chef dell'altipiano stupire i commensali con piatti esclusivi in perfetto equilibrio fra tradizione e creatività, abbinati a raffinati vini autoctoni e gustosi succhi di mela. Appuntamento quindi alle ore 19.00 alla stazione di Soprabolzano con aperitivo e spuntini per proseguire poi alle altre fermate con un'amabile zuppa, uno squisito primo piatto e chiudere in bellezza con un golosissimo dessert accompagnato da un grappino intorno alla mezzanotte. Sempre con un piacevole sottofondo di musica dal vivo.
Partecipano alle corse i ristoranti di Parkhotel Holzner, Hotel Bemelmans, Gloriette Guesthouse, Hotel Lichtenstern e Hotel Rinner. 
Il prezzo del viaggio culinario è di 120 € a persona e su prenotazione.

 

 

Un'estate di eventi per il trenino "con vista" sulle Dolomiti
E sabato 13 agosto c'è il giubileo dei 115 anni

Non solo gastronomia, ma anche cultura, musica, danza ed escursioni trovano posto nel ricco calendario lungo tutta l'estate, e oltre, per celebrare la Ferrovia del Renon.
Si inizia venerdì 10 giugno con una serata teatrale: in scena la pièce in lingua tedesca della giovane autrice Winnie Abel "Es fährt kein Zug nach Irgendwo" a cura della Theaterkiste Lengmoos e con la regia di Ingrid Lechner. Appuntamento dalle ore 19.30 alla stazione di Collalbo (previa prenotazione biglietti presso l'Associazione Turistica Renon) per un divertente spettacolo "itinerante" che sarà replicato anche il 13, 14, 16 e 18 giugno
Giovedì 16 giugno invece sarà il turno del cinema: alle ore 20 presso il Parkhotel Holzner a Soprabolzano, un omaggio alla Ferrovia con la proiezione di un film muto e i racconti e le testimonianze di chi il treno lo ha visto "crescere". Venerdì 17 giugno, e poi in replica il 22 ottobre, il "Bahnltage" sarà una giornata tutta dedicata agli appassionati della ferrovia: gli esperti Martin Broy & Klaus Demar sveleranno alcuni aneddoti interessanti sulla storia del Trenino del Renon e condurranno gli ospiti attraverso le rimesse di Collalbo & Soprabolzano per poi accompagnarli in una corsa speciale con uno storico vagone fra Soprabolzano e Maria Assunta.
A Soprabolzano, dal lunedì al venerdì, è possibile poi visitare la mostra fotografica che celebra la storia del trenino attraverso suggestive immagini in b/n recuperate dall'archivio.
Ma il giorno esatto del compleanno della più famosa "dama del Renon" (così viene chiamata la Ferrovia) sarà sabato 13 agosto, altra giornata di festeggiamenti tra cui corse speciali e iniziative ancora in via di definizione.
Il 23 settembre e il 21 ottobre da non perdere uno degli highlights del programma: l'escursione guidata lungo la vecchia tratta a cremagliera che da Bolzano (dove si scende in funivia) risale sul Renon con una camminata di circa 3 ore, passando da S.Maddalena e Maria Assunta fino a Soprabolzano dove sarà poi possibile visitare la rimessa del trenino e ammirare le storiche carrozze di legno (oggi ancora in funzione la mattina e per eventi speciali). 
 
E non è finita qui: il 15 ottobre dalle ore 10.00 alle 17.00 Soprabolzano si trasformerà ancora una volta in un luogo di festa con tavoli imbanditi di prelibatezze locali, gruppi di danza popolari e cori festosi, e free entrance presso l'officina ferroviaria per ammirare da vicino il lavoro di chi ogni giorno tiene in vita lo storico trenino.
 
Prenotazione corse gastronomiche ed eventi presso gli uffici dell'Associazione Turistica Renon a Collalbo tel. 0471 356100 o a Soprabolzano tel. 0471 345245.
 

Il trenino del Renon

Quando venne inaugurata, il 13 agosto 1907, la Ferrovia a scartamento ridotto del Renon era un autentico gioiello di tecnologia: si saliva a bordo delle eleganti carrozze in piazza Walther, nel centro di Bolzano, e si scendeva direttamente sull'altipiano del Renon, la "montagna per eccellenza" della buona borghesia bolzanina. Il tutto affrontando un dislivello di un migliaio di metri grazie alla innovativa trazione a cremagliera, realizzata sul modello dei trenini alpini svizzeri, allora molto in voga. Centoquindici anni dopo, il Trenino del Renon è ancora in servizio (tutti i giorni, dalle 6 del mattino alle 23) nella spettacolare tratta che percorre l'altipiano da Maria Assunta (Soprabolzano) a Collalbo, con uno sviluppo di circa 6,8 km. L'ultimo del suo genere in tutto l'Alto Adige, è tuttora un'attrazione turistica notevole: merito del suo approccio "slow", che regala (alla velocità di 30 km/h) una full immersion in un paesaggio dolomitico contrappuntato dal verde dei boschi e da antiche chiesette di montagna. E grazie ad alcuni convogli formati da carrozze d'epoca rivestite in legno è possibile anche un tuffo nel passato: più precisamente agli anni della Belle Époque, quando si scappava dalla calura della conca per ritirarsi nelle eleganti case di villeggiatura in stile liberty di Soprabolzano e dintorni. Ieri con la cremagliera, oggi con la funivia in soli 12 minuti... città e montagna non sono mai state così vicine!

 

 

Via libera con la RittenCard! 
La RittenCard viene consegnata gratuitamente soggiornando nelle strutture partner dell'Associazione Turistica Renon e include una serie di vantaggi, tra cui: libero utilizzo di tutti i mezzi di trasporto pubblici in Alto Adige, compreso il trenino a scartamento ridotto e la Funivia del Renon, una corsa giornaliera di andata e ritorno con la cabinovia del Corno del Renon e l'ingresso in circa 90 musei, castelli ed esposizioni in Alto Adige, quali il museo di Ötzi, il Messner Mountain Museum, il Museo d'apicoltura Plattnerhof, Castel Roncolo e molti altri ancora. In più offerte stagionali, riduzioni e vantaggi su attività per il tempo libero e sconti presso il Festival Bolzano Danza. Per ulteriori informazioni: www.renon.com/rittencard

 

CINEMA. DOMENICA 22 MAGGIO A TORINO SI SVELA IL VINCITORE DEL CONTEST “LA REALTÀ CHE ‘NON’ ESISTE”

 

 

 

 

 

 
CINEMA. DOMENICA 22 MAGGIO A TORINO SI SVELA IL VINCITORE DEL CONTEST "LA REALTÀ CHE 'NON' ESISTE"
 
Al Salone del Libro presentazione del contest che premia giovani film-maker. Un progetto crossmediale e multipiattaforma sul tema dei rischi e delle opportunità nel rapporto tra adolescenti e digitale. In quattro edizioni raggiunte 13 milioni di persone, 650mila interazioni social e 8 milioni di visualizzazioni dei contenuti video 
 
Un tema di grande attualità, un contest di successo, un progetto innovativo dedicato a giovani film-maker per sviluppare un progetto crossmediale e multipiattaforma. 
 
La quarta edizione del contest "La Realtà che 'non' esiste" sarà presentata al Salone Internazionale del Libro di Torino domenica 22 maggio alle ore 13:15 nell'Arena Bookstock – Padiglione 2 (Ingresso via Nizza 293). 
 
Ideato da Manuela Cacciamani, Founder di One More Pictures, e realizzato con Rai Cinema,il contest è dedicato alle nuove forme di storytelling multimediale, con al centro il rapporto, tra rischi e opportunità, che coinvolge i giovani e l'universo digitale. 
 
"La Realtà che 'non' esiste" è un progetto innovativo rivolto a giovani film-maker italiani che permette loro di confrontarsi con un articolato processo produttivo per la realizzazione di un cortometraggio lineare e multipiattaforma.
 
Durante l'evento di domenica, organizzato con la collaborazione di Comix (Franco Cosimo Panini Editore),sarà presentato il vincitore del contest 2022 – scelto dalla giuria presieduta da Alfredo Clarizia (Sony Music) - e svelato il tema di questa edizione.Sarà inoltre l'occasione per discutere sul rapporto degli adolescenti con il digitale: minacce e opportunità dei social media.
 
Interverranno: Manuela Cacciamani, Founder di One More Pictures, Carlo Rodomonti,Responsabile Marketing Strategico e Digital di Rai Cinema, l'attrice Claudia GeriniNicola Conversa, sceneggiatore e regista, Josephine Yole Signorelli aka@Fumettibrutti, che curerà l'artwork del contest, Eleonora Gaggero, attrice e protagonista di "Revenge Room" (progetto vincitore della seconda edizione del contest). È previsto inoltre il contributo video dell'Amministratore Delegato di Rai Cinema, Paolo Del BroccoSerena Bortone, giornalista, conduttrice e autrice televisiva modererà l'evento.
 
Il contest nelle passate edizioni ha raggiunto 13 milioni di persone sui social grazie ai materiali promozionali e a una copertura mediatica imponente. Ha registrato 650mila interazioni sui social di Rai Cinema, dei partner e dei talent e circa 8 milioni di visualizzazioni dei contenuti video pubblicati.

 






L'Arcidiocesi di Genova organizza Tribuna Politica Candidati a Sindaco