Agenzia Stampa Aspapress

Autorizzazione Tribunale di Forlì 6/91 del 8 marzo 1991 - Anno XXX - Registro Nazionale della Stampa 02659 - Registro Operatori Comunicazioni n. 1187 - Direttore Editoriale e responsabile Enzo Fasoli - Casella postale 19152 - 00173 Roma Cinecittà est - Responsabile dati: Carlo Carbone - Capo redattore Cristiano Rocchi. Associazione Periodici Associati: Presidente Enzo Fasoli - Responsabile settore: Angelo Misseri - Redazione Daniela Zappavigna.

Cerca nel blog

Pagine

18 aprile 2016

Millly Gualteroni si racconta ad Andrea Tornielli e a Mariolina Migliarese

Mariolina Migliarese & Andrea Tornielli
presentano


LA STORIA DI MILLY
DAGLI PSICOFARMACI ALLA FEDE

sarà presente Milly Gualteroni
modera p. Marco Finco


Centro culturale Rosetum
Milano, via Pisanello 1, ore 21
 Nell’occasione verrà lanciata la quarta edizione in quattro mesi di

STRAPPATA ALL’ABISSO
di Milly Gualteroni



(in primo piano la nuova edizione – Ares pp. 216, euro 13)
 L’EVENTO

Andrea Tornielli, curatore del volume di papa Francesco Il nome di Dio è Misericordia, e la neuropsichiatra infantile Mariolina Migliarese, autrice di molti testi di casuistica relazionale, si confrontano con l’esperienza di Milly Gualteroni, la quale, avendo subito da ragazza il doppio suicidio del padre e del fratello maggiore, ha vinto le tendenze suicide e una profonda durevole depressione grazie a un percorso di conversione in cui l’iniziativa di Dio si è manifestata talvolta con tratti veramente sorprendenti.

Indagando il dualismo anima-corpo che caratterizza la persona la serata aiuterà a riflettere se è possibile, e forse anche necessario, l’incontro tra fede e ragione, tra scienza e religione, a partire da questo caso di guarigione concreto in cui la misericordia e la grazia di Dio sono intervenute fin nei più reconditi meandri dell’io, laddove la medicina non riusciva ad arrivare e a sanare.

Il dibattito verrà moderato da padre Marco Finco, direttore del Centro culturale Rosetum.

IL LIBRO
«Una profonda depressione che si presenta a ogni anniversario dei suicidi del fratello e del padre. Un’esistenza libertina alla ricerca di un significato. Tre drammatici tentativi di togliersi la vita, grida mute di una donna che chiede disperatamente aiuto. Infine l’affacciarsi della domanda: “E se fosse una chiamata di Dio?”, che la conduce alla fede attraverso personalissime esperienze. È la storia appassionatamente raccontata dalla giornalista Milly Gualteroni, che rilegge la depressione con gli occhi della conversione».

Andrea Tornielli, La Stampa

«Dalla scintillante Milano da bere al buio della depressione. E come unica via di uscita gli psicofarmaci. Una strada che sembra portare dritta al suicidio. Poi, invece, cambia tutto».
Caterina Maniaci, Libero

«Si legge di un fiato questa storia avvincente e realistica, in cui l’Autrice si consegna al lettore con un candore che emoziona».

Antonia Arslan, Famiglia cristiana

«Il mistero del sovrannaturale ha un ruolo decisivo in questo racconto struggente di desiderio di morte e di improvvisa risurrezione. Se Milly si è decisa a confessare tutto, ma proprio tutto, compresi certi episodi tanto sconvolgenti quanto inesplicabili, non è certo per sé, ma per gli altri».
Vittorio Messori, Il Timone
 L’AUTRICE
 Milly Gualteroni (Sondrio, 1957). Dopo un diploma di High School in California e la Maturità classica nella sua città, si laurea all’università di Padova in Lingue e Letterature Straniere, specializzandosi in Glottologia. Vincitrice di ruolo, insegna Lingua e letteratura inglese. Diventa poi giornalista professionista, lavora per Gran Bazaar, L’Uomo Vogue, Chi, Cosmopolitan, Panorama e collabora ad alcuni quotidiani nazionali. Ha frequentato la Facoltà di psicologia della Cattolica di Milano, la Facoltà Teologica Cattolica di Milano e quella Valdese di Roma. Attualmente collabora ad alcuni periodici.