Agenzia Stampa Aspapress

Autorizzazione Tribunale di Forlì 6/91 del 8 marzo 1991 - Anno XXX - Registro Nazionale della Stampa 02659 - Registro Operatori Comunicazioni n. 1187 - Direttore Editoriale e responsabile Enzo Fasoli - Casella postale 19152 - 00173 Roma Cinecittà est - Responsabile dati: Carlo Carbone - Capo redattore Cristiano Rocchi. Associazione Periodici Associati: Presidente Enzo Fasoli - Responsabile settore: Angelo Misseri - Redazione Daniela Zappavigna.

Cerca nel blog

Pagine

10 ottobre 2021

MANIFESTAZIONE MOVIMENTO LILLA. MINISTERO DELLA SALUTE ROMA PER RICHIEDERE CURE TEMPESTIVE PER COLORO CHE SONO AFFETTI DA DCA

 

DISTURBI ALIMENTARI: L'ATTESA CHE UCCIDE

 

MANIFESTAZIONE ORGANIZZATA

DAL MOVIMENTO LILLA

 

 

PER CHIEDERE CURE TEMPESTIVE PER I MALATI AFFETTI DA DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE – ANORESSIA – BULIMIA – BINGE EATING

 

INSIEME A LORO ALCUNI MEDICI ESPERTI DI QUESTA PATOLOGIA  DA SEMPRE IN PRIMA LINEA FRA I QUALI IL

DOTT. LEONARDO MENDOLICCHIO MEDICO PSICHIATRA E PSICANALISTA

 

In Italia, la possibilità di cura, se si soffre di un disturbo del comportamento  alimentare (DCA), è affidata alla fortuna e al caso. Se prima della pandemia la situazione era grave, ora è disastrosa. La sanità ha certamente dovuto gestire una straordinaria emergenza negli ultimi due anni, ma non si può tollerare che i ragazzi continuino a morire nell'attesa che si liberi un posto per potersi curare: dati dell'Osservatorio ASL Roma 1 rivelano infatti un aumento del 231,7% delle richieste di presa in carico nella fascia 12-17 anni confrontando i 15 mesi precedenti il primo lockdown (gennaio 2019 - marzo 2020) e i 15 mesi successivi alle prime riaperture (maggio 2020 – luglio 2021).

 

Per questi motivi, il neonato Movimento Lilla, formato da genitori di ragazzi e ragazze affetti da disturbi del comportamento alimentare (DCA), da pazienti guariti, da attivisti vicini a questa causa, affiancato da medici esperti di queste patologie, da sempre in prima linea per vincere questo male oscuro, ha organizzato una manifestazione davanti al Ministero della Salute, in Piazza Castellani, a Roma, per chiedere che la cura dei DCA disponga di un budget autonomo e vincolato per ogni regione italiana e che ogni regione sia tenuta a dotarsi dei livelli essenziali di assistenza per queste malattie che, per numeri e complessità, non possono essere accorpate economicamente al budget di psichiatria come accade ora.

 

In questo preciso momento, le liste d'attesa per una prima visita in molte regioni italiane sono di oltre tre mesi, se il paziente o la paziente è minorenne e di cinque-sei mesi per i maggiorenni, mentre sappiamo che la possibilità di guarigione da anoressia bulimia e binge eating è direttamente proporzionale alla tempestività delle cure. Quello che accade nell'attesa, invece, è che ragazze e ragazzi si aggravano, in un meccanismo perverso che li porta a lasciarsi andare alla malattia per poter essere degni delle cure di cui hanno un disperato bisogno.

 

Mentre interi reparti ospedalieri e residenze vengono smantellati o trasferiti, ci sono altre realtà come l'Istituto Auxologico Italiano di Piancavallo, che cercano di dare risposte in questa fase di emergenza tra mille difficoltà. Infatti,  il Dott. Leonardo Mendolicchio  Responsabile UOC Riabilitazione DCA assieme alla sua equipe, da sempre in prima linea per dare risposta ai pazienti di tutta Italia affetti da questi disturbi, si trova a confrontarsi con gravosi limiti normativi imposti da vincoli regionali che non facilitano la cura e la presa in carico di questi pazienti.

Ma le morti non si fermano e le istituzioni rispondono all'emergenza con un silenzio assordante.

E' infine necessaria una formazione adeguata degli operatori che si occupano di queste patologie e un lavoro consistente e organico di informazione e prevenzione. Prima di tutto, è tuttavia urgente garantire cure adeguate e tempestive su tutto il territorio italiano.

 

Perché di anoressia, bulimia e binge eating si muore e si muore non perché siano malattie incurabili, ma perché non ci si può curare subito e bene.

 

Hanno confermato la loro partecipazione, tra gli altri: Leonardo Mendolicchio (psichiatra, psicoterapeuta, direttore Riabilitazione UOC DCA Istituto Auxologico, Piancavallo, direttore scientifico Comunità Lo Specchio Iglesias), Stefano Tavilla (presidente Mi Nutro di Vita), Mariella Falsini (Presidente Associazione Perle Onlus), Maruska Albertazzi (autrice, regista e attivista), Carlotta Fiasella (modella e influencer), Lisa Guidi (psichiatra, psicoterapeuta, presidente SISDCA Toscana), Laura Dalla Ragione (psichiatra, psicoterapeuta, direttore rete DCA USL 1 – Umbria),  Armando Cotugno (psichiatra, psicoterapeuta, direttore UOSD DCA della ASL Roma 1), Alba Toninelli (youtuber, influencer), Enrico Prosperi (medico, psicoterapeuta, presidente SIET), Emanuela Giordano (regista, autrice), Valeria Lusztig (scrittrice, attivista), Francesca Lazzari (presidente Così come sei Onlus), Manuela Romagnoli (neuropsichiatra e psicoterapeuta)