Agenzia Stampa Aspapress

Autorizzazione Tribunale di Forlì 6/91 del 8 marzo 1991 - Anno XXX - Registro Nazionale della Stampa 02659 - Registro Operatori Comunicazioni n. 1187 - Direttore Editoriale e responsabile Enzo Fasoli - Casella postale 19152 - 00173 Roma Cinecittà est - Responsabile dati: Carlo Carbone - Capo redattore Cristiano Rocchi. Associazione Periodici Associati: Presidente Enzo Fasoli - Responsabile settore: Angelo Misseri - Redazione Daniela Zappavigna.

20 gennaio 2018

SAMUELE CAVALLO UN ARTISTA PERFORMER CHE EMOZIONA RICERCATO PER LA SUA PROFESSIONALITA'. DA POVERI MA BELLI TUTTO UN CRESCENDO


Samuele Cavallo un vero artista professionista ne ricordo un esempio emblematico quando ancora giovanissimo impegnato nello "Schiaccianoci", nel 2006,subito dopo lo spettacolo del mattino prese un treno per andare a fare uno spettacolo a Bari e terminata la serata riprese un bus per essere al Teatro delle Emozioni al mattino per i consueti e calorosi applausi del pubblico delle scuole. Può sembrare un episodio superficiale ma non lo è, anzi è la dimostrazione professionale che chi voleva ottenere risultati sapeva anche affrontare sacrifici. In quell' anno il passo fu breve dopo i provini entrò nel cast al Teatro Sistina debuttando in Poveri ma belli, regia di Massimo Ranieri, (cover Romolo), Dopo le 2 stagioni fu un crescendo di presenze importanti da "Non abbiate paura" (Marek), Aladin il musical di Stefano d'Orazio (cover di Aladin), Raffaello e la leggenda della Fornarina, Priscilla La Regina del Deserto, il musical, (Material Girl boy, Cover Adam), La Febbre del Sabato Sera (Gus, cover Bobby), Ghost, il musical, Best Of Musical, The Blues Legend (Sam). Cinema e Televisione: La terra, regia di Sergio Rubini (Francesco), Destiny level, regia di Marcello Spoletini (Massimo), Tutti pazzi per amore 2 (corpo di ballo), Spot Grissinbon (co-testimonial). E tanti altri ancora.
Continua ad essere una conferma con un crescendo costante per dare emozioni al pubblico passando dal Musical al lavoro discografico. In questa breve chiaccherata ,in attesa che ritorni a Roma, scopriamo un po' di storia e i suoi progetti futuri.  
 Quando è nata la tua passione per la danza? Quali e dove i tuoi primi passi?
Quando ero piccolo ammiravo alcune star di Hollywood che sapevano fare tutto e avevano una grande padronanza del loro corpo. Quindi il mio sogno era di diventare un attore capace di cantare e ballare. Quindi parallelamente agli studi di canto, recitazione e pianoforte mi Son o iscritto ad una scuola di danza del mio paese e da lì la mia dedizione alla danza si è amalgamata alle altre discipline.
Sono passati 10 anni dal tuo schiaccianoci e poi dal tuo debutto al Sistina in Poveri ma Belli, cosa ricordi e quale l'emozione?
Ho avuto la fortuna di conoscere delle persone che mi hanno cambiato la vita. Massimo Ranieri e il Teatro Sistina mi hanno regalato un sogno...lo porterò sempre nel mio cuore quel periodo.
In questi anni quale le tue esperienze e i tuoi debutti?
 Ho avuto la fortuna di interpretare tanti ruoli e di fare tanti musical: Aladdin, Priscilla, Raffaello, Ghost, La Febbre del Sabato Sera, Newsies, The Blues Legend, West Side Story, The Bodyguard, I Promessi Sposi, La Divina Commedia, Non abbiate Paura ecc.
Per un certo periodo di tempo sei stato sempre a Roma ora a Milano quale è la differenza artistica e lavorativa delle due città?
Roma è meravigliosa ma mi ha fatto soffrire tanto: L'inizio della mia gavetta e le prime gioie e dolori. Milano mi ha dato una continuità, tante opportunità.
Quale di questi spettacoli quello che tieni nel cuore più di altri e perché?
Sicuramente Poveri ma belli: perché la mia audizione è durata un mese...5 provini, uno a settimana, ogni lunedì. Quando la produzione mi ha chiamato ero su una spiaggia: il telefono non prendeva e mi sono arrampicato su un ombrellone. Quando mi hanno detto che ero stato selezionato ho iniziato a urlare e piangere per la gioia.
Hai anche la passione per la canzone, componi sempre e in questi giorni sei riuscito a pubblicare il tuo singolo, come sei arrivato a scrivere questa canzone?
Ho sempre avuto la passione per la scrittura. Da piccolo, a 15 anni scrivevo le mie prime canzoni e partecipavo ai primi concorsi : SanremoLab, Tour Music Fest ecc. Questa canzone "Uno di noi" è nata perchè volevo sostenere un'associazione sportiva che aiuta bambini affetti da malattie reumatiche e bambini che non possono permettersi neanche le scarpe da calcetto a poter vivere lo sport. 
Nelle tue canzoni sono sempre espressioni ed emozioni della vita, da cosa sei ispirato? Quasi sempre sono dedicate
Da quello che mi accade intorno. A volte sono autobiografiche, a volte prendo spunto da altre storie.
Artista completo tra danza, recitazione e canto quali di queste attività preferisci?
Vivo in simbiosi con tutte e tre le cose ogni giorno della mia vita, ma cantare mi fa stare bene in ogni momento.
Per te la differenza tra danza e ballo?
Sono tutte e due espressioni artistiche attraverso il corpo. Forse il concetto di "ballo" è un Po più libero di quello della "danza" che comporta molta più disciplina. Ma fondamentalmente entrambi necessitano di sentimento, passione e della capacità di lasciarsi trasportare.
Nei tuoi sogni cosa ti aspetti dalla vita artistica?
Sogno un live a San Siro, un film con Ridley Scott e di duettare con Bruno Mara e Justin Timberlake. Cose molto grandi ma non per questo impossibili. A volte convivere con le illusioni in maniera sana, aiuta a essere genuinamente competitivi con sè stessi e a crescere.
Sei molto attaccato alla famiglia, una unità molto forte, ma, sei pronto per una tua famiglia?
La mia famiglia è il dono più importante che ho. Mia mamma, mia nonna e mio fratello le persone più importanti della mia vita. (n.d.r. non rilascia dichiarazioni sulla sua vita sentimentale ne anticipazioni)
Ora quale musical c'è in programma per te?
Sono in scena con Dirty Dancing nel ruolo di Billy e vi aspetto dal 5 Febbraio nei teatri d'Italia.
La tournèe di #DirtyDancing è sempre più vicina...toccheremo molte città italiane (Arezzo, Firenze, Bergamo, Napoli, Palermo, Catania, Brindisi, Bari, Trento, Brescia, Mantova, Como, BorgosesIa, Biella, Torino, Montecatini, Genova, Trieste, Gorizia, Padova, Bologna, Cassano Magnago, Legnano e Roma) per far rivivere la magia del film al suo trentesimo anniversario! 

Voglia di cinema e tv?
Quella sempre!!!!!!!
A Roma manchi da un pochino voglia di ritornare?
CI TORNO PER TUTTO IL MESE DI MAGGIO! Ci vediamo al Teatro Olimpico?


INTERVISTA ESCLUSIVA DI ENZO FASOLI PER AGENZIA DI STAMPA ASPAPRESS





19 gennaio 2018

PREGO daI Teatri del Sacro al TEATRO BRANCACCINO


26 – 28 gennaio 2018

PREGO
    la gallina la guerra e io

di e con Giovanna Mori

spettacolo vincitore della IV edizione del PREMIO FEDERGAT I TEARI DEL SACRO


Prego è la storia dell'incontro tra una donna e una gallina.
La donna abita in una casa su una strada larga di quelle che portano alla tangenziale.
La gallina è scappata dal camion che la portava alla fabbrica di hamburger di pollo.
La donna quel mattino ha letto una notizia sul giornale e si sente perduta.
La gallina invece, che è contenta di essere scappata, di essersi salvata si accoccola sul davanzale della finestra della donna. La donna la caccia. La gallina resta li e fa: Coccodè.
E la donna capisce quello che la gallina ha detto. Non ci  può credere. Ma  ci deve credere perché la gallina fa un altro Coccodè e la donna capisce ancora quello che la gallina le ha detto. Ha ha detto: Ricordati che in tempo di guerra una gallina serve sempre.  La donna allora ricorda che pure sua nonna glielo diceva sempre. E poi la gallina ha detto quello che lei non osava dirsi. Ha detto che siamo in guerra.  E la donna e la gallina si mettono a parlare. Escono. Camminano insieme. Incontrano. Incontrano vita e morte apocalisse e miracoli.
Pregano anche. Come possono pregare una gallina e una donna insieme in una rosticceria.  
E quando la donna chiede alla gallina: Tu che di sicuro sai chi è nato prima tra l'uovo e la gallina e che quindi conosci il mistero, dimmelo per favore, ne ho bisogno. E la gallina dice: Zitta e ascolta.

luci  Gianfranco  Lucchino
Costume Chiara Aversano
Scelte musicali Leone Pompucci


PREGO E SANTINI

Il 10 gennaio 2015 a pagina 7 di un quotidiano, la notizia di una bambina kamikaze di "circa 7 anni….identificata dalle trecce" che ha fatto una strage in un mercato nella quale sono morte 15 persone.   Da qui' l'urgenza di PREGO dialogo tra una donna e una gallina in tempo di guerra. Dialogo necessariamente tragicomico tra una donna sola e una gallina scappata dal Camion "Carmela  " che dall'allevamento intensivo la stava trasportando altrove.
Lo spettacolo nasce come "spettacolo aperto". Aperto ad ospitare al suo interno ospiti vari  musicisti, attori, autori, chiamati a scrivere o improvvisare un SANTINO, una PREGHIERA per rendere PREGO  uno spettacolo in ascolto continuo  di altre drammaturgie, altri modi , altri mondi.
Ad ogni replica diverso. Un monologo che diventa corale. In una drammaturgia che dentro una struttura data continuamente si riforma e si trasforma. 



26 – 28 gennaio 2018
Venerdì e sabato ore 20.00; domenica ore 18.45


BRANCACCINO
Via Mecenate 2, Roma - www.teatrobrancaccio.it
Biglietto: 14,00 € + 1,50 € d. p.
Prevendita su Ticketone.it e presso i punti vendita tradizionali
BOTTEGHINO DEL TEATRO BRANCACCIO 
Via Merulana, 244 | tel 06 80687231 | botteghino@teatrobrancaccio.it


EX DOGANA: DOMANI 20 GENNAIO TRENTEMØLLER


 DOMANI SABATO 20 GENNAIO ALL'EX DOGANA
IL CROSSOVER ELETTRONICO DEL DANESE TRENTEMØLLER

IN CONTEMPORANEA: OSPITE MOLELLA, UN MASTERMIND DELLA DANCE MONDIALE
PER TORNARE NEI MITICI ANNI '90

Domani 20 gennaio sarà ospite speciale dell'Ex Dogana il danese Anders Trentemøller, uno dei personaggi chiave dell'elettronica del nuovo millennio. La serata di L-EKTRICA in collaborazione con Ex Dogana dalle ore 23:00 alle ore 5:00 presenterà il crossover elettronico Trentemøller, un'artista caleidoscopico, pronto ad aprirsi ai mondi più disparati, tanto da tracciare una linea fatta di vibrazioni, battiti e melodie, discontinua e ricca di imprevedibili cambi di direzione, che unisce elettronica e pop con fermate intermedie nella deep-house, nel'universo minimal, nel cantautorato, nella wave, nella psichedelia e nelle tendenze contemporanee. (ticket in cassa: 15 euro. Prevendite disponibili su  Vivaticket: goo.gl/SBPmGG - Iticket: goo.gl/7zFt9S).

Dall'altra parte dell'Ex Dogana tutto un altro genere dalle ore 23:00 alle ore 5:00 con Roma 90210 che, in collaborazione con Ex Dogana, ospiterà Molella, un mastermind della dance mondiale per ingranare la retromarcia verso i mitici anni '90. Dagli esordi su Radio Deejay, con Gerry Scotti e Jovanotti a fine anni '80, passando per i remix, i progetti con Gigi D'Agostino, il mitico Deejay Time con Prezioso, Albertino e Fargetta, e amicizie illustri come quella con Vasco e i Public Enemy. Senza dimenticare che inni come "Feed From Desire" o "Come Into My Life" vengono dalla sua mente.

 

E per chi vuole leggersi la biografia in originale di

TRENTEMØLLER
City: COPENHAGEN (DK)
Labels: In My Room, Poker Flat Recordings
Biography:
Copenhagen based musician Anders Trentemøller ́s talent for heart wrenching melodic moments
and exceptional produc- tions, fused with his trademark sound somewhere between indie and
electronic, has established him as one of the most respected and admired artists and remixers of
this century.
In 2006, following a line of 12" electronic EPs, Trentemøller re- leased his groundbreaking debut
album 'The Last Resort'. High placements in several polls for best album of the year followed and
established his name to a much broader audience.
In 2007 Trentemøller assembled his first full live band with his friends, multi artist Henrik
Vibskov
on drums and musician Mikael Simpson on guitar. Complete with visuals from director Karim
Ghahwagi, the ensuing 'Trentemøller: Live In Concert' tour was a milestone, bringing him to the
US for the first time as well as some of the biggest festivals in the world, including Glastonbury
(UK), Roskilde (Denmark) and Melt! (Germany).
In 2009 'The Trentemøller Chronicles', a double-compilation of unreleased songs, his personal
favorite non-album tracks as well as a collection of remixes for high profile acts as Röyksopp,
Moby and The Knife, was released. Later that year Trentemøller hit another personal career
landmark, when he headlined the Orange Stage at Roskilde Festival, playing in front of 60,000
people featuring a unique set design created by Henrik Vibskov. The crowd reactions and press
reviews were all top shelf.
After starting up his very own record imprint, In My Room, Tren- temøller's second album 'Into
The Great Wide Yonder' was re- leased in 2010. Four years after The Last Resort, it fulfilled the
unenviable task of following up a modern classic. It was also a move into a more analogue sound
influenced heavily by indie and post punk – and incorporating even more live instrumenta- tion
and vocals.
The record was met with high applause for taking yet another clear step away from his electronic
beginnings into more experimental soundscapes. Expanding his live band, now seven peo- ple on
stage, he kept on touring around the world for two years. Highlights included a barnstorming set at
2011's Coachella Fes- tival, where NME called the show "one of the biggest breakouts of
Coachella," he "stunned all onlookers and became the toast of the fest." Trentemøller made even
further inroads into the US shortly after, appearing on Carson Daly and playing throughout the US
on a sold-out tour. The world tour ended with two con- secutive, sold out shows at Den Grå Hal in
Christiania (Copen- hagen), which was recorded and later was released as the album 'Live In
Copenhagen'.
Following his sophomore album, 'Reworked/Remixed' was re- leased. A double compilation,
celebrating some of Trentemøller's favorite remixes he completed for other artists, and also some
of his personal picks where other musicians have reworked his music - featuring the likes of
Modeselektor, UNKLE, Franz Ferdi- nand, Andrew Weatherall, Efterklang and Depeche Mode.
Trentemøller's captivating sound has also found a home in the world of cinema. His productions
have been used by prominent directors including Oliver Stone (Savages), Pedro Almodóvar (The
Skin I Live In) and most recently Jacques Audiard, who soundtracked a pivotal scene of his film
Rust & Bone, with An- ders' classic bootleg remix of Bruce Springsteen's 'State Troop- er', that he
had made for himself to play at one of his increasing- ly rare DJ sets.
In September 2013 Trentemøller will release his third full-length album 'Lost'. "Much like its
predecessor, 'Lost' serves not only as a logical continuation of his work, but also as yet another
fuck- you to whatever genre you thought you had him boxed into." (Vice)
'Lost' is a symbol of the powerful sound Trentemøller has gained through his extensive live
touring. It's a record defined by its the- matic guitars, analog synthesizers and robust melodies;
the an- tithesis to the feel of programmed, quantized music that some of his most early fans know
him for. It's also his most collaborative effort yet, pairing him with a vibrant cast of vocal
features—
the legendary duo Low, Jonny Pierce from The Drums, Marie Fisker, Kazu Makino of Blonde
Redhead, Jana Hunter of Lower Dens, Ghost Society and Sune Wagner of The Raveonettes all
make appearances on this stunning album, which traverses krautrock, indie-rock, post-punk and
even jazz and classical influences.
In the summer of 2013 Trentemøller supported Depeche Mode on their Delta Machine world tour,
taking him to stadiums around Europe - and he'll be hitting the festival circuit once again,
including
appearances at Melt, Dour, Pitch and Zurich Open Air. The remaining part of 2013 and all
of 2014 is equally dedicated to touring with his band – the one thing Anders loves just as much as
being in the studio creating music to take to the stage.



Inizio delle riprese in Florida per "Bernie the dolphin"



A M B I
MEDIA    GROUP

Logan Allen, Dahlia Legault, Sam Sorbo, Lily Cardone, Owen Harn e Darla Delgado
si uniscono al cast di Bernie the Dolphin

AMBI Group e Fairway Film Alliance hanno annunciato l'inizio delle riprese a St. Petersburg, in Florida, del film per famiglie Bernie the Dolphin con Lola Sultan (In Dubious Battle, This Beautiful Fantastic), Kevin Sorbo (Hercules, Andromeda e il recente Let There Be Light), Patrick Muldoon (Melrose Place, Starship Troopers) e Stelio Savante (Ugly Betty, La mia Super Ex ragazza) .

Ad accompagnare Lola, Kevin e Patrick nei ruoli da protagonista sono Logan Allen (Talia In The Kitchen) nei panni di Kevin Ryan e Dahlia Legault (The Walking Dead, Daytime Divas) nei panni di Abby Ryan. Partecipano ai ruoli di supporto Sam Sorbo (Hercules, Andromeda, Let There Be Light) nel ruolo di Sandy Pierce, Lily Cardone (Bloodline, Turtle Tale) come Sidney Simms, Owen Harn (Vicepresidenti, Into The Badlands) come Luke Lawson e Darla Delgado (Nashville, MacGyver) come Summer Sands.

Bernie the Dolphin è diretto da Kirk Harris da una sceneggiatura scritta da Terri Emerson e Marty Poole.

I partner di Fairway Film Alliance (Poole e Harris) produrranno il film al fianco di Andrea Iervolino e Monika Bacardi, insieme a Tony Armer, il film Commissioner di St. Petersburg Clearwater, FL. I produttori esecutivi sono Barry Brooker e Stan Wertlieb con Stelio Savante come produttore associato. 

Grindstone Entertainment ha acquisito tutti i diritti di distribuzione nel Nord America per conto di Lionsgate Home Entertainment. Il film ha attualmente assicurato accordi in oltre 25 territori stranieri.

Il set cinematografico di questa incantevole avventura per tutta la famiglia si svolge nelle spiagge immaginarie e assolate di Sea City, in Florida. È la pausa estiva per la studiosa Holly (Sultan) di nove anni e il fratello maggiore di undici anni Kevin, entrambi amanti dell'oceano, che stringono un legame magico con un gruppo di delfini che vivono in quelle acque. È qui che Holly scopre di avere la straordinaria capacità di parlare con i delfini! Quando i bambini scoprono un piano segreto del malvagio boss del loro papà in combutta con l'avido sindaco di Sea City, piano che potrebbe distruggere la loro spiaggia, quasi annegano nel tentativo di scappare. Fortunatamente arrivano in soccorso i delfini, che salvano Holly, anche se uno di loro, Bernie, viene separato dalla sua famiglia. Spiaggiato sulla riva e solo, con una brutta scottatura solare, viene però salvato dal Sea Marine Marine Animal Sanctuary. Così Holly e Kevin escogitano un’idea per fermare i cattivi, proteggere la fauna marina e, cosa più importante, salvare il loro migliore amico delfino, Bernie, e riportarlo sano e salvo dalla sua famiglia!


RAI GULP - Francesca Michielin sabato 20 gennaio a GULP MUSIC

 FRANCESCA MICHIELIN A GULP MUSIC
Sabato 20 gennaio 2018

In onda il sabato alle 13.40 e la domenica alle ore 18 su Rai Gulp (canale 42)


Francesca Michelin è l'ospite della puntata di "Gulp Music", in onda sabato 20 gennaio alle ore 13.40 (e in replica domenica alle ore 18).

Celeste Savino presenta Francesca Michieling una delle cantanti più amate dai ragazzi, che ha di recente pubblicato l'album "2640". Per l'occasione l'artista risponderà alle domande che i fans le hanno rivolto attraverso i social network di Rai Gulp.
 
In questa puntata saranno presentati anche i nuovi video di Riki, Troye Sivan e Louane. Nello spazio live c'è l'ex 1D, Liam Payne.

I telespettatori possono interagire con il programma via Twitter @RaiGulp , Facebook https://www.facebook.com/RaiGulp/ e Instagram @rai_gulp Tutte le puntate possono essere riviste sul sito www.raigulp.rai.it e su www.raiplay.it



IL COORDINAMENTO NAZIONALE FAMIGLIE DISABILI CHIEDE AI PARTITI LA CANDIDATURA DI FRANCESCO ALBERTO COMELLINI

I
CHIEDERE A TUTTI I PARTITI E LORO RAPPRESENTANTI DI AVERE NELLE LISTE ANCHE PIù DI UN RAPPRESENTANTE IMPEGNATO NELLA TUTELA DEI DIRITTI DEI DIVERSAMENTE ABILI, DI QUELLE PERSONE E LE LORO FAMIGLIE CHE DEVONO AFFRONTARE SACRIFICI OGNI GIORNO CONTRO I SISTEMI DI VOI POLITICI CHE CREATE BUROCRAZIA SENZA AVER RISOLTO PROBLEMI DAVVERO DIFFICILI. I DIVERSAMENTE ABILI NON POSSONO SCENDERE IN PIAZZA CON BASTONI DA DARVI SULLA TESTA MA, VORREI CHE QUALCUNO......
ENZO FASOLI
338 1604968

PUBBLICO VOLENTIERI QUESTO INTERVENTO 
IL COORDINAMENTO NAZIONALE FAMIGLIE DISABILI CHIEDE AI PARTITI LA CANDIDATURA DI FRANCESCO ALBERTO COMELLINI

Nel segno della continuità con il lavoro svolto a favore dei Caregiver Familiari nella scorsa legislatura dalla Senatrice Laura Bignami, che non intende ricandidarsi alle prossime elezioni, il Coordinamento Nazionale Famiglie Disabili fa appello a tutti i partiti perchè prendano in considerazione la candidatura di Francesco Alberto Comellini, collaboratore della stessa Laura Bignami e quindi profondo conoscitore delle problematiche sociali relative all'assistenza da parte delle famiglie che si prendono cura in ambito domestico di familiari non autosufficienti a causa di severe disabilità o malattie.

Tutto questo nella certezza che la trasversalità politica dimostrata dal disciolto Parlamento nei confronti dei Caregiver Familiari e delle loro critiche condizioni di vita possa avere un seguito tramite l'elezione, o rielezione, di persone che hanno dimostrato col loro impegno, assiduo ed onesto, che la buona politica è ancora praticabile. Quella politica portata avanti da persone che si sentono cittadini prima che rappresentanti istituzionali e che perseguono il benessere della popolazione al di là dei partiti e delle ideologie.

Grande fermento ha prodotto sui social questa proposta lanciata dal Coordinamento Nazionale Famiglie Disabili a riprova che anche i cittadini più sfiduciati e decisi a non andare a votare, sono pronti a rimettersi in gioco quando le logiche di partito vengono bypassate da obiettivi nobili in favore della collettività più fragile, come la vera buona politica dovrebbe e deve fare.

BELLE & SEBASTIEN - AMICI PER SEMPRE: al cinema dal 22 febbraio 2018



NOTORIOUS PICTURES
presenta

BELLE & SEBASTIEN
AMICI PER SEMPRE

un film di
CLOVIS CORNILLAC

con
FÉLIX BOSSUET   
TCHÉKY KARYO    ANNE BENOÎT    CLOVIS CORNILLAC    THIERRY NEUVIC

AL CINEMA DAL 22 FEBBRAIO 2018

Dopo il grandissimo successo dei primi due capitoli, Belle e Sebastien ritornano sul grande schermo con una nuova emozionante avventura. Tra i suggestivi ma pericolosi paesaggi innevati delle Alpi francesi, i due inseparabili amici dovranno fuggire da chi vuole dividerli, un cattivo d’eccezione che ha il volto di Clovis Cornillac (Asterix alle Olimpiadi) qui nella doppia veste di interprete e regista del film.Oltre al piccolo Félix Bossuet, che si riconferma nel ruolo di Sebastien, nel cast ritornano anche Tchéky Kario nel ruolo del nonno e Thierry Neuvic in quello del papà del giovane protagonista. E poi c’è Belle, il candido cane da montagna dei Pirenei, che tre generazioni di bambini hanno sognato di avere come amica del cuore e che nel film, cresciuta, affronterà anche un’altra importante prova: essere mamma di tre splendidi cuccioli. Sempre ispirato al celebre romanzo di Cécile Aubry, Belle & Sebastien – Amici per sempre arriverà nelle sale italiane il 22 febbraio 2018 distribuito da Notorious Pictures.


SINOSSI
Sebastien è cresciuto, ha 12 anni e con Belle sono ancora inseparabili, anzi la famiglia si è allargata con l’arrivo di tre splendidi cuccioli di cui Sebastien si prende cura con tanta buona volontà. Una sera ascolta una conversazione tra Pierre, suo padre, ed Angelina, da poco sposi, scoprendo le loro intenzioni di trasferirsi presto in Canada. Sebastien è amareggiato, non vuole lasciare il nonno che invece lo sprona a scoprire il mondo. La situazione si complica con l’arrivo di un presunto proprietario di Belle che vuole portargliela via, ma Sebastien è testardo e farà di tutto per non separarsi dalla sua migliore amica a quattro zampe.


apre il Cinema Fulgor di Rimini: il sogno diventà realtà

Buon compleanno Federico: il 20 gennaio riapre il Cinema Fulgor di Rimini

Sabato 20 gennaio 2018 a Rimini, nella data in cui Federico Fellini avrebbe compiuto 98 anni, inaugurerà, dopo un importante intervento di ristrutturazione durato 6 anni e realizzato nell’ambito del progetto del Museo Fellini, il Cinema Fulgor, ridisegnato dal premio Oscar Dante Ferretti, che sarà presente alla festa inaugurale. Un'apertura molto attesa, tanto da essere citato ancora prima del taglio del nastro ufficiale come luogo di interesse per l'anno nuovo in un recente articolo del New York Times dedicato ai luoghi turistici top del 2018 a livello mondiale. Il Fulgor, destinato a divenire presidio culturale e centro d'impulso intellettuale per l'intera Regione, proietta così l'Emilia-Romagna fra le destinazioni migliori per un turismo culturale in grado di generare valore per l'intero territorio.

La programmazione: rassegne, classici restaurati e anteprime italiane, come Made in Italy, l'ultimo film di Luciano Ligabue (22 gennaio)
La programmazione del Cinema Fulgor sarà curata dalla società Khairos srl, i cui fondatori operano nel mondo della cinematografia da 50 anni: un'azienda familiare allargata (fra collaboratori e soci), unita dal suo amore per il cinema, che già porta avanti con successo la gestione del Cinema Settebello di Rimini. Tante le partnership attivate per portare a Rimini il meglio del cinema italiano e non solo, con rassegne, retrospettive, e naturalmente anteprime italiane. Si inizia già lunedì 22 gennaio alle ore 21.00 quando verrà proiettato in anteprima nazionale l'ultimo film di Luciano Ligabue Made in Italy, in uscita nella sale italiane dal 25 gennaio. Il film, che si ispira all'omonimo album del cantante di Correggio uscito nel novembre 2016, sarà presentato in sala alla presenza dello stesso regista e del produttore Domenico Procacci. Sempre in anteprima italiana martedì 23 e mercoledì 24 gennaio dalle ore 21.00 verrà proiettato Fabrizio De André. Principe Libero, la mini serie in due puntate dedicata al grande cantautore genovese co-prodotta da Rai Fiction e Bibi Film. La biopic a lui dedicata sarà visibile sul grande schermo in tutta Italia solo in queste due giornate, mentre approderò su Rai 1 il 13 e 14 febbraio, in concomitanza con i due anniversari che ne racchiudono il viaggio: quello della scomparsa, l’11 gennaio 1999, e quello della nascita, il 18 febbraio 1940. La proiezione sarà preceduta dal concerto omaggio a Fabrizio De Andrè del cantautore santarcangiolese Andrea Amati, collaboratore di Francesco Baccini e Cristiano De André.
Ovviamente, accanto all'ossatura della programmazione, rappresentata da una selezione dei migliori film di qualità di nuova uscita, una parte importante della proposta cinematografica del Fulgor sarà dedicata al “Maestro”. Non solo con le retrospettive dedicate alla sua vasta cinematografia, ma allargando la prospettiva di partenza e puntando su tre linee temporali. La prima è quella dei film, dei registi e delle correnti che hanno influenzato o che erano particolarmente apprezzate da Fellini (come Roberto Rossellini, John Ford, Charlie Chaplin, il cinema hollywoodiano, i fratelli Marx, Alfred Hitchcock, Luis Buñuel e molti altri); la seconda invece include quei registi a lui contemporanei, in particolar modo Michelangelo Antonioni, Ingmar Bergman e Akira Kurosawa, con cui il Maestro si confrontava; infine la terza sarà dedicata a tutti quei registi che da lui sono stati maggiormente influenzati, da Stanley Kubrick a Martin Scorsese. Tutto questo sarà possibile grazie alle collaborazioni con importanti enti di produzione e distribuzione, come la Cineteca di Bologna e Wanted Cinema, che permetteranno di avere al Fulgor anche anteprime nazionali.
La ricca programmazione cinematografica dei prossimi mesi vedrà al Fulgor la proiezione de La Febbre dell'oro (1925), fra le prime pellicole mute di Charlie Chaplin; Alla ricerca di Van Gogh, distribuito in Italia dalla Wanted Cinema; una rassegna dedicata alla Nouvelle Vague; il documentario La lucida follia di Marco Ferrari, realizzato a vent'anni dalla scomparsa del grande regista e presentato all'ultima Mostra del Cinema di Venezia; una selezione di classici restaurati provenienti dal Cinema Ritrovato di Bologna, documentari sull'arte che raccontano le straordinarie vite di artisti come Caravaggio e Bosch, performance teatrali, come quella di Roberto Mercadini dedicata proprio a Federico Fellini, e la proiezione in anteprima di LA SCUOLA: un'indagine sul '300 riminese diretto da Davide Montecchi e prodotto da Meclimone produzioni cinematografiche, Francesca Manno per Summerside International ed Elena zanni per Khairos srl. Il documentario è una ricognizione personale alla scoperta delle principali opere eseguite dagli allievi riminesi di Giotto nei primi decenni del '300.
L'obiettivo è quello di rendere il Fulgor in un luogo di cultura eterogeneo: il cinema infatti è fatto di scrittura, disegno, musica, intreccia e comprende in sé tutte le arti. In quest'ottica il Cinema Fulgor sarò aperto tutti i giorni dal pomeriggio, e spesso anche la mattina con proiezioni diurne dedicate alle scuole e alle famiglie.

Gli eventi collaterali                            
Questa linea si rispecchia anche nelle idee principali che ispirano la progettazione degli eventi paralleli a quelli della programmazione delle due sale cinematografiche del Fulgor. Verrà offerto dunque un ricco ventaglio di eventi che comprendano, oltre a prime visioni, dialoghi con autori, registi ed attori, la presenza e gli interventi formativi di persone che lavorano nel settore. A questo proposito la società di gestione Khairos ricerca uno sviluppo ulteriore dei progetti già imbastiti da diversi anni con le scuole e l’Ateneo cittadino. Per farlo è stata richiesta la collaborazione - fin dalla prima ora piena ed entusiasta - del Dipartimento di Scienza della Qualità della Vita dell’Alma Mater, in particolare con Roy Menarini, Docente di Cinema e Industria culturale dell'Università di Bologna, Campus di Rimini
Tra i più conosciuti, apprezzati e seguiti critici cinematografici italiani, Menarini da marzo sarà colui che guiderà i primi corsi di approfondimento che il Cinema Fulgor offrirà alla città. Saranno corsi per appassionati e cinefili, volti a far scoprire aspetti più approfonditi dei linguaggi cinematografici, dalle note di regia a spunti di riflessione sulla fotografia, sulla composizione testuale delle sceneggiature, fino ad arrivare all’analisi dei nuovi linguaggi cinematografici sollecitati dalle serie tv.
Le sale del Fulgor inizieranno in questa maniera ad intessere una prima ibridazione dello spazio in cui si collocano: sì sala cinematografica ma anche salotto della città e polo regionale di scambio e dialogo sulla cultura filmica e delle immagini.

Sempre con l'università, e in rapporto con operatori del settore, si vuole realizzare un grande sogno: riportare a Rimini una delle esperienze di Festival cinematografici tra i più apprezzati in Italia. La tensione di tutto lo staff e la struttura sono fin da ora tese a costruire l’ossatura per riuscire quanto prima a riattivare quella importante esperienza culturale, capace - già dagli anni Novanta - di portare uno spirito non solo europeo, ma mondiale. Nella rassegna di Rimini Cinema, fin dagli anni Ottanta, era dato grande risalto alle esperienze della cinematografia sia delle culture medio orientali che di quelle del Sud Est asiatico e centrale.

Ultimo, ma non per importanza, il progetto del sito del cinema www.cinemafulgorrimini.it, che conterrà una ricca parte di approfondimenti attraverso non solo testi di critica cinematografica, ma anche attraverso contenuti speciali elaborati di concerto con gli studenti dei corsi dell’Alma Mater e, prima esperienza italiana in tal senso, con l’apertura di un canale social dedicato ai podcast. Ogni mese ci saranno podcast di approfondimento, curiosità e contenuti speciali. Il Fulgor cioè, anche nella sua parte virtuale, sarà un luogo dove in tanti potranno entrare nelle sale, sia per vedere un film, che per assistere ad una conferenza o ad una lezione, un luogo tutto dedicato alla fantasia, alla bellezza e all’intuizione.

Programma di venerdì 19 gennaio. Il prologo e il compleanno di Federico
Con Maciste all’inferno di Guido Brignone, il primo film visto da Fellini al Fulgor, in programma alle ore 21 in Cineteca, si aprirà idealmente venerdì 19 gennaio, la maratona di festeggiamenti che accompagnerà la restituzione alla città di uno dei suoi simboli più amati e conosciuti nel mondo. Un prologo che avrà come momento di maggiore coinvolgimento il Circo Fellini Show, lo spettacolo ideato e diretto da Liana Mussoni, che nell’occasione avrà una messa in scena itinerante nei luoghi del centro storico di Rimini: alle 23, dal chiostro della Biblioteca civica Gambalunga, si muoveranno infatti una quindicina di personaggi che hanno popolato il cinema di Fellini, interpretati da attori e attrice della Filodrammatica Lele Marini. Dopo aver attraversato vie e piazze del centro storico, in un’atmosfera coinvolgente e popolare, queste creature generate dalla visionarietà del regista riminese raggiungeranno una a una, allo scoccare della mezzanotte, il Fulgor per riprendere simbolicamente possesso della loro casa. La preview si concluderà con un brindisi gratuito e aperto a tutti al 98° anniversario della nascita del Maestro alla galleria d’arte contemporanea Augeo Art Space, che sin dalle 19.30 ospiterà eventi ispirati al mondo felliniano con un cartellone di spettacoli intitolato La notte dei sogni.

Programma di sabato 20 gennaio mattina. L’inaugurazione
Nella mattinata, alle ore 11, sarà il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini a salutare ufficialmente la rinascita del Fulgor. Con lui il sindaco Andrea Gnassi, il presidente della Regione Stefano Bonaccini, il senatore Sergio Zavoli, grande amico di Fellini, il tre volte premio Oscar Dante Ferretti, che con Fellini ha realizzato sei film e che ha progettato l’allestimento scenografico della sala storica e del foyer, Francesca Fabbri Fellini, e l’attore Sergio Rubini, che Fellini scelse come suo alter ego nel film Intervista.

Programma di sabato 20 gennaio pomeriggio. La festa della città
Dalle ore 15 e sino alle 24 il Fulgor sarà aperto a tutti attraverso visite guidate per accedere alle quali, nella giornata di ieri, sono stati distribuiti un migliaio di coupon esauriti in brevissimo tempo. Le cinque visite in programma, una ogni due ore, consentiranno un viaggio dentro questo nuovo motore culturale della città, che «l’Amministrazione comunale e la società di gestione Khairos -  spiega Elena Zanni - intendono pensare non solo come cinema di qualità ma come vero e proprio luogo aperto di relazioni. Un cinema che non è solo una sala ma un presidio culturale, un luogo della memoria, un centro d’impulso intellettuale che funzionerà 12 mesi all’anno, dal pomeriggio alla sera. Un contenitore multimediale che ospiterà cinema di qualità, letteratura, retrospettive, dibattiti, nel nome e per conto dell’eredità intellettuale di Fellini la cui celebrazione migliore non può che essere quella offerta da una cultura viva e vissuta».

Programma di domenica 21 gennaio. Le aperture straordinarie
Per offrire un’ulteriore occasione di visita dopo la mezzanotte di sabato 20 sarà possibile a tutti entrare liberamente e scoprire in un suggestivo tour notturno il Fulgor rinnovato. Apertura straordinaria che proseguirà anche il  giorno seguente: eccezionalmente infatti, il cinema sarà visitabile gratuitamente e senza prenotazioni anche domenica 21 a partire dalle 10 fino alle 15.


I capolavori del cinema si aggiungono alla mostra Storie di Bambini di Letizia Galli - A Venezia

I capolavori del cinema si aggiungono alla mostra Storie di Bambini per fornire loro strumenti di libertà, sogni e speranze.
<<I bambini sono estremamente sensibili a tutto ciò che è bello, mostrate loro un capolavoro e rimarranno estasiati>> , Letizia Galli

Primo appuntamento il 21 gennaio con "La strada" di Federico Fellini

A Storie di Bambini si aggiungono i capolavori del cinema  che hanno tematiche simili a quelle della mostra: Sono bambini che sognano e che sperano in un futuro migliore, che costruiscono la loro vita fin da piccoli, nonostante le condizioni difficilissime in cui si trovano: sono orfani, sono poveri, sono sognatori nati, ma ce la faranno. a partire da "La strada" di Federico Fellini, in proiezione il 21 gennaio, per proseguire con "Il Monello" di Charlie Chaplin, "La musica del cuore" di Kirsten Sheridan, "I due orfanelli" di Mario Mattioli, "I ragazzi del coro" di Christophe Barratier

Storie di Bambini, il progetto espositivo di Letizia Galli, costituito da 12 storie tratte dai suoi libri e 210 disegni originali che approfondiscono la conoscenza di ciascun personaggio, a Venezia fino al 15 aprile 2018, si arricchisce con nuovi appuntamenti che vanno ad ampliare l'articolata proposta di attività collaterali a favore di scuole, famiglie e privati.

Ad aprire la rassegna che, oltre ad offrire spunti di riflessione e analogie con la mostra presenta capolavori del cinema in grado di incantare tutte le età, sarà "La strada" di Federico Fellini, film che ha fortemente ispirato le illustrazioni e la storia de "Il sogno di Federico", ovvero Federico Fellini da piccolo, Rosellina Archinto Editore, Milano e altri paesi (Francia, Germania, Spagna, Grecia).

"I bambini sono estremamente sensibili a tutto ciò che è bello, ed in questo senso tutto il messaggio della mostra sta in questo grande cambiamento di atteggiamento degli adulti verso di loro, fornendo loro strumenti di libertà, sogni e speranze - spiega Letizia Galli, autrice e illustratrice delle storie esposte Dalla mia personale esperienza, ho girato tutta la Francia per il libro "Il Sogno di Federico" ed in questi incontri mostravo il film "La Strada": anche i più piccoli (sotto i sei anni) non hanno mai distolto gli occhi dallo schermo e si sono mostrati estasiati fino in fondo. Questo semplicemente perché è un capolavoro quello che stiamo offrendo loro".

Appuntamento nella sede della mostra, all'Istituto Provinciale per l'Infanzia Santa Maria della Pietà di Venezia con i capolavori del cinema e per passare una domenica pomeriggio all'insegna della cultura e della valorizzazione dei sogni. 
Ciascun film verrà presentato prima della proiezione, contestualizzato nei contenuti della mostra e, attraverso un percorso di visita guidata alla mostra verranno fatti emergere alcuni elementi comuni alla pellicola. 

Gli appuntamenti con il cinema sono in calendario nelle seguenti domeniche alle ore 15:00 nella sede della mostra21 gennaio, 18 febbraio, 25 febbraio (replica de "La strada"), 4 marzo, 18 marzo e 1 aprile 2018.
La mostra è visitabile tutti i giorni dalle 9:00 alle 17:00 all'Istituto Provinciale per l'Infanzia Santa Maria della Pietà a Venezia.

SITO DI STORIE DI BAMBINI: www.storiedibambini.org 





--

18 gennaio 2018

SCONNESSI con Bentivoglio, Memphis e Crescentini - Al cinema dal 22 febbraio 2018


VISION DISTRIBUTION
presenta

S C O N N E S S I

un film di
CHRISTIAN MARAZZITI

con
FABRIZIO BENTIVOGLIO    RICKY MEMPHIS    CAROLINA CRESCENTINI
STEFANO FRESI   ANTONIA LISKOVA


AL CINEMA DAL 22 FEBBRAIO 2018


La 'nomofobia' indica "lo stato ansioso che si manifesta quando non è possibile usare il telefono cellulare", un recente studio stima che a soffrirne sia addirittura il 66% della popolazione*.
Ad affrontare quella che è considerata una vera e propria patologia del nuovo millennio, Fabrizio Bentivoglio, Ricky Memphis, Carolina Crescentini, Stefano Fresi e Antonia Liskova, che durante un apparentemente tranquillo weekend in montagna, si troveranno improvvisamente Sconnessi. Nella nuova commedia di Christian Marazziti, sarà l'assenza di connessione a mettere a nudo i protagonisti, con le loro insicurezze, segreti e contrasti, dando vita a conseguenze inaspettate ed esilaranti. Nel cast anche Eugenio Franceschini, Giulia Elettra Gorietti, Benedetta Porcaroli e il giovane Lorenzo Zurzolo. Sconnessi, prodotto dalla Camaleo di Roberto Cipullo e Mario Pezzi, arriverà nelle sale italiane distribuito da Vision Distribution a partire dal 22 febbraio 2018.

*Definizione tratta dal dizionario Garzanti. Studio effettuato in Uk dalla SecurEnvoy.

SINOSSI
Ettore (Fabrizio Bentivoglio), noto scrittore, guru dell'analogico e nemico pubblico di internet, in occasione del suo compleanno porta tutta la famiglia nel suo chalet in montagna, e cerca di creare finalmente un legame tra i suoi due figli, Claudio (Eugenio Franceschini), giocatore di poker on line, e Giulio (Lorenzo Zurzolo), liceale nerd e introverso, con la sua seconda moglie, la bella, giovane e un po' naif Margherita (Carolina Crescentini), incinta al settimo mese. Al gruppo si uniscono anche Achille (Ricky Memphis), fratellastro di Margherita appena cacciato di casa dalla moglie, e Tea (Giulia Elettra Gorietti), giovane fidanzata di Claudio e devota fan di Ettore. Arrivati allo chalet, trovano Olga (Antonia Liskova), l'affidabilissima tata ucraina, con la figlia Stella (Benedetta Porcaroli), adolescente dipendente dai social network. A sorpresa arriva anche Palmiro (Stefano Fresi), il fratello bipolare di Margherita e Achille, fuggito dalla casa di riposo. Quando il gruppo rimane improvvisamente senza connessione internet, tutti entrano nel panico...e le conseguenze saranno rocambolesche. I segreti e le convinzioni dei protagonisti verranno presto ribaltate, la "sconnessione" li metterà di fronte a tutte le loro insicurezze e dovranno resettare e ripartire.


Post più popolari