Agenzia Stampa Aspapress

Autorizzazione Tribunale di Forlì 6/91 del 8 marzo 1991 - Anno XXX - Registro Nazionale della Stampa 02659 - Registro Operatori Comunicazioni n. 1187 - Direttore Editoriale e responsabile Enzo Fasoli - Casella postale 19152 - 00173 Roma Cinecittà est - Responsabile dati: Carlo Carbone - Capo redattore Cristiano Rocchi. Associazione Periodici Associati: Presidente Enzo Fasoli - Responsabile settore: Angelo Misseri - Redazione Daniela Zappavigna.

Cerca nel blog

1 agosto 2020

Unione Naz. Consumatori su Istat deflazione: preserva potere d'acquisto, coppia con 2 figli risparmia 115 euro

 

 

L'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI

 

Prezzi: Istat, a luglio -0,3%

 

Unc: deflazione preserva potere d'acquisto delle famiglie


Coppia con 2 figli risparmia 115 euro

 

Secondo i dati provvisori di luglio resi noti oggi dall'Istat, l’inflazione registra un ribasso annuo dello 0,3%, mentre il carrello scende da +2,1% di giugno a +1,5%.

"Una buona notizia. Anche se la ragione della deflazione è il crollo del Pil senza precedenti e la crisi drammatica che stiamo attraversando, non bisogna confondere le cause con gli effetti. Il rallentamento del carrello della spesa e la flessione dei prezzi consente di preservare il potere d'acquisto delle famiglie, contenendo la sua caduta dovuta alla riduzione del reddito disponibile. Una buona notizia per la casalinga di Voghera che va tutti i giorni a fare la spesa al mercato" afferma Massimiliano Dona, presidente dell'Unione Nazionale Consumatori.

"Per una coppia con due figli, la famiglia tradizionale di una volta, la deflazione consente una riduzione della spesa di 115 euro, anche se il carrello della spesa a +1,5% incide ancora sugli acquisti di tutti i giorni, che segnano in rialzo di 133 euro, nettamente inferiore, però, a maggio quando la maggior spesa era pari a 192 euro su base annua. Per una coppia con 1 figlio, la tipologia di nucleo familiare ora più diffusa in Italia, il risparmio è di 113 euro, anche se il rialzo per le compere quotidiane è di 120 euro (era 174 a maggio), per una famiglia media la deflazione a 0,3% permette un ribasso del costo della vita di 96 euro, anche se 99 euro in più vanno spesi per i beni alimentari e per la cura della casa e della persona. Nel mese precedente, comunque, erano 144 euro in più" conclude Dona.

 

 

Tabella: spesa aggiuntiva annua per tipologia familiare e divisioni di spesa (valori in euro)

DIVISIONI DI SPESA

Famiglia media Istat

Coppia

con 2 figli

Coppia

con 1 figlio

Inflazione annua di

luglio

Prodotti alimentari e bevande analcoliche

89,14

119,79

107,75

1,6

Bevande alcoliche e tabacchi

11,06

12,97

13,77

2

Abbigliamento e calzature

13,76

24,01

18,02

1

Abitazione, acqua, elettricità e combustibili

-125,99

-133,81

-134,21

-3,6

Mobili, articoli e servizi per la casa

13,20

15,03

15,60

1

Servizi sanitari e spese per la salute

9,94

10,97

10,95

0,7

Trasporti

-114,20

-178,31

-155,32

-3,3

Comunicazioni

-29,89

-39,75

-36,43

-4,2

Ricreazione, spettacoli e cultura

1,52

2,41

1,90

0,1

Istruzione

2,28

6,34

3,43

1,2

Servizi ricettivi e di ristorazione

-3,12

-4,85

-4,01

-0,2

Altri beni e servizi

36,47

50,15

45,85

1,6

TOTALE RINCARO ANNUO (*)

-96

-115

-113

-0,3

 

 

 

 

 

Rincaro CARRELLO DELLA SPESA

99

133

120

1,5

Fonte: Unione Nazionale Consumatori su dati Istat

 

 

Post più popolari