54a MOSTRA INTERNAZIONALE DEL NUOVO CINEMA DI PESARO

 per gentile concessione della pittrice Roberta Gulotta

LA MOSTRA INTERNAZIONALE DEL NUOVO CINEMA,
CHE SI TERRÀ DAL 16 AL 23 GIUGNO 2018, 
ALLA RICERCA DEL CINEMA A 360°

IL PROGRAMMA 2018:

CONCORSO PESARO NUOVO CINEMA:
EVENTO SPECIALE: WE WANT CINEMA: LE DONNE DEL CINEMA ITALIANO
SPERIMENTARE IL '68 – TRA BIRRI, SCHIFANO, DE PALMA E SNOW
A PESARO LA PRIMA CONTESTAZIONE IN ITALIA 50 ANNI FA
IL CINEMA D'ANIMAZIONE ITALIANO DEL PRESENTE + PERSONALE DI BEATRICE PUCCI
I 50 ANNI DI NOSTRA SIGNORA DEI TURCHI DI CARMELO BENE – LE RUSHES (11 ORE E MEZZA)
Il FILM DI APERTURA NEL CINQUANTENARIO: HOLLYWOOD PARTY CON PETER SELLERS
PERSONALE MARC'O
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Roma, 8 giugno. Si è svolta questa mattina, presso l'Institut Français, la conferenza stampa della 54a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema che si terrà a Pesaro dal 16 al 23 giugno. Il direttore artistico Pedro Armocida ha illustrato il ricco programma che animerà le giornate pesaresi. "Sono tornato ad interrogarmi su cosa sia il nuovo cinema oggi" – ha esordito il direttore – "e, come ho spiegato anche nella mia introduzione al catalogo, con questa accezione possiamo riferirci a un film proiettato nel futuro, così come di Johann Lurf che ha scelto solo un segno grafico per il titolo della sua opera e che sarà in concorso assieme ad altri cinque film provenienti da tutto il mondo; ma il 'nuovo cinema' è anche quello di un maestro come Marc'O, a cui la Mostra quest'anno dedica una retrospettiva, la prima in Italia. Pensiamo a Les Idoles, un film che ho definito 'fiammeggiante', presentato proprio a Pesaro cinquant'anni fa, e che ancora oggi riesce a sprigionare una carica rivoluzionaria ed innovativa. Nel concorso, poi, troviamo il francese Julien Faraut con il suo John McEnroe: In The Realm Of Perfection, un vero e proprio saggio teorico su uno dei più grandi tennisti del mondo. C'è poi Zerzura dello statunitense Christopher Kirkley, film girato interamente in Niger che offre una visione del Sahara completamente diversa. E, ancora, América degli statunitensi Erick Stoll e Chase Whiteside, struggente ritratto di una famiglia messicana; Los años azules della messicana Sofía Gómez Córdova, un coraggioso esordio con una squadra quasi tutta al femminile. L'Italia, invece, sarà rappresentata da Daniele Pezzi, con il suo Beware! The Dona Ferentes, che torna a Pesaro dove aveva già presentato una sua opera nella sezione 'Satellite. Visioni per il cinema futuro'. Una sezione, questa, di cui vado ancora più fiero perché dedicata alla sola produzione italiana di film che altrimenti sarebbe impossibile conoscere. Difficilmente vedrete queste opere cinematografiche anche all'interno di altri circuiti festivalieri. Mi piace pensare che il Festival in qualche modo chiuda un discorso al suo interno tra Concorso e Satellite, e mi piace ancora di più pensare a Satellite come ad una sorta di laboratorio sempre aperto".
Il segno distintivo della Mostra è, da sempre, quello di guardare al futuro mantenendo però alta l'attenzione dei grandi cineasti del passato che hanno rivoluzionato la grammatica cinematografica. Per questo Bruno Torri, presidente del comitato scientifico, ci ha tenuto a sottolineare come la Mostra non mancherà quest'anno di festeggiare un importante anniversario, quello del '68, dove a Pesaro "è successo di tutto", ma "oltre a ricordare il '68, facciamo la Mostra studiando il cinema di oggi e prendendo sempre spunti e collegamenti dal passato per progettare il cinema del futuro".
Molte poi, le parole di apprezzamento espresse da Daniele Vimini, Assessore alla Bellezza e Vicesindaco di Pesaro, che ha accolto con grande entusiasmo l'approdo in spiaggia, novità dell'anno, che vedrà la proiezione di tre grandi classici come: Il sorpasso (Dino Risi, 1962); La ragazza con la valigia (Valerio Zurlini, 1961); Amarcord (Federico Fellini, 1963).
A fare eco a Vimini anche Daniela Currò, Conservatrice della Cineteca Nazionale, con cui la Mostra porta avanti una proficua collaborazione. La Currò ci ha tenuto a sottolineare l'importanza del cinema delle donne, a cui il Festival ha dedicato l'intera sezione We Want Cinema e l'usuale pubblicazione edita Marsilio, a cura di Laura Buffoni (membro del comitato scientifico). La curatrice del libro, ha speso molte parole in difesa del lavoro portato avanti dalle donne all'interno dell'industria cinematografica che, però, rappresentano ancora solo il 10%.
Il tutto, si è concluso con il ringraziamento a tutti quelli che continuano a credere e a sostenere la Mostra, apportando importanti contributi con le tantissime sezioni che compongono il Festival: dall'omaggio a Carlo Delle Piane ed Ermanno Olmi al cinema d'animazione con il focus su Beatrice Pucci, passando per i video essay di (Ri)montaggi fino a Il muro del suono, il dopofestival musicale che rappresenta quasi un festival parallelo.


SOSTENETE L'Associazione Stampa Periodici Associati ASPAPRESS 
l' Agenzia Stampa diretta da Enzo Fasoli, dal 8 marzo 1991,
gli articoli pubblicati sono frutto di un lavoro quotidiano di selezione e pubblicazione gratuita. WWW.ASPAPRESS.IT – CRONACHEDEL2000.IT – ROMAGNASERA.IT  - ENZOFASOLI.COM- LE MUSEINSCENA-IT – DIRETTORE: ENZO FASOLI
SUI  SOCIAL  FACEBOOK – GOOGLE – TWITTER – PINTEREST - E ALTRI 8 SITI COLLEGATI

Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci ON LINE CON CARTA DI CREDITO con un piccolo contributo/DONAZIONE della somma che credi tu che potrai detrarre dalla dichiarazione dei redditi.
1)      DONAZIONE ATTIVITA’ REDAZIONE
2)      DONAZIONE PER L’ACQUISTO DI UN MEZZO PER TRASPORTO DIVERSAMENTE ABILI E ANZIANI ANCHE CARROZZATI
SEGUIRA’ RICEVUTA DETRAIBILE DALLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI
5338 7502 7550 6055 – IBAN: IT 32 C 36000 03200 0CA008697690

POSTA PAY 5333 1710 6407 7791 – IBAN: IT94 P 07601 05138 21943 831944

Info:
per i vostri comunicati: redazioneroma@aspapress.it
informazioni donazioni: aspapress.roma@gmail.com





Commenti