Agenzia Stampa Aspapress

Autorizzazione Tribunale di Forlì 6/91 del 8 marzo 1991 - Anno XXX - Registro Nazionale della Stampa 02659 - Registro Operatori Comunicazioni n. 1187 - Direttore Editoriale e responsabile Enzo Fasoli - Casella postale 19152 - 00173 Roma Cinecittà est - Responsabile dati: Carlo Carbone - Capo redattore Cristiano Rocchi. Associazione Periodici Associati: Presidente Enzo Fasoli - Responsabile settore: Angelo Misseri - Redazione Daniela Zappavigna.

19 febbraio 2016

Tavola rotonda del 20 febbraio 2016 - PAPA FRANCESCO E IL PATRIARCA ORTODOSSO KIRILL

Sabato 20 febbraio ore 18.00, tavola rotonda sul tema:
PAPA FRANCESCO E IL PATRIARCA ORTODOSSO KIRILL
IL SENSO DI UN INCONTRO
relatori
P. ANTONIO SPADARO S.I., Direttore de La Civiltà Cattolica
P. DAVID NAZAR S.I., Rettore del Pontificio Istituto Orientale
P. GERMANO MARANI S.I., Docente di Teologia orientale e Missiologia
moderatore
P. FRANCESCO OCCHETTA S.I., scrittore de La Civiltà Cattolica
Alle 17,15 verrà celebratala S. Messa

Artrosi del ginocchio - colpito un italiano su due sopra i 65 anni. Su 10 solo due sono uomini.

L'artrosi è una malattia che colpisce, uomini e donne, generalmente il 50 % della popolazione sopra i 65-70 anni.
In quanto malattia degenerativa, l'artrosi è una malattia che colpisce tutti, con una maggiore percentuale nei soggetti femminili: su dieci pazienti solo due sono di sesso maschile.

 L'artrosi del ginocchio è causa di un dolore molto intenso e di deformità: questi due problemi rappresentano, per chi ne è affetto, una grave limitazione, al punto che il paziente cammina sempre di meno, si chiude in casa, sino all'annullamento della propria vita. L'artrosi è una malattia che colpisce, uomini e donne, generalmente il 50 % della popolazione al di sopra dei 65-70 anni. Sono in aumento, inoltre, i soggetti che, a causa di una condotta sportiva intensa, si ritrovano in questa situazione di degenerazione in età più giovanile, tra i 55 e i 65 anni, più frequentemente tra i maschi.
IL TRATTAMENTO PRECHIRURGICO - La risoluzione della problematica è impossibile se non si interviene chirurgicamente. Ma prima che questa malattia passi nelle mani del chirurgo, il paziente deve seguire una terapia come da malattia cronica degenerativa, attraverso l'uso di farmaci, la fisioterapia e appositi trattamenti medicamentosi infiltrativi. Questa comporta una riduzione dei sintomi, ma non la guarigione, perché al momento una terapia che faccia riprodurre la cartilagine, la cui mancanza causa l'artrosi, non c'è.

"Dopo anni di trattamento non chirurgico con lo scopo di preservare la cartilagine - spiega l’ortopedico Mario Manili Socio SIOT – Società di Ortopedia e Traumatologia - Consulente presso il Centro Chirurgico Toscano di Arezzo e la Clinica Villa del Rosario di Roma - il paziente chiede al chirurgo di  cambiare strategia. Purtroppo non è possibile intervenire subito con la protesi, perché queste hanno una durata di circa 20 anni, a seconda dell'uso che se ne fa. Si presuppone, quindi, che un intervento del genere a 70 anni non richiederà successivamente una revisione, mentre a 50 anni un successivo miglioramento è altamente probabile.


I CONSIGLI - In quanto malattia degenerativa, l'artrosi è una malattia che colpisce tutti, con una maggiore percentuale nei soggetti femminili: su dieci pazienti solo due sono di sesso maschile. Questo perché le donne hanno l'osteoporosi, quindi una decalcificazione ossea, e questo connubio aumenta il dolore e quindi la richiesta d'intervento del medico. Per gli sportivi si consiglia di compensare l'eccessivo carico con degli atteggiamenti di protezione (ginnastica fuori carico, attività in acqua, stretching, preparazione al gesto sportivo) e una particolare attenzione al peso. E' sconsigliabile intervenire precocemente con la protesi, utilizzare farmaci non ufficialmente riconosciuti, fare uso eccessivo di antiinfiammatori, che hanno un effetto ipertensivo e gastrolesivo. 

Il Soave all’Institute of Masters of wine - ed è febbre da vulcano

Successo per il Soave al Volcanic Wines seminar & Tasting di Londra: piace ai Masters l’approccio didascalico del Consorzio che ha fatto del Vulcano una chiave di comunicazione trasversale
 
La “trasversalità” del “fattore vulcano”, la profonda analisi geologica effettuata, la salinità come elemento ricorrente. Ecco in sintesi i temi che hanno catturato l’attenzione degli oltre 80 masters of wine intervenuti al seminario Volcanic Wines, organizzato dall’Institute of Master of Wine di Londra lo scorso 11 febbraio.
Su temi quali l’interazione tra vitigno e suolo, il microclima, la disponibilità idrica e poi su aspetti legati a freschezza, acidità, sapidità e un importante potenziale di longevità si sono alternati in qualità di relatori Giovanni Ponchia, tecnico del Consorzio del Soave, assieme a Charles Frankel, geologo e autore di Vins de Feu e Bernard Schoffit di Domaine Schoffit in Alsazia.

Il seminario di Londra è stata l’occasione per illustrare e presentare ufficialmente il volume “Volcanic Wines” edito dal Consorzio del Soave, una vera e propria “summa”di agile consultazione sugli otto anni di ricerca e di lavoro che il Consorzio ha condotto sul tema del vulcano in collaborazione con studiosi ed esperti di settore.
La pubblicazione ha svolto la funzione di fil rouge durante lo stesso seminario guidando gli uditori in un percorso virtuale che li ha condotto sempre più “dentro” il Vulcano.

In 14 capitoli, in italiano e in inglese si affrontano gli aspetti legati allo stretto rapporto tra territorio e vitigno, per proseguire con un excursus storico dedicato al “mito” del Vulcano; si parla poi di suolo e naturalmente di vino, ma anche di comunicazione, di identità del Soave e di valori appartenenti alla doc; ampio lo spazio dedicato all’origine geologica del Soave, all’analisi delle colline di origine vulcanica e di quelle di origine calcarea; si prosegue con un approfondimento dedicato alla pianura sia essa di origine vulcanica o calcarea per concludere con un’analisi comparata tra le denominazioni di origine vulcanica in Italia e nel resto del mondo.
Con un approccio schematico e quasi didascalico, questo “sussidiario illustrato” accompagna per mano il lettore che, attraverso foto e, mappe e disegni, si addentra nella materia in maniera approfondita quasi senza accorgersene.
Questa importante sintesi pone le basi delle numerose attività promozionali che il Consorzio ha in programma per il 2016. Volcanic Wines sarà infatti presentato al prossimo Prowein, in programma a Dusseldorf dal13 al 15 marzo (padiglione 15 C41), a Vinitaly, in programma a Verona dal 10 al 13 aprile e all’Anteprima del Soave in calendario il 19 e 20 maggio a Monteforte d’Alpone.

Forte l’interesse dimostrato dai masters of wine nel corso del seminario nel confronti del Soave. Un risultato lusinghiero se si considera il livello professionale richiesto per superare l’esame e diventare Master of Wine. Attualmente nel mondo sono 314 i master of wine e negli ultimi dieci anni solo 78 aspiranti hanno ottenuto il titolo. Tra questi non c’è ancora nessun italiano.

Il percorso di formazione, in media 5 anni, prevede seminari e masterclass da seguire in giro per il mondo, degustazioni alla cieca, tesine da scrivere in inglese, viaggi  tra Londra, Napa o Sidney, senza contare i libri e  le bottiglie da acquistare. Piuttosto costosa anche la retta da pagare annualmente all’istituto. Il titolo che si ottiene, superato questo impegnativo percorso di studi, pur non essendo riconosciuto a livello universitario, è molto prestigioso sul mercato internazionale e gode di particolare considerazione nel mondo del trade, delle aste vinicole e nel marketing.

CON NUMERI CRESCENTI DI BAMBINI CHE MUOIONO IN MARE, LE AGENZIE DELLE NAZIONI UNITE LANCIANO UN APPELLO PER AUMENTARE LA SICUREZZA PER RIFUGIATI E MIGRANTI

Da settembre 2015 in media due bambini al giorno hanno perso la vita in mare nel tentativo di attraversare con le loro famiglie il Mediterraneo orientale. Il numero delle morti dei minori continua ad aumentare, hanno detto OIM, UNHCR e UNICEF, lanciando un appello affinché sia aumentata la sicurezza di coloro che fuggono da conflitti e disperazione.
Da settembre scorso, quando la morte di Aylan Kurdi ha attirato l’attenzione di tutto il mondo, più di 340 tra neonati e bambini sono annegati nel Mediterraneo orientale. Il numero totale di bambini che sono morti potrebbe essere anche maggiore, dicono le Agenzie, considerato il numero di corpi dispersi in mare.

“Non possiamo voltarci dall’altra parte davanti alla tragedia della perdita di così tante vite innocenti – o fallire nel fornire risposte adeguate rispetto ai pericoli che molti altri bambini stanno affrontando,” ha detto il Direttore Esecutivo dell’UNICEF Anthony Lake. “In questo momento possiamo non avere la capacità di porre fine alla disperazione che spinge così tante persone a tentare di attraversare il mare, ma gli Stati possono e devono cooperare nello sforzo di rendere questi pericolosi viaggi più sicuri. Nessuno metterebbe un bambino su una barca se fosse disponibile un’alternativa più sicura.”

Il tratto di Mar Egeo che si estende fra la Turchia e la Grecia è tra le rotte che provoca più morti di rifugiati e migranti al mondo. Mari agitati durante l’inverno, imbarcazioni inadeguate e sovraccariche, mezzi di salvataggio insufficienti e inadatti aumentano il rischio di naufragi, rendendo il viaggio molto più pericoloso. 

“Queste tragiche morti nel Mediterraneo sono insopportabili e devono finire,” ha detto l’Alto Commissario per i Rifugiati Filippo Grandi. “Chiaramente, c’è bisogno di maggiori sforzi per combattere il traffico di persone. Inoltre, dal momento che molti dei bambini e degli adulti che hanno perso la vita sono persone che stavano cercando di ricongiungersi con parenti in Europa, promuovere soluzioni che consentano alle persone di spostarsi in modo legale e sicuro, ad esempio attraverso programmi di reinsediamento e ricongiungimento familiare, dovrebbe essere un’assoluta priorità se vogliamo ridurre il numero delle morti,” ha aggiunto. Il Segreatrio Generale dell’ONU ha convocato una riunione ad alto livello per affrontare a livello globale il tema della responsabilità condivisa, attraverso vie legali per l’ammissione di rifugiati siriani, che si terrà il 30 marzo a Ginevra. 

Considerando che i bambini rappresentano oggi il 36% delle persone in transito, la probabilità che anneghino nel Mar Egeo nella traversata dalla Turchia alla Grecia è aumentata proporzionalmente. Durante le prime sei settimane del 2016, 410 persone delle 80.000 che hanno attraversato il Mediterraneo orientale sono annegate. Questo significa un aumento pari a 35 volte il numero di morti rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

“Contare le perdite non è sufficiente. Dobbiamo agire,” ha dichiarato William Lacy Swing, Direttore Generale dell’OIM a Ginevra. “Questo non è un problema solo del Mediterraneo, nè solo dell’Europa. Quella che sta avvenendo è una catastrofe umanitaria che chiede l’impegno di tutto il mondo. Il terremoto di Haiti del 2010 non era una questione solo di un emisfero, nè lo era lo tsunami in Asia sudorientale del 2004. In risposta a quei disastri ci fu un’enorme manifestazione di azione umanitaria. La stessa è necessaria in questo caso.”

Le Agenzie 
L’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) fu istituito dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 14 Dicembre, 1950. Il mandato dell’UNHCR è quello di guidare e coordinare l’azione internazionale di protezione dei rifugiati e risolvere il problema dei rifugiati in tutto il mondo. Il suo scopo primario è quello di salvaguardare i diritti e il benessere delle persone rifugiate, ma il suo mandato riguarda anche le persone apolidi. Per più di sei decenni, l’UNHCR ha aiutato decine di milioni di persone a ricominciare la propria vita. Oggi, un personale di circa 9.700 persone in 126 paesi sta aiutando circa 60 milioni di persone. 

L'UNICEF promuove i diritti e il benessere di tutti i bambini, in ogni sua azione. Insieme ai partner, lavora in 190 paesi e territori per tradurre questo impegno in azioni concrete, a beneficio di tutti i bambini nel mondo e con un focus particolare sul assistenza dei bambini più vulnerabili ed emarginati.

Fondata nel 1951, l'OIM è la principale organizzazione intergovernativa nel campo della migrazione e lavora a stretto contatto con i partner governativi, intergovernativi e non governativi. Con 162 Stati membri ed uffici in oltre 100 paesi, l'OIM promuove principi di migrazione ordinata e che rispettino la dignità umana, a beneficio di tutti. Tale mandato viene portato avanti attraverso la fornitura di servizi e consulenza a governi e migranti.

Lo Spiraglio - FilmFestival della salute mentale

6a edizione
 MAXXI – Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo 
Roma, 31 marzo, 1 e 2 aprile 2016

Si svolgerà a Roma dal 31 marzo al 2 aprile 2016 presso il MAXXI – Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo la sesta edizione de Lo Spiraglio FilmFestival della salute mentale, evento di corti e lungometraggi, diretto da Federico Russo e Franco Montini, rispettivamente per la parte scientifica ed artistica. Promosso da ASL ROMA 1 - Dipartimento Salute Mentale, MAXXI - Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo e con il contributo di ROMA CAPITALE - Assessorato politiche Sociali, Salute, Casa ed Emergenza Abitativa, il festival è nato con lo scopo di raccontare il mondo della salute mentale nelle sue molteplici varietà, attraverso le immagini. L'obiettivo è quello di avvicinare un vasto pubblico alla tematica, contribuendo alla riduzione dello stigma e del pregiudizio e permettendo nello stesso tempo a chi produce audiovisivi, dedicati o ispirati all'argomento, di mettere in evidenza risorse creative e qualità del prodotto. 

Presentati in concorso, dagli stessi autori, lungometraggi e cortometraggi: il panorama delle opere selezionate propone viaggi alla scoperta di mondi sconosciuti, indagini su dichiarate patologie, ma anche riflessioni sul disagio psichico, con protagonisti di ogni età e ambientazione. Numerosi gli eventi speciali del festival, dalle proiezioni per le scuole, ad un grande gruppo di psicoanalisi multifamiliare, ai concerti dal vivo di band 'integrate'.

Tra i film in cartellone, il lungometraggio in concorso Abbraccialo per me, diretto da Vittorio Sindoni e interpretato da Stefania Rocca, Moisè Curia, Giulia Bertini, Vincenzo Amato, Paolo Sassanelli, Pino Caruso e Paola Quattrini. E' la storia, tra commedia, dramma e sentimenti, di una donna e suo figlio e del sogno divenuto realtà di sentirsi madre del più straordinario bambino sulla faccia della Terra, fino a scoprire che quel figlio, proprio lui, in mezzo a tanti, è affetto da disagio mentale. Ma grazie all'amore e alla passione del ragazzo per la musica, madre e figlio troveranno una luce e una speranza di salvezza. 

Nella serata finale del festival, una Giuria composta da addetti ai lavori appartenenti all’ambito sociale, psichiatrico e cinematografico assegnerà il Premio “Fausto Antonucci” di 1.000 euro al miglior cortometraggio e il Premio “Jorge Garcia Badaracco – Fondazione Maria Elisa Mitre” di 1.000 euro al miglior lungometraggio. Il festival, inoltre, premierà il regista e attore Sergio Rubini, quale cineasta particolarmente sensibile e interessato ai temi legati al mondo della salute mentale. Nelle edizioni passate sono stati premiati Sergio Castellitto, Carlo Verdone, Alba Rohrwacher, Marco Bellocchio e Giulio Manfredonia.

18 febbraio 2016

Veneto Jazz firma Cultnet

Da Ornella Vanoni a Stefano Bollani,
da Ezio Bosso a Jack Savoretti, 
una rassegna di grandi interpreti


Musica, teatro, arti performative ma soprattutto grandi interpreti dello spettacolo internazionale per Cultnet, la rassegna firmata da Veneto Jazz e ospitata nei migliori teatri del Veneto. Da Ornella Vanoni a Stefano Bollani, da Ezio Bosso a Jack Savoretti ed Enrico Ruggeri, la programmazione si snoda dalla musica d’autore, al jazz, al rock, fino alla musica popolare tzigana e a quella sperimentale, con l’innovativa proposta di Nørdic Frames e i rappresentanti della scena nu-jazz norvegese.

Sono gli artisti prodotti dalla casa discografica ECM, Thomas Strønen & Iain Ballamy, uniti nel Food Duo, i protagonisti del concerto al Teatrino di Palazzo Grassi di Venezia (28 febbraio, ore 19, con apertura del foyer dalle 16.30, con aperitivo, live set, reading, performance ad ingresso gratuito). Stesso format per il 5 marzo, con il pianista e compositore Bugge Wesseltoft e il percussionista Christian Prommer, stelle del firmamento nu-jazz (aperitivo alternativo dalle 17 con light design di Manuel Frara e concerto alle 19) 

Si intitola Free Soul il nuovo spettacolo della strepitosa carriera di Ornella Vanoni, voce regina della musica italiana, in scena il 17 marzo (ore 21) al Teatro Toniolo di Mestre. Sul palco tre importanti jazzisti (Roberto Cipelli al pianoforte, Bebo Ferra alla chitarra e Piero Salvatori al violoncello) e un tributo a Vinicius De Moraes, la cui voce apre il concerto e del quale la cantante è stata una straordinaria interprete. 

Debutta nella veste di attore invece il celebre pianista Stefano Bollani, nello spettacolo “La Regina Dada”, scritto e interpretato con Valentina Cenni. Uno spettacolo surreale, intessuto di musica, in cui vengono esplorati i territori della creatività, sfuggendo al senso comune e alle convenzioni umane, al di fuori della spirale del tempo (23 marzo, ore 21, Teatro Toniolo di Mestre). 
Un complesso orchestrale di grande fascino ed energia, con una solida tradizione alle spalle è rappresentato dall’Orchestra Tzigana di Budapest, diretta da Antal Szalai, considerato il miglior violinista tzigano al mondo, in programma nelle due date del 14 aprile al Teatro Ristori di Verona (ore 21) e del 15 aprile al Teatro Toniolo di Mestre (ore 21). Sul palco tutto il coinvolgimento e il ritmo della musica dal vivo, suonata con strumenti tradizionali.

Il 22 aprile, sempre al Teatro Toniolo di Mestre, in scena Ezio Bosso, il pianista che ha commosso l’Italia al Festival di Sanremo, ma soprattutto uno tra i più rinomati compositori e direttori d’orchestra a livello internazionale. Presenta “The 12th Room”, disco che racconta le 12 stanze della vita (concerto sold out).
Anche Enrico Ruggeri, dopo il quarto posto al Festival di Sanremo, sarà al Teatro Toniolo di Mestre il 30 aprile (ore 21), con il suo “Un viaggio incredibile live tour”. Il popolare cantautore, dall’anima rock, presenterà il suo ultimo doppio album composto da inediti, cover di David Bowie e alcuni tra i suoi maggiori successi. 
Jack Savoretti ritorna infine sul palco di Veneto Jazz con le atmosfere e i suoni del suo nuovo disco “Written in Scars new version”. Voce calda e appassionata, il cantautore italo-inglese sarà al Teatro Romano di Verona il 17 giugno (ore 21). 
La rassegna Cultnet è organizzata da Veneto Jazz in collaborazione con Assessorato alle Attività Culturali del Comune di Venezia, Regione del Veneto e Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Partner: Palazzo Grassi – Punta della Dogana, Eventi Verona, Icona, AMC Eventi e Comunicazione. Media partner: Venezia News.

Rifiuti elettronici - in Veneto la raccolta si fa in negozio

Ecolight e Veritas presentano le EcoIsole per i piccoli RAEE
Posizionati nei punti vendita Leroy Merlin di Marcon (VE) e Mestre (VE) i cassonetti automatizzati per il conferimento gratuito di cellulari, piccoli elettrodomestici, utensili elettrici e lampadine a risparmio energetico esauste


Il Veneto apre una nuova frontiera per la raccolta dei rifiuti elettronici. Consorzio Ecolight e Veritas hanno posizionato questa mattina, giovedì 18 febbraio 2016, presso i punti vendita di Leroy Merlin di Mestre (Ve) e Marcon (Ve) le prime due EcoIsole del Veneto per la raccolta dei piccoli RAEE - rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche. Questi nuovi cassonetti intelligenti di prossimità permettono ai cittadini di buttare gratuitamente cellulari, piccoli elettrodomestici, elettronica di consumo e lampadine a risparmio energetico non più funzionanti, garantendo la tracciabilità dei rifiuti così raccolti.
Le EcoIsole di Ecolight rispondono a due esigenze importanti: anzitutto, agevolano il cittadino-consumatore nel conferire correttamente il proprio rifiuto. Trovando posto nelle aree commerciali ad alta frequentazione, le Ecoisole sono infatti facilmente raggiungibili e utilizzabili. Inoltre, questo sistema riesce a dare una risposta concreta agli obblighi che la nuova normativa RAEE ha introdotto. In particolare, risponde al principio dell’Uno contro Zero, che impone alla grande distribuzione di ritirare i piccoli RAEE gratuitamente.

Come funziona l’EcoIsola? Di dimensioni contenute (1,5x1,2x1,5 metri) e interamente automatizzata, l’Ecoisola permette un facile accesso: al consumatore è sufficiente indicare il tipo di prodotto da smaltire (se un piccolo elettrodomestico o una lampadina), quindi identificarsi con la carta regionale dei servizi e inserire il rifiuto aprendo lo sportello indicato. A conferma dell’avvenuto conferimento, al termine viene rilasciato uno scontrino. Quando i contenitori interni sono pieni, la macchina avvisa i tecnici via sms per lo svuotamento. I rifiuti conferiti vengono così tracciati dal momento del conferimento fino al trattamento e recupero, nell’intento di prevenire il traffico illegale dei RAEE. Inoltre, i cittadini avranno sempre la certezza che i materiali conferiti seguiranno la filiera corretta e saranno smaltiti secondo quanto previsto dalle normative, con grande beneficio per l’ambiente. 

«L’EcoIsola RAEE nasce dall’esperienza maturata attraverso il progetto europeo Identis WEEE che ci ha permesso di sviluppare soluzioni innovative per incrementare la raccolta dei rifiuti elettronici in Emilia Romagna», spiega Giancarlo Dezio, direttore generale di Ecolight tra i maggiori consorzi nazionali per la gestione dei RAEE. «L’attenzione si è focalizzata sui rifiuti elettronici di piccole dimensioni che sono quelli più difficili da intercettare e che danno un’elevata percentuale di recupero: si stima infatti che solamente il 20% segua un corretto percorso di raccolta, recupero e smaltimento, con danni per l’ambiente e la perdita di importanti quantitativi di materie - come plastiche e metalli - che possono essere riciclate. Con EcoIsola vogliamo coinvolgere i cittadini mettendo a diposizione nelle aree di maggior aggregazione un punto di raccolta gratuito. Dopo Brescia e la zona di Firenze, l’EcoIsola è arrivata in Veneto e stiamo lavorando per coinvolgere altre realtà in questo progetto».

Leroy Merlin si conferma ancora una volta un partner affidabile e attento alla sostenibilità ambientale: dopo Bologna, Savignano e Brescia, l’iniziativa di Marcon e Mestre va ad aggiungersi al percorso che ha visto l’azienda mettere a disposizione aree dei propri negozi dove posizionare gli innovativi cassonetti. «L’attenzione all’ambiente e il coinvolgimento dei nostri stakeholder in questo percorso hanno sempre contraddistinto il nostro operato», spiega Luca Pereno, coordinatore Sviluppo Sostenibile di Leroy Merlin Italia. «Riteniamo sia fondamentale operare nel rispetto della comunità e in quest’ottica pensiamo sia giusto mettersi al servizio dei consumatori e dei cittadini, attraverso progetti che contribuiscano a migliorare la sostenibilità dei consumi».


Davide Alaimo, capo progetto Supply Chain Negozio Leroy Merlin aggiunge: «La positiva esperienza avuta con Identis WEEE ci ha portato ad estendere e sviluppare questo interessante progetto. L’obiettivo che ci siamo prefissati è quello di incentivare e sensibilizzare la raccolta differenziata dei nostri clienti (e non), trasformando un obbligo di legge in un’opportunità per tutta la comunità. Dal 2014 ad oggi abbiamo installato 7 EcoIsole nei nostri negozi: sono state conferite quasi 11 tonnellate di piccoli RAEE e sorgenti luminose e oltre 11.700 persone hanno usufruito di questo servizio completamente gratuito. L’ottimo riscontro registrato ci ha dunque spinto a rinnovare la collaborazione con Ecolight e a mettere a disposizione nuove aree per posizionare questo innovativo cassonetto: abbiamo infatti in programma altri posizionamenti da qui a fine anno per soddisfare sempre più le esigenze dei cittadini».

«La tendenza dei consumatori - afferma il Direttore dell’igiene urbana di Veritas, Renzo Favaretto - è di buttare nel cassonetto del rifiuto secco i piccoli RAEE non più utilizzati. L’anno scorso, infatti, ne abbiamo raccolto nel nostro territorio solo un kg pro capite. Eppure, si tratta di oggetti realizzati quasi interamente in materiali recuperabili. Siamo convinti che questa iniziativa, insieme alle giornate di raccolta dedicate che periodicamente Veritas organizza nel proprio territorio, contribuirà ad aumentare la sensibilità dei cittadini e a far crescere la quantità di RAEE raccolti in maniera differenziata».



Ecolight - Costituito nel 2004, è uno dei maggiori sistemi collettivi per la gestione dei Raee, delle Pile e degli Accumulatori. Il consorzio Ecolight, che raccoglie oltre 1.500 aziende, è il secondo a livello nazionale per quantità di immesso e il primo per numero di consorziati. È stato inoltre il primo sistema collettivo in Italia ad avere le certificazioni di qualità ISO 9001 e ISO 14001. È punto di riferimento per la grande distribuzione (Gdo) e tratta tutte le tipologie di Raee.

Leroy Merlin - È un’azienda della Distribuzione Moderna specializzata nell’abbellimento, manutenzione e ristrutturazione di casa e giardino. Arrivata in Italia nel 1996, Leroy Merlin annovera ad oggi 47 punti vendita distribuiti su tutto il territorio nazionale per un fatturato di oltre 1 miliardo di euro. Offre lavoro a circa 6.000 collaboratori, per il 99,3% azionisti del Gruppo stesso. Leroy Merlin infatti orienta le proprie scelte strategiche sulla centralità della persona, finalizzando l’attività dell’impresa alla creazione di valore aggiunto per i cittadini, i collaboratori e per le generazioni future, avendo come missione il miglioramento del loro habitat.

Veritas - Veneziana Energia Risorse Idriche Territorio Ambiente Servizi è la società per azioni a capitale interamente pubblico che fornisce servizi ambientali ai 48 Comuni proprietari (l’area metropolitana di Venezia e parte della provincia di Treviso), in un territorio di circa 900.000 abitanti a cui vanno aggiunti gli oltre 30 milioni di turisti che ogni anno visitano Venezia, il Litorale e le zone limitrofe. Veritas gestisce il servizio idrico integrato, l’intero ciclo ambientale, servizi urbani collettivi (servizi cimiteriali e funerari, mercati all’ingrosso, bonifiche ambientali, cura del verde pubblico, gestione del calore e della pubblica illuminazione, gestione utilities all'interno del porto di Venezia) e produce energia da fonti rinnovabili (pannelli solari). 

PIPER BY DIVA GIOIELLI. Il corpo si veste di oblò e ouvertures

 La collezione Piper di Diva Gioielli, recentemente presentata a VicenzaOro ed ora nella nostra showroom per i vostri servizi fotografici, è un nuovo modo di concepire lo stile. L'impronta forte dei Sixties, le correnti culturali del Piper Club, oggi del tutto riconosciute, determinano uno stile contemporaneo di immediato impatto. Seduzione e femminilità ispirano fortemente questa collezione che si compone di gioielli in argento 925 di grande fascino e carattere. Piper racchiude in sé tutta la filosofia Diva Gioielli, una griffe preziosa che esce dai canoni tradizionali e impone l'eleganza del dettaglio nell'enfasi di un look "illuminato" e importante. Tagli netti e linee decise disegnano un palcoscenico magico di dischi piatti, oblò e ouvertures rotonde capaci di stravolgere la percezione dell'abito indossato, d'impatto sulla pelle nuda, sorprendenti tra i capelli. Le forme degli anni '60 grazie a Diva divengono senza tempo e rigorosamente contemporanee, nell'interessante gioco inaspettato delle proporzioni a contrasto, manifestandosi spettacolari. Un'attrazione fatale di anelli, collane, orecchini e spilloni over, per una collezione iconica e inconfondibile, destinata ad arricchirsi. I modelli "Piper" esplorano diverse finiture, dal rodio lucido alla placcatura oro, all'oro rosato e all'argento nella versione graffiata, nell'arte eccelsa di quella minuziosa lavorazione "a mano" firma esclusiva dell'estro orafo made in Italy. Diva (Gioielli) si diventa... La collezione è composta di 16 modelli in Argento 925

PIPER. The Diva Gioielli spectacular collection. The minimal becomes over!
Keywords: minimal that becomes psychedelic, purity, flat, shiny, all fashion myths started from 60s. Piper its a new way to conceive your outfit. When you dress a jewel, you emphasize your own image, your face keep light, you feel yourself more important. With Piper more of this happens. These jewels change absolutely your outfit. The ultraclean cuts are so strong, the pithy lines are highly identified. These flat circles are oblò, round ouvertures, that appear on your suits, on your hands, in your hair, on your skin. The magic of 60's with the incredible game of extra new proportions is spectacular and so attractive. It is an iconic collection. Rousing. Timeless and strictly contemporary. Unmistakable, with no superfluous details: this is the aesthetic force of Piper.
The collections models explore more finishings: from the extra shiny rhodium to the gold, rose gold and silver scratched. Each jewel is hand finished, with the proverbial attention of italian jewelry artisans.



17 febbraio 2016

CITTÀ METROPOLITANA ROMA - NUOVA SEDE COSTRUITA IN ZONA AD ALTO RISCHIO IDROGEOLOGICO E DI ALLUVIONI

L’edificio di via Ribotta nel quartiere Torrino di Roma, dove dal dicembre 2015 è in corso il trasferimento oltre 1.500 lavoratori della Città Metropolitana, è sito in un terreno ad elevato rischio idrogeologico e di alluvioni. La classificazione emerge in due delibere dell'Ente Autorità Bacino del Tevere, che ad agosto e a dicembre 2015 ha classificato il terreno a rischio idrogeologico R4 e a quello di alluvioni P3: il grado più alto per entrambi.

“Prontamente abbiamo denunciato il fatto, chiedendo all'Amministrazione Metropolitana di Roma e alle autorità cittadine competenti le certificazioni sulla sicurezza ed il certificato di agibilità per l’edificio”, riferisce Gilberto Gini, dell’USB Enti Locali Lazio.
“Purtroppo ci sono state solo risposte molto vaghe – prosegue Gini - che non certificano pienamente la sicurezza del grattacielo. Ci si limita a dire che il rischio è sopravvenuto successivamente al 2013, data di rilascio del certificato di agibilità, e che qualora l'edificio dovesse essere oggetto di una modifica sostanziale dovrà rispettare anche le nuove norme relative alla nuova classificazione del rischio idrogeologico del terreno dove è stato costruito”.
Incalza il rappresentante USB: “Ma visto che i rischi sono stati accertati e che la nuova classificazione degli stessi è successiva all'agibilità ottenuta, perché nessuno mette nero su bianco che il palazzo è stato costruito comunque tenendo conto dei rischi idrogeologici e delle alluvioni? Forse all'epoca del rilascio dell'agibilità i rischi erano minori?”.
“Per la costruzione in un terreno identico del nuovo stadio di Roma è stato bloccato il progetto - sottolinea il sindacalista - ma anziché fornire risposte chiare sulla sicurezza dei lavoratori, si delega ad altri l'eventuale responsabilità, con il solito giochetto sulle competenze, ed il tutto avviene mentre oltre 1500 lavoratori andranno a riempire il palazzo”. 
“L’USB, al fianco dei lavoratori della Città Metropolitana di Roma, ritiene inaccettabile che non si diano risposte chiare sulla sicurezza dei luoghi di lavoro e continuerà a denunciare questa vicenda”, conclude Gini.

CORTINA D’AMPEZZO ESTATE 2016



Il 26 gennaio del 1956, sessant’anni fa, l’accensione del tripode dei VII Giochi Olimpici invernali incoronava Cortina Regina degli sport bianchi. Da allora Cortina d’Ampezzo, destinazione turistica d’eccellenza, ha intrattenuto un rapporto privilegiato con gli eventi sportivi internazionali, con ben 24 edizioni della Coppa del Mondo di sci alpino femminile, gli appuntamenti di sci nordico, la Coppa del Mondo di snowboard, la cui prima edizione si è tenuta quest’inverno e, sempre per la prima volta, la Coppa del Mondo di Freeride a marzo 2016. Il tutto in attesa dei Mondiali 2021.

Ma il grande sport anima anche le attività e gli eventi estivi della Regina delle Dolomiti: dal trail running – più che uno sport, uno stile di vita – che ha consacrato Cortina meta d’elezione per migliaia di appassionati, a molte altre discipline outdoor, tra cui il tiro con l’arco. Proprio a Cortina, infatti, si disputeranno i Campionati italiani tiro con l’arco di campagna 2016 e, nel 2018, i Campionati mondiali tiro con l’arco di campagna.

E poi ancora tennis, curling, MTB, corsa ed emozionanti gare in auto d’epoca, con appuntamenti internazionali, grandi classici e novità che popoleranno la fitta agenda dell’estate 2016.

Tante le proposte anche per chi ama immergersi nella natura e nella cultura del luogo, affidandosi a un calendario ricchissimo di appuntamenti e incontri.

Cortina, infatti, è come un libro dalle molte chiavi di lettura, una località “multiskin”, capace di cambiare pelle, offrendo un’esperienza sempre nuova. 

Indice

1.    Un’estate di corsa                                                                                      
2.    Una stagione di grandi eventi                                                                     
       2.1 Aspettando l’estate a tutto freeride
       2.2 Auto d’epoca
       2.3 Mountain Bike
       2.4 Sport di club
       2.5 Tiro con l’arco
3.    Il cuore selvaggio della Regina                                                              
       3.1 In volo su Cortina
       3.2 Un paesaggio da scoprire passo dopo passo
       3.3 La Regina e la sua storia
4.    Racconti da Cortina: storie dolomitiche                                                      
       4.1 Aspettando l’estate con Cortinametraggio
       4.2 CortinaèCultura
       4.3 A tu per tu con l’arte e la storia
       4.4 Capolavori del Novecento
       4.5 Cortina tra le righe
       4.6 Atelier Open Air
5.    La rivoluzione corre sul web                                                                       
       5.1 Nasce il brand Cortina
       5.2 Cortina 3.0: la rivoluzione digitale alle porte
6.    Hospitality News                                                                                         
       6.1 Hotel Ambra, immersione in nuovi sogni
       6.2 L’eccellenza del wellness outdoor al Rosapetra Spa Resort
       6.3 Hotel Villa Argentina e Hotel Villa Blu, soggiorno su due ruote

Il Quartetto Foné in concerto

Domenica 28 febbraio, alle ore 17, palazzo Vitelleschi (Tarquinia), per la rassegna “Il Quartetto d’Archi”. In programma il Quartetto n. 6 di B. Bartok e il Quartetto op. 30 n.3 in mi bemolle minore di P. I. Tchaikovsky
Non si è ancora spento l’eco del bellissimo concerto del Quartetto Delfico, che la rassegna “Il Quartetto d’Archi”, organizzata dalla Fondazione Etruria Mater in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia del Lazio e dell'Etruria Meridionale e il Comune di Tarquinia, regalerà il 28 febbraio un nuovo imperdibile appuntamento. Nella loggia di Palazzo Vitelleschi, alle ore 17, si esibirà il Quartetto Foné. L’ensemble proporrà al pubblico il Quartetto n. 6 di B. Bartok e il Quartetto op. 30 n.3 in mi bemolle minore di P. I. Tchaikovsky. Composta da Paolo Chiavacci e Marco Facchini, violini, Chiara Foletto, viola, e Filippo Burchietti, violoncello, la formazione ha fatto il suo esordio nel 1985 con le affermazioni in vari concorsi nazionali (Stresa, Palmi, Trapani) e internazionali (“G.B. Viotti” di Vercelli, “D. Shostakovich” a San Pietroburgo). Tiene concerti per le maggiori istituzioni concertistiche italiane (Milano La Scala, Unione Musicale, Roma S. Cecilia, Venezia La Fenice, Firenze Amici della Musica, Napoli “A. Scarlatti”, Palermo Amici della Musica, Ravenna Festival) e all’estero in Svizzera, Austria, Germania, Israele, Francia, Spagna, Grecia, Stati Uniti, Canada e Giappone. Vanta collaborazioni artistiche con musicisti di fama internazionale. L’ensemble incentra il suo repertorio sulla musica da camera di L. van Beethoven e di B. Bartok e si dedica, inoltre, alla diffusione della musica contemporanea con prime esecuzioni di Pennisi, Guarnieri, Cappelli, Aralla, Grossi e altri. La direzione artistica della rassegna “Il Quartetto d’Archi” è affidata al maestro Leandro Piccioni, compositore, pianista e direttore di orchestra. La manifestazione ha il sostegno di Enel, BCC Roma, Giove Gas, Camping Tuscia Tirrenica ed Etruria Musei. L’ingresso è libero ma è obbligatorio prenotarsi nella settimana che precede il concerto, presso l’ufficio d’informazione e accoglienza turistica del Comune di Tarquinia.

Domenica 21 febbraio Enrico Vaime sarà ospite di Fabio Fazio nella trasmissione televisiva Che tempo che fa


La saggezza dei suoi aforismi raccolti nel nuovo libro di Aliberti Compagnia Editoriale



Sì, perché qui parliamo di Vaime, signore e signori: Enrico Vaime, esattamente! Non pizza e fichi. Un uomo che fumava in balcone insieme a Ennio Flaiano dopo aver fatto gioire e arroventare i tasti della loro Olivetti. Io, un uomo così, sul comodino me lo terrei. Leggerei un aforismo... un aforisma... (ma quale diavolo di singolare...?) un paio di aforismi a sera, come fosse una specie di rosario, una tisana benefica e mi addormenterei col sorriso sulle labbra. E voi? 
(Dalla prefazione di Neri Marcorè) 

Enrico Vaime (Perugia, 1936) è uno dei padri del varietà televisivo italiano (da "Canzonissima" a "Quelli della domenica", da "Tante scuse" e "Risatissima") e teatrale, in ditta artistica con Italo Terzoli (per Garinei e Giovannini hanno scritto "Felicibumta", "Anche i bancari hanno un'anima", "La vita comincia ogni mattina" e altri successi). Conduttore dal 1978 del programma radiofonico "Black Out" (Radio 2 Rai) e ospite fisso di "Coffee Break" fino al 2013, su La7 ha condotto "Anni Luce", "Omnibus Weekend". Ha al suo attivo numerosi libri, dal primo fortunatissimo "Amare significa...Storia d'amore all'italiana" con Terzoli, ai best seller più recenti "Quando la rucola non c’era", "Era ormai domani, quasi", "I cretini non sono più quelli di una volta", "Cin cin. Bere troppo fa male. Non bere per niente, a volte, fa peggio", "Il meglio è passato. Il senso della storia e il senso del ridicolo" e "Gli amori finiscono non preoccupatevi".

ZURICH RICEVE LA CERTIFICAZIONE “TOP EMPLOYERS ITALIA 2016” ED E’ TRA I MIGLIORI AMBIENTI DI LAVORO IN ITALIA

Zurich premiata per l'investimento sui giovani, le politiche di well being e di conciliazione lavoro-famiglia

Zurich riceve la certificazione “Top Employers Italia 2016” per l'investimento sui giovani, le politiche di well being - politiche di salute e sicurezza per i dipendenti - e per le iniziative di work life balance - politiche di conciliazione lavoro-famiglia.La certificazione è stata consegnata ieri a Marco Zuccarini e Francesca Sandri, in rappresentanza del dipartimento HR di Zurich, in occasione della Certification Dinner organizzata da Top Employers Institute a Villa Necchi Campiglio, a Milano.
Tra i 9 criteri di valutazione adottati dalla Top Employers Institute - talent strategy, workforce planning, on-boarding, learning & development, performance management, leadership development, career & succession management, compensation & benefits, culture – Zurich si è distinta in particolare per l'investimento sui giovani, per aver implementato politiche di well-being e strumenti di work life balance.

Zurich: programmi d’eccellenza per le risorse umane
Zurich investe sui Giovani da sempre. Particolare rilevanza hanno assunto i programmi “Graduate Program – Assicuriamo il vostro futuro”, programma di apprendistato che ha visto nel triennio 2013-2015 l’inserimento in azienda di più di 80 giovani con un programma di formazione molto ambizioso e “Agents Of the Future” , modello di recruiting innovativo pensato per i giovani che ambiscono a costruirsi un futuro come agenti di assicurazione . 

Con il programma “Zurich Well Being”, la società ha messo in primo piano i dipendenti, promuovendo uno stile di vita sano (e.g. l’attività fisica), tutelando la salute dei dipendenti, diventando una no smoking company e educando a una dieta equilibrata. 
Con le politiche di conciliazione lavoro-famiglia “Work life Balance”, Zurich ha adottato strumenti per bilanciare il tempo dei dipendenti a casa e al lavoro. Tra questi hanno assunto particolare rilevanza l’introduzione dello smart working, le baby zone, la convenzione con l’asilo nido, la palestra, il servizio di counselling, la possibilità di effettuare visite specialistiche all’interno dell’azienda e la disponibilità di utilizzare le biciclette in pausa pranzo.

Certificazione Top Employers Italia 2016
Top Employers Institute certifica le migliori aziende al mondo in ambito HR: quelle che offrono eccellenti condizioni di lavoro, che formano e sviluppano i talenti a ogni livello aziendale e che si sforzano costantemente di migliorare e ottimizzare le loro Best Practice nel campo delle Risorse Umane. Dopo la validazione dei risultati e un audit esterna, i punteggi di performance vengono valutati secondo uno standard internazionale. L'azienda che raggiunge il livello qualitativo richiesto si qualifica per la certificazione.

Oliviero Bernardi, Head of HR Zurich in Italia, ha dichiarato 
“Dopo essere stati la prima azienda assicurativa al mondo a ricevere la certificazione EDGE nel 2015 (Economic Dividends for Gender Equality), valutazione globale e certificazione di business standard per la parità di genere, siamo orgogliosi di ricevere oggi un altro importante riconoscimento, che avvalora l’impegno che Zurich pone ogni giorno nel creare eccellenti percorsi e condizioni di sviluppo delle proprie persone. La Certificazione Top Employers Italia 2016 rappresenta un riconoscimento degli sforzi e degli obiettivi raggiunti da Zurich a livello HR negli ultimi 12 mesi. Non solo. Questa certificazione riconosce in particolare il grande valore delle nostre persone che, grazie alle loro competenze, all’impegno e alla dedizione, arricchiscono la nostra Compagnia. Top Employers posiziona Zurich tra le aziende pioniere nell’attenzione alla gestione del personale.

Zurich Insurance Group (Zurich), leader nei servizi assicurativi, è operativa sia nel ramo danni che nel ramo vita, servendo i propri clienti a livello globale e su singoli mercati locali grazie ad oltre 55.000 collaboratori. Tra i clienti di Zurich vi sono privati, piccole e medie imprese e grandi società, comprese aziende multinazionali, in oltre 170 paesi. Fondato nel 1872, il Gruppo ha la propria sede centrale a Zurigo, in Svizzera. La società holding Zurich Insurance Group Ltd (ZURN), quotata alla SIX Swiss Exchange, è presente sul mercato statunitense mediante un programma American Depositary Receipt di Livello I (ZURVY) negoziato fuori borsa su OTCQX. 
Zurich in Italia. Zurich è presente in Italia dal 1902 ed opera attraverso una rete di circa 600 Agenzie e accordi di distribuzione con banche e reti di promotori finanziari, nell’area della protezione assicurativa, del risparmio e della previdenza.

1° TRAPIANTO DI MANDIBOLA ARTIFICIALE IN ITALIA

REGIONE DEL VENETO
AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA
LA MANDIBOLA PERSONALIZZATA E’ STATA IMPIANTATA A PADOVA

Per la prima volta in Italia, a Padova, è stato ricostruito con un trapianto artificiale di mandibola, il volto di un paziente di mezza età di nazionalità italiana affetto da osteonecrosi. Le ripetute infezioni gli compromettevano la capacità funzionale e i dolori gli causavano limitazioni di salute. 

La Chirurgia Maxillo-Facciale dell’Azienda Ospedaliera/Università di Padova diretta dal prof. Giuseppe Ferronato, ha eseguito con i ricercatori dott.ssa Giorgia Saia e dott.ssa Giordana Bettini coordinati dal dott. Alberto Bedogni - esperto nel trattamento delle patologie ossee radio e farmaco indotte, assieme ad un team di ingegneri, il delicato intervento portato a termine con successo.
E’ stata così inserita al paziente in sole 4 ore una nuova mandibola artificiale in titanio di gr. 26 contenente i fori necessari affinchè muscoli e nervi vi si inserissero naturalmente. 

La protesi artificiale personalizzata ha sostituito buona parte della mandibola originale includendo il condilo e il mento, regioni indispensabili per le funzioni di movimento della mandibola - articolazione della parola, masticazione, deglutizione e competenza delle labbra - nonché dell’aspetto esteriore del volto. 
La tecnica progettata e sviluppata dai ricercatori padovani in strettissimo rapporto con ingegneri e bio-ingegneri di un’azienda italiana leader nel settore della ricerca e della produzione di dispositivi medici, ha permesso la realizzazione di una protesi artificiale che ha riprodotto fedelmente le caratteristiche anatomiche della porzione mancante e deformata della mandibola del paziente, comprendendone anche le inserzioni muscolari indispensabili.
La realizzazione della protesi ha comportato l’elaborazione al computer delle immagini dello scheletro facciale del paziente grazie alla tomografia computerizzata. Le immagini realizzate hanno prodotto un modello virtuale 3D della mandibola. Così il chirurgo ha simulato da remoto in tempo reale l’intervento chirurgico.
E’ stato specchiato il lato sano sulla mandibola mancante (mirroring) e ricostruita la mandibola a computer, la forma finale ha ricalcato quella mandibolare del paziente. Un raggio laser ha fuso per strati la polvere di titanio formando così la nuova mandibola. 
Numerosi i vantaggi immediati per il paziente.
Dalla sensibile riduzione del rischio di complicanze, alla riduzione della possibilità di rigetto; dal recupero della migliore forma del volto in un unico intervento alla respirazione autonoma post-operatoria.
Dalla riduzione della necessità di accesso tracheostomico alla rapida ripresa dell’alimentazione già dalla prima giornata dopo l’intervento e al rapido recupero della qualità della vita generale.

L’Azienda Ospedaliera di Padova, conferma l’effettiva stabilità della mandibola innestata nel paziente alcuni mesi fa, e dichiara riuscito il trapianto di mandibola in titanio. Il paziente ora puo’ masticare, parlare, respirare e deglutire normalmente e soprattutto non ha più dolori. E’ tornato ad una normalità di vita.
Questo intervento migliora il supporto del labbro inferiore, la simmetria finale della parte inferiore del viso e la competenza delle labbra. Il vantaggio delle protesi artificiali personalizzate è da considerarsi soprattutto nei casi in cui la regione anteriore della mandibola sia inclusa nell’asportazione. 
Il costo medio di un impianto di questa tipologia è di circa € 3.500 e prevede l’applicazione a basso impatto sugli individui, specie nei soggetti adulti. 

“Le nuove protesi progettate, conferma il Prof. Giuseppe Ferronato - hanno dimostrato anche una buona resistenza al trattamento chemio-radioterapico e potrebbero essere utilizzate nella cura dei tumori maligni del cavo orale aprendo così la strada ai pazienti oncologici critici che non sopporterebbero altrimenti, interventi ricostruttivi complessi”.

Manifestazioni del mese di Marzo 2016 - Repubblica di San Marino


1/2-7/7   Sopra il livello del mare
Il Dipartimento di Scienze Umane dell'Università della Repubblica di San Marino, in occasione del riconoscimento di San Marino nella lista dei siti UNESCO Patrimonio dell'Umanità, propone un percorso che coinvolge poeti, artisti e cittadini nel raccontare un luogo "mappandolo" poeticamente e per immagini. Gli scritti e le immagini verranno raccolti in un quaderno che sarà presentato ufficialmente il 7 luglio in occasione della ricorrenza.
Centro Storico, San Marino  

12/2-16/3   "L'arte nell'epoca dei videogames" mostra di Enrico Mitrovich
"I videogames sono la forma d’arte che ha caratterizzato il XXI° secolo, così come per l’ottocento lo è stata la fotografia e per il novecento il cinema” così Enrico Mitrovich apre la sua riflessione artistica sui videogiochi, lui che, primo in Italia, ha sperimentato in pittura i linguaggi e le estetiche di “una forma di avanguardia mascherata da intrattenimento per adolescenti".
Sm.Art Lounge gallery c/o hotel La Grotta   

14/2-13/3   Fotografiaba - Regine dell'Antica Terra
Mostra fotografica dell'artista Elisa Giorgetti a conclusione del progetto, ambientato nella Repubblica di San Marino, che si prefigge di valorizzare l'immagine del territorio unitamente all'importanza della figura femminile tramite 15 scatti fotografici in 15 location del centro storico.
Palazzo Graziani, Città di San Marino   Orario: tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00 - ingresso libero

27/2-20/3   Espansioni 2016
Rassegna d'Arte Contemporanea Internazionale - Percorsi di creatività delle donne. Insieme per espandere la conoscenza, l'amicizia, il confronto oltre i confini geografici, storici e politici. Dalla ricerca artistica tradizionale, alla redazione e comunicazione di grandi progetti sul territorio, in generale per ogni settore scientifico e culturale, il lavoro sviluppato dalle donne evidenzia un approccio innovativo che va al di là del valore intrinseco dell’opera, di qualunque opera si tratti, riscoprendo i valori del rispetto e della dignità.
Palazzo Graziani, Città di San Marino   Orario: tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00

1/3-1/11   VII MASKFEST 2016
Il Maskfest è un festival internazionale di musica classica, moderna e contemporanea (dal 900 ad oggi), ispirato dal festival ceco FORFEST. Giunto alla sua settima edizione, il festival si distingue nel panorama musicale internazionale per l'impegno educativo,culturale,formativo e aggregativo.
La volontà di mentenere viva la musica "colta" di oggi ha indirizzato il Maskfest a diventare un contenitore di formazione musicale sia per il pubblico, sia per gli stessi musicisti, infatti il festival tende a far conoscere fra loro i musicisti, provenienti da realtà musicali e culturali differenti, e a far incontrare, dopo ogni concerto, in modo più rilassato e conviviale il pubblico con i musicisti.
Teatri e Chiese, San Marino e Borgo Maggiore  

1/3   San Marino Teatro, Rassegna Identità Teatrali, presenta: "Performance" con Virginia Raffaele
di Virginia Raffaele, Giampiero Solari, Piero Guerrera, Giovanni Todescan; regia Giampiero Solari.
Performance è uno spettacolo teatrale nel quale, per la prima volta, Virginia Raffaele porta nei teatri le sue maschere più popolari: Ornella Vanoni, Belen Rodriguez, il Ministro Boschi, la criminologa Bruzzone e tante altre ancora. Donne molto diverse tra loro, che tra arte, spettacolo, potere e politica sintetizzano alcune delle ossessioni ricorrenti della società contemporanea: la vanità, la scaltrezza, la voglia di affermazione e, forse, la scarsa coscienza di sé. Il tutto raccontato attraverso la lente deformante e irriverente dell’ironia e della satira, tipici elementi che compongono lo stile di Virginia Raffaele. I personaggi monologano e dialogano tra loro, anche grazie alle proiezioni video, in un gioco di specchi e di rimandi. Qua e là, tra le maschere, in scena appare anche Virginia stessa, che interagisce con le sue creature, come una sorta di narratore involontario che poeticamente svela il suo “essere - o non essere”. La musica in scena fa da punteggiatura allo spettacolo, accompagnando i personaggi nelle loro performance, sottolineandone i movimenti, enfatizzandone le manie; conferendo alla spettacolo un ritmo forsennato nel cui vortice i personaggi, Virginia e le varie chiavi di lettura si confondono creando una nuova realtà, a volte folle a volte melanconica: quella dello spettacolo stesso.
Teatro Nuovo, Dogana   Orario: 21.00  Ingresso: Platea A: Intero € 23,00 Ridotto € 21,00
Platea B: Intero € 21,00 Ridotto € 19,00
Galleria: prezzo unico € 15,00 

5/3-13/3   Mostra "Illusionarium - Il Grande Luna Park della Mente" - Festival Internazionale della Magia
Mostra con illusioni ottiche interattive inserita nel contesto del Festival Internazionale della Magia.
Sarà sempre presente Carlo Faggi, creatore del progetto, che rimarrà a disposizione per dimostrare le sue straordinarie illusioni interattive e terrà giornalmente una conferenza scientifica dove, oltre a dimostrare le illusioni ottiche presenti nella mostra, spiegherà perché esse succedono ed il motivo per cui il nostro cervello ci illude.
Sarà possibile organizzare visite delle scolaresche, vista la presenza di elementi culturali e didattici accanto a quelli di intrattenimento.
Galleria Palazzo Arzilli, Città di San Marino   Orario: Inaugurazione sabato 5 marzo ore 17.00 - Orari di apertura: 10.30-12.30 / 15.00-18.00 

8/3   San Marino Teatro, Rassegna Sperimental(a)mente, presenta:  "Finisce per A" con Patrizia Bollini
di Eugenio Sideri, regia Gabriele Tesauri.
Il progetto "Finisce per A" è nato dall'incontro tra la scrittura scenica di Eugenio Sideri e l'attoralità di Patrizia Bollini. Un autore che scrive sul corpo dell'attore e un'attrice che si lascia scrivere addosso. Insieme hanno pensato e costruito "Finisce per A. Patrizia Bollini dà voce e corpo ad un’incredibile pioniera dello sport femminile, importante nella storia dell’emancipazione sportiva – e sociale - delle Donne. Patrizia-Alfonsina si racconta, parlando con Gesù, attraverso una Via Crucis in bicicletta, attraverso le lunghe e faticosissime tappe del Giro d’Italia del 1924, e delle altre imprese, dando voce alle storie, agli aneddoti ma pure dando voce al primo marito –recluso e morto in manicomio- e alla madre, Virginia, massaia analfabeta della Bassa Emilia, madre di altri otto figli. Un avvincente monologo tra sudore e stati d’animo semplici e generosi.
Teatro Titano, Città di San Marino   Orario: 21.00  Ingresso: Platea e palco: prezzo unico € 15,00
Loggione: prezzo unico € 10,00 

10/3-13/3   Suskov Art Week 2016
Per commemorare i 10 anni della scomparsa dell'artista Fedor Kuz'mich, la Fondazione presenta due eventi per celebrare l'artista e le sue opere. Il primo evento sarà la "Settimana Suskov dell'Arte" a Voronezh Russia che intende valorizzare e contribuire allo sviluppo del settore artistico e il secondo evento sarà il "Premio Suskov San Marino" che intende promuovere nuovi talenti ed artisti di rilievo internazionale.
Voronezh Russia  

10/3   Cena del pesce sotto i portici
Portici, Borgo Maggiore

11/3-13/3   Festival Internazionale della Magia
La kermesse propone una serie di proposte legate al tema della magia come lo Street Magic Show, le magiche bolle del Mago Kiko, il Concorso Internazionale di Magia Trofeo Arzilli, spettacoli per bambini e famiglie con la "Combriccola dei Lippipuziani"; in anteprima mondiale il nuovo Houdinì italiano David Dee in una spettacolare sfida alla morte e la grande magia per bambini con il fantastico Claudio Gatti. Al Centro Congressi Kursaal ci sarà una Scuola di Magia per principianti mentre il Gran Galà Internazionale della Magia si terrà al Teatro Nuovo di Dogana, sabato 12 alle ore 21.00, presentato dal grande Alexander. Per tutto il week end, presso i ristoranti convenzionati, si possono gustare "Magic Menù" con magia e close up ai tavoli.
Centro Storico, San Marino  e Teatro Nuovo, Dogana   Orario: 21.00  

11/3   Res Pubblica Res Dei
Conferenza sul tema: Il rapporto fra capitale, lavoro ed impresa. Possibilità di internazionalizzazione delle imprese sammarinesi in Russia.
Antico Monastero di Santa Chiara, Città di San Marino  

19/3   Miriam - Maria
Recital poetico - musicale tratto dal libro di Herri De Luca "In nome della madre", ideato e condotto da Liana Mussoni con musiche di Fabrizio De Andrè, Ariel Ramirez e tradizionali ebraiche. Poetiche differenti, con cifre delicate, si incotrano idealmente in questa appassionante preghiera - spettacolo per raccontare un'emozionante storia d'amore, di coraggio e di fede. I protagonisti fanno rivivere il suggestivo viaggio di Maria verso Nazaret, la nascita di Gesù, l'amore per Giuseppe, la sua bellezza e umanità nel superare le difficoltà delle leggi e dei divieti sociali e religiosi.
Palazzo Graziani, Città di San Marino   Orario: 21.30

19/3   3° Workshop di lingua italiana dei segni
Murata    

20/3   Mercatino dell’Antiquariato e del Collezionismo
Sotto il porticato di Borgo Maggiore, la terza domenica di ogni mese fino a dicembre, si allestisce il mercatino dell'antiquariato con oggetti che testimoniano un tempo passato.
Borgo Maggiore   Orario: 9.00-19.00  

20/3   San Marino Teatro, Rassegna Lo schermo sul leggio, presenta: Ivano Marescotti interpreta "Il nome della rosa"
Ivano Marescotti  interpreterà brani da IL NOME DELLA ROSA di Umberto Eco, con le immagini tratte dal film di  Jean-Jacques Annaud. La finalità del progetto, ideato da Ivano Marescotti è quella di mettere in rapporto tra loro in un unico spettacolo diverse discipline artistiche, e precisamente il cinema, la letteratura e il teatro, per raccontare una storia, attraverso l’interpretazione di un attore delle pagine di un libro intrecciate alle immagini di spezzoni del film tratto dal quel libro. Al termine della rappresentazione ci si sposterà al Ridotto del Teatro per una conversazione con l’interprete, accompagnata da una degustazione a tema.
Teatro Titano, Città di San Marino   Orario: 16.30  Ingresso: Prezzo unico € 15,00
Soci TitanCoop € 13,00 

24/3-7/4   Fotografie Anni 20 e 30
Mostra fotografica a cura della Fondazione Graziana Graziani.
Palazzo Graziani, Città di San Marino  

24/3-31/5   Mutoid.sm
In mostra nel centro storico di San Marino più di 20 installazioni frutto dell'ingegno e della creatività di artisti che si esprimono riutilizzando i rifiuti urbani e trasformandoli in opere d'arte. I mutoidi sono gigantesche sculture saldate, frutto del recupero e del riadattamento di materiali, per lo più ferrosi, che nascono nell’Inghilterra degli anni ’80. Da rifiuti inorganici di diverso tipo quali ferro, plastica, gomma, fibra di vetro, alluminio, rame e ottone prendono vita sculture assolutamente uniche e inconfondibili.
L'iniziativa è organizzata dall'Associazione Culturale Il Garage, con la collaborazione della Mutoid Waste Company, gruppo di performer in costante evoluzione che si distingue per la continua ricerca sia nella raccolta di materiali che nelle tecniche di lavorazione.
Centro Storico, San Marino Città    

25/3   Festa dell'Arengo e Festa delle Milizie
La festa nazionale del 25 marzo ricorda l'Arengo del 1906 che segnò la fine del periodo oligarchico e la nascita di un parlamento eletto direttamente dai cittadini. A questa ricorrenza è stata associata la Festa dei Corpi Militari. Gli Ecc.mi Capitani Reggenti consegnano le medaglie di fedeltà e di anzianità ai Militari che hanno servito con onore e dedizione la Repubblica. La Cerimonia ha inizio alle ore 9.00 in Piazza della Libertà, prosegue di fronte all'Ara dei Volontari, nella Basilica del Santo, per concludersi in Piazza della Libertà con l'intervento delle autorità Militari e di Governo e l'ammaina bandiera.

Post più popolari