Agenzia Stampa Aspapress

Autorizzazione Tribunale di Forlì 6/91 del 8 marzo 1991 - Anno XXX - Registro Nazionale della Stampa 02659 - Registro Operatori Comunicazioni n. 1187 - Direttore Editoriale e responsabile Enzo Fasoli - Casella postale 19152 - 00173 Roma Cinecittà est - Responsabile dati: Carlo Carbone - Capo redattore Cristiano Rocchi. Associazione Periodici Associati: Presidente Enzo Fasoli - Responsabile settore: Angelo Misseri - Redazione Daniela Zappavigna.

2 febbraio 2019

Ai Cinecibo Awards di Roma Placido premierà Haber, Capitani e Guaglianone e tanti ospiti l'11 marzo al The Churh Palace


Ai Cinecibo Awards di Roma Placido premierà Haber, Capitani e Guaglianone

Svelati i primi premiati nomi che saranno premiati nella cerimonia dei Cinecibo Awards che si terrà l'11 marzo al The Churh Palace di Roma. Il presidente Michele Placido premierà Haber, Capitani e Guaglianone per film "In viaggio con Adele" in cui emerge in modo chiaro il connubio tra cinema e cibo.
Una delle scene più divertenti della stagione infatti è quella in cui Alessandro Haber, scoperto di avere una figlia di cui vuole liberarsi anche se lungo il viaggio ci si affeziona (Sara Serraiocco), si trova a pranzo, militante salutista, vegetariano, paranoico e attento a qualsiasi cosa possa far male, ma davanti ad una bistecca si avventa sulla stessa scatenando risate in sala.
Nella serata verranno premiati da Michele Placido  (presidente di Cinecibo, progetto ideato da Donato Ciociola) per il film "In viaggio con Adele" Alessandro Haber come miglior attore, Alesssandro Capitani per miglior opera prima, Isabella Cocuzza e Arturo Paglia della Paco Cinematografica com migliori produttori  (il film è stato distribuito dalla Vision Distribution) e premio come miglior sceneggiatore della stagione a Nicola  Guaglianone  (che ha anche scritto il film che nel 2018 ha totalizzato più ingressi in sala "La befana vien di notte") che già in altri due film aveva scritto scene con il cibo come "Lo Chiamavano Jeeg Robot" (con l'iconico  budino di crema alla vaniglia) e "Sono tornato". Riconoscimento anche a Sara Serraiocco come Young Rising Star, tra le nostre giovani attrici più richieste all'estero.

Nelle prossime settimane verranno svelati anche gli altri quattro vincitori del Cinecibo award , il premio alla Migliore Attrice della stagione e al Miglior Attore alla carriera. Premio anche ad uno chef e ad un noto personaggio tv.

Come di consueto la serata dell'11 marzo si concluderà con la degustazione di piatti proposti dallo chef del The Church Palace Domenico Cascone, che saranno preparati o abbinati con alcuni prodotti alimentari vanto della tradizione culinaria campana. Tra questi il Carciofo di Paestum IGP prodotto da Terra Orti, il Cipollotto Nocerino Dop prodotto dalla O.P. AOA, la 'Zizzona di Battipaglia' del Caseificio La Fattoria, i vini San Salvatore 1988, i pani degli 'Chef dei Grani' Helga Liberto e Vito De Vita.

Partner dell'iniziativa sono: Lucana Film Commission, Cinecittà News, AOA, Terra Orti, Amaro di Paestum, The Church Palace Rome, Inteli Comunicazione, Nikem Studio.
Che dite di partecipare con una donazione per contribuire all’ acquisto di un pulmino con pedana per trasporto disabili e anziani con difficoltà; e/o anche ausili per mobilità motoria e assistenza.

Puoi versare quanto puoi o vuoi

POSTAPAY 5333 1710 6407 7791 – IBAN IT84O3608105138219438319445
BIC/SWIFT PPAYITR1XXX

SOSTENETE L'Associazione Stampa Periodici Associati ASPAPRESS 
l' Agenzia Stampa diretta da Enzo Fasoli, dal 8 marzo 1991,
gli articoli pubblicati sono frutto di un lavoro quotidiano di selezione e pubblicazione gratuita.  WWW.ASPAPRESS.IT – CRONACHEDEL2000.IT dal 1991 – ROMAGNASERA.IT dal 1982 - ENZOFASOLI.COM- LEMUSEINSCENA-IT dal 2003 – TEATRODELLEMOZIONI.IT dal 2004  SOCIAL  FACEBOOK – GOOGLE – TWITTER – PINTEREST - E ALTRI 8 SITI COLLEGATI
ISCRIVITI ALLA PAGINA FACEBOOK AGENZIA STAMPA ASPAPRESS
E IN Yutube AL CANALE ASPAPRESS
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci ON LINE CON CARTA DI CREDITO con un piccolo contributo/DONAZIONE della somma che credi tu che potrai detrarre dalla dichiarazione dei redditi.
1)      DONAZIONE ATTIVITA’ REDAZIONE
2)      DONAZIONE PER L’ACQUISTO DI UN MEZZO PER TRASPORTO DIVERSAMENTE ABILI E ANZIANI ANCHE CARROZZATI
SEGUIRA’ RICEVUTA DETRAIBILE DALLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI

POSTA PAY 5333 1710 6407 7791 – IBAN IT84O3608105138219438319445
BIC/SWIFT PPAYITR1XXX

Info:
per i vostri comunicati: redazioneroma@aspapress.it
informazioni donazioni: aspapress.roma@gmail.com

TEATRO VASCELLO: DOPO LA PROVA con Ugo Pagliai, Manuela Kustermann e Arianna Di Stefano dal fino al 10 febbraio 2019 - LA SPADA NELLA ROCCIA: LA STORIA DI RE ARTÙ family show 26-27/1 e 2-3/2 e tanto altro Teatro Vascello Roma


fino al 10 febbraio 2019  
debutto giovedì  h 21 e dal martedì al sabato h. 21 domenica h 18 (teatro) 
Centro di Produzione Teatrale La Fabbrica dell'Attore – Teatro Vascello (Roma)
Milleluci Entertainment
DOPO LA PROVA di Ingmar Bergman

con Ugo Pagliai, Manuela Kustermann e Arianna Di Stefano
regia Daniele Salvo
In un tempo sospeso, nella penombra di un vecchio palcoscenico, Henrik Vogler, grande regista e direttore di teatro, è seduto su una poltrona, immobile. Appare quasi imbalsamato. D'improvviso appare sulla scena Anna Egerman, giovane attrice interprete della Figlia di Indra nella pièce diretta da Vogler. Da questo momento inizia un confronto serrato tra i due che, sospesi in una zona di confine, in una sorta di limbo extra-quotidiano in cui tutto è concesso, si permettono finalmente di dire la verità. Le loro ansie, le loro paure, i loro desideri. Poi entra sulla scena di Rakel, attrice di mezza età che introduce altri temi bergmaniani di straordinaria pregnanza: la percezione del tempo, la paura della vecchiaia, la straordinaria fragilità dell'animo, quella di Rakel è una figura che si muove sul filo del rasoio, un'artista distrutta dal suo stesso talento.


Teatro Vascello Spettacolo adatto per TUTTA LA FAMIGLIA, Via Giacinto Carini 78 Monteverde Roma info 065898031 – 065881021,promozione@teatrovascello.itpromozioneteatrovascello@gmail.com
prezzi 10 euro per tutti
2-3 febbraio 2019 sabato h 17 – domenica h 15  
La Fabbrica dell'Attore – Teatro Vascello/Associazione Nomen Omen 
LA SPADA NELLA ROCCIA: LA STORIA DI RE ARTÙ

adattamento teatrale e regia di Danilo Zuliani
con Alessandra Cavallari - goverante Nunù
Dimitri D'Urbano - SIR Ector e Pellinore
Luca Laviano - Sir Kay e Archimede
Riccardo Grandi - Artù
Alessandra Maccotta - Maga Vegana
Vincenzo Paolicelli - Sir Kay e Archimede
Danilo Zuliani - Mago Merlino
musiche originali di Michele Piersanti
eseguite dal vivo da Michele Piersanti e Francesco Sennis

Un giorno qualunque, un giorno normale,
con occhi più attenti diventa speciale.
Come ogni seme, portato dal vento, 
in terra sepolto diventa portento. 
Il piccolo Artù, come ogni bambino, 
è un seme caduto con un grande destino.
"Chiunque estrarrà questa spada da questa roccia sarà re" ovvero l'avvincente saga del leggendario Artù, nel suo percorso formativo che da fanciullo lo porterà ad essere un uomo. Un percorso avventuroso, denso di scoperte, accompagnato e sostenuto da un maestro d'eccezione: il saggio Mago Merlino. Una commedia musicale con atmosfere medievali in ambiente fantastico e armonizzato dalle note della musica dal vivo. fascia d'età consigliata per tutti - pubblico delle famiglie
Tecnica d'attore e musica dal vivo

Per ogni spettacolo si organizzano feste di compleanno presso il teatro abbinate agli spettacoli per i bambini, info ai numeri del teatro vascello. Per contattarci >>> Cristina D'Aquanno ufficio promozione 3405319449 (cellulare) Teatro Vascello 06 5881021 – 06 5898031   


Promozione 12 euro a persona compreso AperiShakespeare conferma ai numeri 065898031 - 065881021 promozione@teatrovascello.it - promozioneteatrovascello@gmail.com 
Teatro Vascello Via Giacinto Carini 78 Roma  
A seguire APERISHAKESPEARE
dal 31 gennaio al 14 marzo 2019 tutti i giovedì h.18
presso il Foyer letterario, per 10 appuntamenti
Vittorio Viviani in


QUEL COPIONE DI SHAKESPEARE 

Lettura espressiva delle novelle italiane che hanno ispirato il bardo
Vittorio Viviani interpreta :
LA MOSSA DELL'ALFIERE
(Otello - G. B. Giraldi Cinzio) - 31 gennaio h 18
Ogni giovedì Viviani ci farà scoprire uno straordinario novelliere italiano da cui Shakespeare ha tratto le sue opere più famose
Seguiranno :
DUE PESI E DUE MISURE
(Misura per misura - G. B. Giraldi Cinzio) -  7 febbraio h 18

I DUE GEMELLI MARCHIGIANI
(La dodicesima notte - M. Bandello) -  14 febbraio h 18

AMORE A PEZZI
(Tito Andronico - M. Bandello)  - 21 febbraio h 18

APERTURA AL BUIO
(Tutto è bene quel che finisce bene - G. Boccaccio) -  28 febbraio h 18

LA INCONTRAI PER CASO A MESSINA
(Molto rumore per nulla - M. Bandello) - 7 marzo h 18

LA BUONA, IL BRUTTO E IL CATTIVO
(Cimbelino - G. Boccaccio) - 14 marzo h 18


Promozione 10 euro a persona e accompagnatori conferma dicendo della promo ai numeri 065898031 - 065881021 promozione@teatrovascello.it - promozioneteatrovascello@gmail.com
Teatro Vascello Via Giacinto Carini 78  Monteverde Roma
Lunedì 4 febbraio  2019 h 21 musica   
GERMANO MAZZOCCHETTI ENSEMBLE
Un gioco sottile
Germano Mazzocchetti, fisarmonica 
Francesco Marini, sax soprano e clarinetti  Paola Emanuele,viola  
Marco Acquarelli, chitarra  Luca Pirozzi, contrabbasso  Sergio Quarta, percussioni
 Il Germano Mazzocchetti Ensemble è attivo da più di dieci anni.
Ha pubblicato i cd "Testa sghemba" (Egea) e "Asap" (Incipit).
Le musiche di Mazzocchetti attingono a sonorità popolari e mediterranee, unite a citazioni jazzistiche e rimandi alla tradizione colta. Il risultato è una musica caratterizzata da uno spiccato sincretismo linguistico, che bene si allinea ad alcune tra le più interessanti esperienze della musica d'oggi.
 


L'Evento dell'anno Teatro Vascello Via Giacinto Carini 78  Monteverde Roma

dal 13 al 24 febbraio 2019 da mercoledì a sabato alle ore 21:00 Domenica alle ore 18:00   

Odin Teatret 
 prenotazione obblgatoria per un massimo di 100 spettatori a sera
Biglietteria: servizio di prenotazione per tutti gli spettacoli € 1 a biglietto Prosa: intero € 20 - ridotto over 65 € 15 - ridotto studenti € 12 – Popolo segreto dell'Odin: € 100
conferma ai numeri 065898031 - 065881021 promozione@teatrovascello.it - promozioneteatrovascello@gmail.com 
L'ALBERO regia Eugenio Barba


attori Luis Alonso, Parvathy Baul, I Wayan Bawa, Kai Bredholt, Roberta Carreri, Elena Floris, Donald Kitt, Carolina Pizarro, Fausto Pro, Iben Nagel Rasmussen , Julia Varley
Scenografia e luci Luca Ruzza  OpenLab Company
disegno e realizzazione dell'albero Giovanna Amoroso e Istvan Zimmermann, Plastikart
costumi e oggetti Odin Teatret,
direzione musicale Elena Floris,
marionette Niels Kristian Brinth, Fabio Butera, Samir Muhamad, I Gusti Made Lod
teste delle bambole Signe Herlevsen,
drammaturgo Thomas Bredsdorff  consulente letterario Nando Taviani, testo Odin Teatret
assistenti alla regia Elena Floris, Julia Varley
L'albero della Storia cresce forte e morto.
Intorno ad esso, bambini soldato e monaci in preghiera danzano insieme a signori della guerra, a una madre rabbiosa, e alla figlia di un poeta che, da bambina, sognava di volare via con il padre.
Due narratori presentano e commentano scene e personaggi. Nel deserto siriano due monaci yazidi piantano un albero di pere per richiamare gli uccelli che sono scomparsi. In Nigeria una madre riposa sotto l'ombra dell'albero della dimenticanza tenendo in braccio la testa di sua figlia nascosta in una zucca. Un signore della guerra europeo spiega la necessità di pulizia etnica a un signore della guerra africano che compie un sacrificio umano per rendere invulnerabile il suo esercito di bambini soldato prima di condurli in battaglia. Una bambina gioca con le sue bambole intorno all'albero piantato dal padre quando è nata. Si chiede come gli uccelli vedano la terra dal cielo. Alla fine l'albero della Storia si piega sotto il peso della frutta e offre una casa agli uccelli che volano sopra le teste degli spettatori.  Ma che tipo di uccelli sono?
DIMOSTRAZIONI DI LAVORO
Mer 13 febbraio - ore 12:00 L'eco del silenzio, dimostrazione-spettacolo
con Julia Varley, al Teatro Vascello
Gio 14 febbraio - ore 11:00 Orme sulla neve, dimostrazione-spettacolo
con Roberta Carreri, al Teatro Vascello
Lun 18 febbraio - ore 20:30
Da Amagaki a Shibugaki, geografia di
un apprendistato, dimostrazione-spettacolo
con Carolina Pizarro, al Teatro Argot Studio
Mer 20 febbraio - ore 11:00
Il cammino di Nora, dimostrazione-spetta-
colo con Roberta Carreri, al Teatro Vascello
Gio 21 febbraio - ore 11:00
Il fratello morto, dimostrazione-spettacolo
con Julia Varley, al Teatro Vascello
Ven 22 febbraio - ore 11:00
L'attore totale, dimostrazione-spettacolo
con I Wayan Bawa (Bali), al Teatro Vascello
Sab 23 febbraio - ore 11:00
Il tappeto volante, dimostrazione-spettacolo con Julia Varley, al Teatro Vascello
BIGLIETTI Dimostrazioni di lavoro: € 5
Abbonamento Free Classic € 90,00: 10 spettacoli a scelta programmazione prosa, musica e danza
Abbonamento Love € 80,00: 4 spettacoli in coppia, a scelta programmazione prosa, musica e danza
Abbonamento Family € 40,00: programmazione Vascello dei Piccoli 5 ingressi cumulabili per adulti e bambini
Card regalo del Teatro Vascello da € 48: 4 ingressi prosa, musica, danza o 6 ingressi vascello dei piccoli
Come raggiungerci con mezzi privati: Parcheggio per automobili lungo Via delle Mura Gianicolensi, a circa 100 metri dal Teatro. Parcheggi a pagamento vicini al Teatro Vascello: Via Giacinto Carini, 43, Roma; Via Maurizio Quadrio, 22, 00152 Roma, Via R. Giovagnoli, 20,00152 Roma
Con mezzi pubblici : autobus 75 ferma davanti al teatro Vascello che si può prendere da stazione Termini, Colosseo, Piramide, oppure: 44, 710, 870, 871. Treno Metropolitano : da Ostiense fermata Stazione Quattro Venti a due passi dal Teatro Vascello. Oppure fermata della metro Cipro e Treno Metropolitano fino a Stazione Quattro Venti a due passi dal Teatro Vascello.

Che dite di partecipare con una donazione per contribuire all’ acquisto di un pulmino con pedana per trasporto disabili e anziani con difficoltà; e/o anche ausili per mobilità motoria e assistenza.

Puoi versare quanto puoi o vuoi

POSTAPAY 5333 1710 6407 7791 – IBAN IT84O3608105138219438319445
BIC/SWIFT PPAYITR1XXX

SOSTENETE L'Associazione Stampa Periodici Associati ASPAPRESS 
l' Agenzia Stampa diretta da Enzo Fasoli, dal 8 marzo 1991,
gli articoli pubblicati sono frutto di un lavoro quotidiano di selezione e pubblicazione gratuita.  WWW.ASPAPRESS.IT – CRONACHEDEL2000.IT dal 1991 – ROMAGNASERA.IT dal 1982 - ENZOFASOLI.COM- LEMUSEINSCENA-IT dal 2003 – TEATRODELLEMOZIONI.IT dal 2004  SOCIAL  FACEBOOK – GOOGLE – TWITTER – PINTEREST - E ALTRI 8 SITI COLLEGATI
ISCRIVITI ALLA PAGINA FACEBOOK AGENZIA STAMPA ASPAPRESS
E IN Yutube AL CANALE ASPAPRESS
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci ON LINE CON CARTA DI CREDITO con un piccolo contributo/DONAZIONE della somma che credi tu che potrai detrarre dalla dichiarazione dei redditi.
1)      DONAZIONE ATTIVITA’ REDAZIONE
2)      DONAZIONE PER L’ACQUISTO DI UN MEZZO PER TRASPORTO DIVERSAMENTE ABILI E ANZIANI ANCHE CARROZZATI
SEGUIRA’ RICEVUTA DETRAIBILE DALLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI

POSTA PAY 5333 1710 6407 7791 – IBAN IT84O3608105138219438319445
BIC/SWIFT PPAYITR1XXX

Info:
per i vostri comunicati: redazioneroma@aspapress.it
informazioni donazioni: aspapress.roma@gmail.com

CLASSICI DEL SECOLO FUTURO - NUOVA EDIZIONE dal 6 febbraio


RASSEGNA CLASSICI DEL SECOLO FUTURO
ATTI UNICI - 3° ANNO ACCADEMIA STAP

Ritorna in scena la rassegna "Classici del secolo futuro" che vede protagonisti della riscrittura e dell'interpretazione dei testi gli allievi del Terzo anno della Stap Brancaccio, Accademia di recitazione, drammaturgia e regia, sostenuti dai loro insegnanti.
Il primo appuntamento in programma è previsto il 6 e 7 febbraio 2019 ore 21.00 presso lo Spazio Diamante. In scena IL TUFFO, tratto dal terzo atto di "Piccola città" di T. Wilder, a cura di Alberto Bellandi, Virginia Franchi e Lorenzo Gioielli.
"È il terzo anno dei Classici del Secolo Futuro. Abbiamo creato questa rassegna perché di volta in volta interrogasse il tempo presente, con strumenti perfetti come i Classici. Strumenti, appunto, per creare nuovi testi e dar voce alle nuove generazioni, permettendogli di dialogare col pubblico giovane e meno giovane.
Questo anno ci siamo concentrati su quello che potremmo definire il romanzo di formazione, nel senso più allargato e forse impreciso del termine. Costruire una coscienza dei personaggi, della propria autorialità, giungere infine alla responsabilità di quel che significa fare spettacolo oggi. Grande attenzione ai significati, a morte la noia teatrale, a morte la superficialità, tornare a una poeticità del reale e del fantastico.
La morte, la vita, i sensi, la follia, la dura ma ridicola realtà degli artisti, queste, in ordine sparso, le questioni che verranno affrontate.
I "Classici del secolo futuro" restituiscono il nucleo pulsante e vivo del concetto stesso di "classico". Si occupano della riscrittura e dell'interpretazione dei testi gli allievi del Terzo anno della Stap Brancaccio, Accademia di recitazione, drammaturgia e regia, provocati e sostenuti dagli insegnanti e dalle molte esperienze creative vissute nel triennio. Nel rispetto di un teatro sinceramente popolare, giovane. Emozionante".
                  Lorenzo Gioielli 

6 - 7 febbraio 2019 ore 21.00 SPAZIO DIAMANTE – via Prenestina, 230
IL TUFFO
Dal terzo atto di "Piccola città" di T. Wilder
A cura di: Alberto Bellandi, Virginia Franchi, Lorenzo Gioielli

La fine delle nostre vite è un tuffo. Dove si finisce e perché non è dato saperlo. Probabilmente in un luogo transitorio, per esempio una spiaggia, in attesa di recarsi verso l'ultima meta. Un uomo visita il cimitero, così appare ai suoi occhi, per parlare con uno degli ospiti della spiaggia. Il guardiano, l'unico vivo che coi morti parla e che dei morti sa tutto (o quasi) dopo aver custodito per anni, gelosamente, la sua natura di medium, decide di aiutarlo.
Ma cosa c'è dopo la spiaggia? E quando i morti potranno finalmente trasferirsi?
Perché la morte somiglia tanto alla vita?
21 – 22 marzo 2019 ore 20.00 BRANCACCINO – Via Mecenate, 2
ODIO STANISLAVSKIJ
Da "Romanzo teatrale" di M. Bulgakov
A cura di: Daniele Prato e Giampiero Rappa

Maksudov lavora come giornalista presso una rivista letteraria. Sogna di vivere scrivendo libri, ma la strada davanti a lui è colma di ostacoli e ancora più impervia diventa quando Maksudov si affaccia al teatro. Qui incontra una coltre di personaggi lunatici e folli, tra cui uno Stanislavskij dipinto con tinte stravaganti. Sarà proprio il teatro a disgregare le poche certezze che Maksudov reca in sé, immettendolo in un turbinio di angosce e di domande senza risposta.
17 – 18 aprile 2019 ore 21.00 SPAZIO DIAMANTE – via Prenestina, 230
LA CLASSE
Da "Alice nel paese delle meraviglie" di L. Carroll
A cura di: Marco Cavalcoli, Katia Ippaso
Una classe e un segreto da rivelare nell'ora delle favole: la notte. Alice ha un sogno da raccontare ai suoi compagni. Insieme si troveranno ad affrontare animali fantastici e bestie feroci, saranno lanciati in luoghi sconosciuti, cresceranno a dismisura e torneranno più piccoli delle formiche, parteciperanno a feste e processi; lì rideranno e avranno paura finché il sogno li travolgerà completamente prendendo il sopravvento sulla realtà.
22 – 23 maggio 2019 ore 21.00 SPAZIO DIAMANTE – via Prenestina, 230
PRIMAVERE
Da "Risveglio di primavera" di F. Wedekind
A cura di: Virginia Franchi, Katia Ippaso

È giusto recidere i primi germogli della passione? Come la primavera prende corpo e colore nei fiori, così l'adolescenza prepotentemente si impossessa e plasma la forma e il pensiero di un gruppo di giovani che si trova sulla soglia tra l'infanzia e la vita adulta. In questa zona d'ombra, la rigidità del contesto sociale fa da gabbia ai loro animi e trasforma anche la gioia della scoperta in pomeriggi, notti e giorni di grande tormento.
Scritti e interpretati da:
FRANCO ANTONELLI, MATTEO BERGAMO, ROBERTO CASTELLO, MELANIA MARIA CODELLA, GEMMA COSTA, FRANCESCO IORIO, MATTIA LATTANZI, NICOLE MASTROIANNI, MARIA MAURIGI, GABRIELE RAHO, SIMONE SCARAFONI, LUDOVICA TEGLIA
INFO E PRENOTAZIONI:
SPAZIO DIAMANTE – via Prenestina, 230 TEL. 06 27858101
BRANCACCINO - Via Mecenate, 2 TEL. 06 80687231
Biglietti: € 8,00 intero (online 8 euro + 1 euro di prevendita)
€ 6,00 ridotto


Editoria digitale vs tradizionale: l'importanza della cultura giusta nell'approccio digitale




Editoria digitale: fanno flop gli editori tradizionali che si improvvisano, volano gli editori nati con il digitale, la microeditoria ed il self-publishing.

Nel 2018 +29% di download di ebook. E la tendenza è di crescita ulteriore.



I dati ISTAT di settore ci hanno detto che gli ebook stentano a decollare in Italia, non superando il 10% del fatturato degli editori tradizionali. Si tratta di un dato molto parziale, perché appunto prende in considerazione le case editrici “tradizionali”, che hanno scoperto l’editoria digitale relativamente da poco, spesso adattando semplicemente i propri titoli: solo il 15% degli ebook pubblicati sono davvero digitali o multimediali.

Ci sono invece altri dati che ci testimoniano una realtà ben diversa: l’editoria elettronica in Italia cresce costantemente, ma non attraverso i “big” della carta stampata. Nel 2018 su Amazon i titoli di ebook di microeditori, di editori digitali “puri” oppure autoprodotti con il self-publishing, si stima siano cresciuti del 23% rispetto al 2016. I download sono aumentati del 29%. E guardando al settore più ampio e non solo ad Amazon, i numeri sono anche più importanti. La Bruno Editore, nata digitale ed una delle prime a portare gli ebook in Italia nel 2002, in due anni ha aumentato il fatturato del 217%, pubblicando 104 nuovi titoli con oltre 200.000 download. Tutti titoli che sono diventati in breve tempo “bestseller” proprio su Amazon.

“I vecchi editori, anche quando cercano di inseguire il digitale, non hanno la cultura, la visione, l’approccio “digitale”. Prova ne è che il 90% degli ebook messi sul mercato sono solo la riproposizione di quello che è in libreria, senza alcuna capacità di innovazione. - ha dichiarato Giacomo Bruno, che gli ebook li produce da oltre 17 anni - Il digitale ha “democratizzato” l’editoria, l’ha diffusa, ha aperto le porte a migliaia di microeditori, di autori che si sono autopubblicati, che hanno fatto anche numeri importanti. E che non sono “registrati” dalle statistiche ufficiali, perché spesso sfuggono anche alla stretta categoria di “editoria”. Basti pensare ai molti prodotti digitali e servizi che possono nascere attorno ai titoli, dai videocorsi alle community, fino all’autopromozione di imprenditori e professionisti.”

“In Italia l’editoria digitale cresce eccome, semplicemente questo non accade secondo i vecchi schemi. Le case editrici tradizionali spesso non hanno gli strumenti per comprenderlo: noi ogni anno organizziamo un corso di tre giorni per insegnare a chi lo desidera a progettare, scrivere e saper vendere il proprio libro su Amazon nel settore dei manuali. Ebbene, ogni anno registriamo il tutto esaurito, hanno partecipato più di 2.000 persone, quest’anno puntiamo ad aumentarli ancora. E non si tratta di curiosi, il corso è a pagamento, i partecipanti sono soprattutto professionisti ed imprenditori, persone competenti che hanno il desiderio di “scrivere” e di pubblicare con noi o in autonomia il loro titolo. C’è quindi molta attenzione verso gli ebook, basta solo saperla vedere.” - ha concluso Giacomo Bruno.

Che dite di partecipare con una donazione per contribuire all’ acquisto di un pulmino con pedana per trasporto disabili e anziani con difficoltà; e/o anche ausili per mobilità motoria e assistenza.

Puoi versare quanto puoi o vuoi

POSTAPAY 5333 1710 6407 7791 – IBAN IT84O3608105138219438319445
BIC/SWIFT PPAYITR1XXX

SOSTENETE L'Associazione Stampa Periodici Associati ASPAPRESS 
l' Agenzia Stampa diretta da Enzo Fasoli, dal 8 marzo 1991,
gli articoli pubblicati sono frutto di un lavoro quotidiano di selezione e pubblicazione gratuita.  WWW.ASPAPRESS.IT – CRONACHEDEL2000.IT dal 1991 – ROMAGNASERA.IT dal 1982 - ENZOFASOLI.COM- LEMUSEINSCENA-IT dal 2003 – TEATRODELLEMOZIONI.IT dal 2004  SOCIAL  FACEBOOK – GOOGLE – TWITTER – PINTEREST - E ALTRI 8 SITI COLLEGATI
ISCRIVITI ALLA PAGINA FACEBOOK AGENZIA STAMPA ASPAPRESS
E IN Yutube AL CANALE ASPAPRESS
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci ON LINE CON CARTA DI CREDITO con un piccolo contributo/DONAZIONE della somma che credi tu che potrai detrarre dalla dichiarazione dei redditi.
1)      DONAZIONE ATTIVITA’ REDAZIONE
2)      DONAZIONE PER L’ACQUISTO DI UN MEZZO PER TRASPORTO DIVERSAMENTE ABILI E ANZIANI ANCHE CARROZZATI
SEGUIRA’ RICEVUTA DETRAIBILE DALLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI

POSTA PAY 5333 1710 6407 7791 – IBAN IT84O3608105138219438319445
BIC/SWIFT PPAYITR1XXX

Info:
per i vostri comunicati: redazioneroma@aspapress.it
informazioni donazioni: aspapress.roma@gmail.com


Altre 2 giornaliste licenziate nella pi 'ingiusta causa' di Sky. Licenziate per non aver commesso il fatto. I reati contestati: insubordinazione e infedelt al padrone




Altre 2 giornaliste licenziate nella più 'ingiusta causa' di Sky. Licenziate per non aver commesso il fatto. I reati contestati: insubordinazione e ‘infedeltà’ al padrone


Sky ha cambiato padrone, ma sempre di squali si tratta. Dopo la strage dei tecnici, con l'anno nuovo le giornaliste del Tg24 licenziate dalla multinazionale diventano cinque. Sì, tutte donne. No, non è un caso, né un dettaglio. Con un altro particolare non trascurabile: le ultime due, Chiara e Giovanna, sono dirigenti sindacali, per giunta USB, la sigla che due anni fa ha infranto il monopolio del sindacato unico della stampa, il solo a resistere come tale dai tempi del fascismo. Ma come è stato possibile?  Prendete un lavoratore. Anzi, una lavoratrice. Il suo capo le chiede: vuoi trasferirti a più di 500 km di distanza dalla tua casa e dalla tua famiglia? Tranquilla, è una libera scelta, a Sky il cambio di sede avviene solo ‘su base volontaria’: se vai ti do anche degli incentivi, firma qui. Lei risponde: beh se è una libera scelta vi rispondo di no: io voglio lavorare, ma non posso allontanarmi dalla mia famiglia, sono disponibile a lavorare a Roma - la mia sede da sempre - dove Sky ha una redazione nuova di zecca, con oltre 30 giornalisti. Se invece è un obbligo, allora trasferitemi voi così io potrò rivolgermi alla magistratura per chiedere se tra quei 30 proprio io sia obbligata ad andare a Milano. 
E sapete che succede? L'azienda non la trasferisce ma neppure la fa lavorare su Roma.  Ed infatti prima viene cacciata dall'azienda e relegata NOVE MESI a casa, in pieno reparto confino, del tutto illegittimamente privata del posto di lavoro e della sua professione. Poi, in pieno agosto, è improvvisamente ‘comandata’ per due mesi in redazione a Milano, con 48 ore di preavviso e senza alcuna motivazione: ‘trasferta comandata’, la chiama Sky. Trasferta punitiva, diciamo noi. Lei obbedisce, si organizza in fretta e furia e si presenta. Ma giunta finalmente a fine settembre la scadenza della trasferta, senza nessun preavviso arriva un altro ordine di lavorare ancora un mese a Milano e poi ancora un mese e poi ancora. Quella lavoratrice allora dice: se non mi dite definitivamente se devo lavorare a Roma o Milano, io non posso organizzami la vita e finché non me lo direte io non posso andare a Milano. E che fa Sky? Nulla (o quasi nulla): semplicemente smette di pagare lo stipendio e continua a ordinare trasferte una dopo l'altra. Finalmente, dopo sei mesi di mobbing mascherato da trasferta, a fine gennaio non arriva nessun nuovo ordine. Ma il festeggiamento dura pochi minuti: ieri infatti è arrivato il licenziamento in tronco.
Chiara e Giovanna, "gravemente insubordinate", sono licenziate per MANCANZA DI CORRETTEZZA, BUONAFEDE, DILIGENZA, FEDELTA' E LEALE COLLABORAZIONE!  Menomale che andare a Milano era una libera scelta! E poi: chi ha avuto un comportamento gravemente scorretto? Le due lavoratrici o Sky?  A voi la risposta, noi abbiamo la nostra: 
Sky confonde ‘l'obbligo di fedeltà all'azienda’ con l'obbedienza cieca al padrone, quella che noi umani preferiamo lasciare agli animali addomesticati.  Le lavoratrici e i lavoratori - ma ancor più i giornalisti - hanno invece l'obbligo di essere leali anche verso se stessi, nel rispetto della propria Dignità: difendendo le loro Libertà e i loro Diritti.

SKY 'NDO VAI - LAVORATORI E LICENZIATI SKY IN LOTTA USB MASS MEDIA

Che dite di partecipare con una donazione per contribuire all’ acquisto di un pulmino con pedana per trasporto disabili e anziani con difficoltà; e/o anche ausili per mobilità motoria e assistenza.

Puoi versare quanto puoi o vuoi

POSTAPAY 5333 1710 6407 7791 – IBAN IT84O3608105138219438319445
BIC/SWIFT PPAYITR1XXX

SOSTENETE L'Associazione Stampa Periodici Associati ASPAPRESS 
l' Agenzia Stampa diretta da Enzo Fasoli, dal 8 marzo 1991,
gli articoli pubblicati sono frutto di un lavoro quotidiano di selezione e pubblicazione gratuita.  WWW.ASPAPRESS.IT – CRONACHEDEL2000.IT dal 1991 – ROMAGNASERA.IT dal 1982 - ENZOFASOLI.COM- LEMUSEINSCENA-IT dal 2003 – TEATRODELLEMOZIONI.IT dal 2004  SOCIAL  FACEBOOK – GOOGLE – TWITTER – PINTEREST - E ALTRI 8 SITI COLLEGATI
ISCRIVITI ALLA PAGINA FACEBOOK AGENZIA STAMPA ASPAPRESS
E IN Yutube AL CANALE ASPAPRESS
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci ON LINE CON CARTA DI CREDITO con un piccolo contributo/DONAZIONE della somma che credi tu che potrai detrarre dalla dichiarazione dei redditi.
1)      DONAZIONE ATTIVITA’ REDAZIONE
2)      DONAZIONE PER L’ACQUISTO DI UN MEZZO PER TRASPORTO DIVERSAMENTE ABILI E ANZIANI ANCHE CARROZZATI
SEGUIRA’ RICEVUTA DETRAIBILE DALLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI

POSTA PAY 5333 1710 6407 7791 – IBAN IT84O3608105138219438319445
BIC/SWIFT PPAYITR1XXX

Info:
per i vostri comunicati: redazioneroma@aspapress.it
informazioni donazioni: aspapress.roma@gmail.com

Post più popolari