Agenzia Stampa Aspapress

Autorizzazione Tribunale di Forlì 6/91 del 8 marzo 1991 - Anno XXX - Registro Nazionale della Stampa 02659 - Registro Operatori Comunicazioni n. 1187 - Direttore Editoriale e responsabile Enzo Fasoli - Casella postale 19152 - 00173 Roma Cinecittà est - Responsabile dati: Carlo Carbone - Capo redattore Cristiano Rocchi. Associazione Periodici Associati: Presidente Enzo Fasoli - Responsabile settore: Angelo Misseri - Redazione Daniela Zappavigna.

12 dicembre 2015

PRESENTAZIONE VOLUME E MOSTRA SALVATORE FIUME - MUSEI VATICANI 17-12-2015




Presentazione del primo volume
della Collana Sfogliando il Novecento

SALVATORE FIUME E I GIOCHI DELLA MEMORIA

e

Inaugurazione della mostra

LA MEMORIA DEL SACRO.
SALVATORE FIUME IN VATICANO


Musei Vaticani
giovedì 17 dicembre 2015 – ore 17:00

Esce "Omo crucis" il nuovo libro di Maximo De Marco, a Natale, con l'introduzione di Mons. Krzysztof Charamsa






Esce “Omo crucis” il nuovo libro dello scrittore  Maximo De Marco, a Natale, con l’introduzione di Mons. Krzysztof Charamsa

Arriva a Natale in tutte le librerie e nei digital book store Mondiali, il nuovo libro “rivoluzionario” del regista e scrittore Maximo De Marco,
dal titolo “Omo crucis”, con l’introduzione/riflessione di Mons. Kryszrztof Charamsa , segretario della Commissione Teologica Internazionale della Santa Sede,che ha scandalizzato la Chiesa rivelando la sua omosessualità e presentando il suo compagno di vita, a poche ore dall'inizio del Sinodo sulla Famiglia.
“Omo crucis” uscirà il 25 Dicembre 2015, edito dalla casa editrice Self, ed è destinato a suscitare una vera e propria rivoluzione nel Mondo cattolico e tra l’opinione pubblica in generale, a cominciare dallo spot video, appena lanciato su tutti i social Network, che risulta di una forza disarmante.
Il libro affronta in modo realistico e autobiografico il conflitto interiore di un omosessuale che incontra la Fede, in questo caso dall'esperienza diretta dell’autore, che dopo la sua conversione spirituale, si trova ad interrogarsi sul perché Gesù lo abbia scelto pur essendo “omosessuale”... da questa domanda che l’autore rivolge a Cristo, scaturisce una ricerca intimistica, teologica e spirituale molto profonda che l’autore cerca di ripercorrere anche attraverso i testi delle Sacre Scritture, riportando e analizzando il pensiero di grandi uomini della Chiesa e di Santi sul tema dell’omosessualità e anche dei vari Papi che si sono succeduti sul trono Petrino, da San Pietro fino ad arrivare a Papa Francesco.
Un libro che dopo averlo letto non lascia indifferenti, ma induce ad una profonda ed attenta riflessione.
Con questo libro l’autore vuole dare una risposta definitiva e veritiera sull'omosessualità e la Fede e ancor più sull'omosessualità in rapporto con  Dio, al fine di aprire un dialogo libero da ogni pregiudizio con la Madre Chiesa, partendo dal lato umano di ogni individuo... per affermare una verità semplice e disarmante che è quella, che  “Dio ci ama cosi come siamo”.
Maximo De Marco, regista del Film “Petali di Rosa” con Claudia Koll, con il quale si è aggiudicato il prestigioso premio Cavallo d’Argento RAI del Radio Corriere TV nel 2007 per la regia e del Festival Internazionale del Cinema di Salerno, nonché tutor del fenomeno mediatico Sister Cristina, è anche ideatore e direttore dell’unica TV al Mondo per Papa Francesco, il “Francisco Ensemble Channel” ed è stato definito dal Vatican Inside, la rivelazione della Fiera Internazionale del libro di Torino nel 2014, con il libro “A Medjugorje la Madonna mi ha guardato” edito da Elledici di Don Bosco, da circa un anno l’autore vive a Barcellona in Spagna, dove ha creato il 1° Network Europeo al Mondo, l’EGN, per la comunità GLBT internazionale.
Il titolo del libro “Omo crucis”, cosi come si evince anche nello spot video di presentazione, lascia intendere un cammino di sofferenza per ogni persona che prende coscienza di essere omosessuale, e ancor più omosessuale e credente, una sofferenza che  l’autore vuole paragonare alla passione e crocifissione di Cristo... principalmente perché il non sentirsi “degni” di Dio, ci allontana dal Creatore, producendo un vuoto e una sofferenza  incolmabile e insopportabile nella vita di un uomo... l’assenza di Dio rappresenta la negazione di se stessi e dell’Amore Assoluto...
Una parte delle vendite del libro verranno impiegate per sostenere le persone omosessuali perseguitate nel Mondo, come in alcuni Paesi, in cui vige addirittura la pena di morte.

Spot promo del libro su youtube : https://www.youtube.com/watch?v=PGaUfk6Icig
Sito ufficiale: www.omocrucis.es 

10 dicembre 2015

Massimiliano Buzzanca e il "Congresso degli Arguti"

Parliamo di papà Lando. Figlio di papà ma senza mai una raccomandazione, Come nasce la voglia di far l'attore a 40 anni, i miei 10 anni. Il suo personaggio nelle statue parlanti di Roma nel Congresso degli Arguti. e da domani i programmi futuri.

Ad un passo da te di Emanuele Lucas



Carne di maiale, arachidi e vino novello - le allergie di Natale più insidiose

L’allergia alle “nuts” è la più frequente  e costituisce circa il 50- 60% delle allergie alimentari in età adulta   cioè 0.5% delle popolazione generale.

IL VINO NOVELLO - Tutti gli alimenti e le bevande possono essere potenzialmente allergizzanti: il vino è tra quelli che meno frequentemente dà manifestazioni allergiche. Diverso però il discorso del novello, che può contenere una proteina molto allergizzante, la LTP, contenuta nella buccia dell'uva. Questa è una sensibilizzazione molto frequente, LTP si trova nella buccia della frutta “le rosacee” ,in diverse verdure , e cereali come grano, orzo e riso,mais . 

IL CONGRESSO HIGHLIGHTS - Se n'è parlato durante il congresso Highlights a Genova, appuntamento annuale patrocinato dall’Italian Network in Allergy, Immunology & Asthma, dalla Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (SIAAIC), dalla Società Italiana di Medicina Respiratoria (SIMER), dall’Ordine dei medici di Genova e dall’Università degli Studi di Genova. Chairmen di Highlights in Allergy and Respiratory Diseases, è il Prof. Giorgio Walter Canonica, Allergy & Respiratory Diseases, DIMI, Genoa University, IRCCS-A.O.U.-San Martino-IST, coadiuvato da Fulvio Braido e Giovanni Passalacqua. Cinquecento gli specialisti presenti, tra cui molti provenienti dall'estero, per un confronto serrato di esperienze e ricerche. 

LA FRUTTA SECCA - L’allergia alle “nuts” è la più frequente e costituisce circa il 50- 60% delle allergie alimentari in età adulta cioè 0.5% delle popolazione generale. "Gli alimenti più insidiosi sono quelli che rientrano nel gruppo della frutta secca, come arachidi,nocciole,noci pecan e la noce brasiliana, che viene consumata raramente ed esclusivamente durante le festività - spiega la Prof.ssa Eleonora Savi, Direttore dell'UO di Allergologia di Piacenza - questo è un allergene nuovo nel nostro paese e, in quanto tale, sottovalutato e pericoloso. Il problema principale sono però gli arachidi, che non danno solo allergie da ingestione, ma anche da inalazione: nel momento in cui si aprono si diffonde l'allergene nell'aria, anche senza contatto diretto. Ma la frutta secca ,in particolare le nocciole, le mandorle ,si trovano anche nel torrone e nel croccante, confermandosi come la vera minaccia dei pasti natalizi. Un'allergia che colpisce circa la metà di quell'1/ della popolazione adulta che ha un'allergia alimentare". 

LA NUOVA ALLERGIA SI TROVA NELLA CARNE - Sono insidiosi anche piatti come carne di maiale e insaccati, stracotti e stufati: la minaccia di questo tipo di carne è nuova ed è rappresentata dall'Alpha Gal, un nuovo tipo di allergene la cui sensibilizzazione avviene tramite la puntura di una zecca. E' un tipo di allergia ritardata e si manifesta nell'arco di 3-4 ore dall'ingestione.

Salvamamme “Operazione Salvanatale” migliaia di doni per bimbi con papà e mamma tuttora in difficoltà



“Guido aggiustagiocattoli” e gli “Aiutanti di Babbonatale”, 
nel porgere gli auguri di buone feste a tutte le persone di buona volontà
annunciano il tour di distribuzione dei doni dell’Associazione
dall’11 dicembre al 6 gennaio

“Guido Aggiustagiocattoli”, nel pieno della sua attività concorrenziale a Babbo Natale - alle ore 10,30 del prossimo 12 dicembre nella sede di Salvamamme di via Ramazzini 15 - darà il via alla partenza per il Nord e il Sud d’Italia dei primi tre furgoni messi a disposizione dal Club “Trinità  dei Monti” del distretto 2080 del Rotary International e che, sempre guidati da volontari del Club, raggiungeranno, carichi di doni,  tra le tante città cui sono diretti, Bologna, Torino, Ravenna, Genova, Milano, Lodi, Novara, Pordenone…. Afragola, Baia Latina, Castelnuovo di Napoli…

Per il Centro si partirà da Pomezia, dove ad attendere i mezzi ci saranno ottantatre persone particolarmente disagiate; saranno anche raggiunti tanti altri centri, come Forano (Rieti), Ceccano e Ferentino (Frosinone), Latina e provincia e in particolare Santi Cosma e Damiano, con quattrocento bambini pronti a ricevere i giocattoli preparati ed impacchettati in questi giorni dagli “Aiutanti di Babbonatale”.

Nel Lazio, ovviamente, lo sforzo maggiore sarà concentrato nella città di Roma, nella quale le tante migliaia di bimbi romani legati a Salvamamme riceveranno i doni attraverso l’organizzazione di più eventi; alcuni di essi sono già stati programmati, come quello del 19 dicembre. Sempre in tale data una manifestazione si terrà presso la Casa di riposo “Santa Margherita”, insieme all’Associazione Motociclisti Forze dell’Ordine. Prevista per il 6 gennaio un’altra grande festa in centro per i bambini residenti a Roma.

Quest’anno la grande catena dei negozi di giocattoli “Rocco Toys” ha deciso di sposare la nostra iniziativa del Salvanatale. Dal 12 al 24 dicembre dalle ore 9.30 alle 19.30 sarà possibile in quattro dei suoi punti vendita portare un gioco usato in buone condizioni e ritirare un buono spesa di  € 5,00. 

L’iniziativa “porta un giocattolo usato ritira un buono spesa” di si effettuerà presso i seguenti punti vendita Rocco Toys:
Via Vittore Ghiliani,40
Via Raffaele De Cesare,14
Viale dei Colli Portuensi, 14
Piazzale Caduti della Montagnola, 49

DOMANI A NAPOLI GIUSEPPE PICONE E VERONICA MAYA PER IL “CALENDARIO TRIUNFO 2016”

LA STELLA DELLA DANZA E LA PRESENTATRICE TELEVISIVA TESTIMONIAL PER PASQUALE TRIUNFO 

Sarà Veronica Maya a presentare, domani sera a partire dalle 20 nello spazio eventi dell’Agorà Morelli di Napoli, l’edizione 2016 del prestigioso Calendario Triunfo, ed al lancio delle nuovissime mezze punte che hanno già fatto letteralmente impazzire gli appassionati di ballo di tutta Italia, molti dei quali attesi per l’evento che alternerà momenti di spettacolo a brindisi prenatalizi, proiezioni d’immagini e, naturalmente, tutto quanto possa far rima con danza.
Testimonial d’eccezione della serata e del segnatempo sarà allora sarà l’Etoile della Danza Italiana, famosa in tutto il mondo Giuseppe Picone, cui s’ispira anche la Royal Prince interamente realizzata a mano nella sede della ditta nata nel 1986 ed oggi leader indiscusso del classico come del liscio e dell’abbigliamento: un’eccellenza produttiva che ben si abbina all’eccellenza artistica del ballerino napoletano acclamato nei teatri di New York come di Vienna, due geni della danza che non a caso camminano da tempo, a loro modo, con lo stesso passo.
Le foto del nuovo calendario sono tratte infatti dallo spettacolo “Giuseppe Picone ed i Grandi della Danza”, ospitato pochi mesi fa dalla Valle dei Templi di Paestum, e saranno presentate alla presenza di big della danza nostrana come il Maestro Sergio Ariota, direttore di Danza e Professione, il manager artistico Antonio Desiderio, Giacomo Molinari del Molinari Art Center, il maestro Stefano Forti giù organizzatore della Maratona d’Estate nonché la dottoressa Giuseppina Parlati, esperta in patologie del danzatore e da sempre in prima linea per le tematiche relative alla postura.

CAMPAGNA DI GREENPEACE SUI RISCHI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI IN ITALIA

UN ORSO POLARE A ROMA


Un grande orso bianco è apparso ieri in diversi luoghi di Roma, dal Gianicolo al Colosseo, da Trastevere al Vaticano, per sensibilizzare gli italiani sui rischi causati dai cambiamenti climatici. L’iniziativa di Greenpeace è stata realizzata in concomitanza con le giornate decisive del vertice di Parigi, dove i leader mondiali sono chiamati a sottoscrivere un accordo che possa fermare la febbre del Pianeta.

«Il riscaldamento globale non mette a rischio solo gli orsi polari, ma anche la sopravvivenza di milioni di persone», spiega Luca Iacoboni, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace. «Gli impatti dei mutamenti climatici si manifestano già oggi ovunque, e in Italia prendono la forma di alluvioni, siccità e altri fenomeni meteorologici estremi sempre più frequenti e violenti. Condividiamo lo stesso destino degli orsi polari, perché i cambiamenti climatici hanno ripercussioni sull’intero Pianeta, la nostra casa comune».

L’orso Paula – in realtà un costume teatrale animato da due attivisti di Greenpeace, ma del tutto simile a un vero orso polare – è apparso in diversi luoghi simbolici della capitale, accolto con curiosità e spesso con affetto dai cittadini romani e dai turisti. Si è affacciato sulla città eterna dal Gianicolo. È stato avvistato sul Lungotevere, non distante da San Pietro. Si è aggirato fra le bancarelle di Piazza San Cosimato, a Trastevere. È stato fotografato mentre annusava l’odore della benzina da una stazione di rifornimento. È ricomparso davanti al Colosseo. E infine, al tramonto, ha cercato di portare la sua testimonianza ai palazzi della politica, aggirandosi inquieto davanti a Palazzo Chigi. 

«I leader mondiali hanno la responsabilità di trovare un accordo per limitare i gas serra e scongiurare una catastrofe climatica. L’unico modo di riuscirci è abbandonare completamente i combustibili fossili entro il 2050 e accelerare la transizione già in corso verso un futuro energetico 100% rinnovabile. Il tempo delle ambiguità è finito: anche il governo Renzi deve cambiare rotta smettendo di incentivare le vecchie e inquinanti fonti fossili. Ne va del futuro di tutti noi. È questo che l’orso Paula è venuto a dirci», conclude Iacoboni.

Super Mario - la linea di SO.DI.CO per il divertimento di grandi e piccini



È il videogioco che ha venduto più copie al mondo: Super Mario ha appena compiuto i suoi primi trent’anni e non smette, a distanza di tempo, di divertire e coinvolgere grandi e piccini. Perché allora non continuare a divertirsi grazie alla linea Super Mario di SO.DI.CO.? 
I bambini impazziranno per tutti i prodotti: dal doccia- shampoo, al sapone liquido al profumo di mela verde, dalla dolcezza del burrocacao alla vaniglia, al dentifricio al gusto di bubble- gum. Ma Super Mario ci segue anche fuori casa con le pratiche salviettine rinfrescanti arricchite con acqua di camomilla. 

Doccia- shampoo delicato al profumo di mela verde: arricchito con estratto naturale di Timo proveniente da agricoltura biologica, idrata delicatamente la pelle del corpo rispettandone il pH naturale e deterge i capelli rendendoli luminosi.

Sapone liquido delicato al profumo di mela verde: arricchito con estratto naturale di Timo proveniente da agricoltura biologica, avvolge le mani in una morbida schiuma, detergendole e lasciandole fresche.

Burrocacao alla vaniglia: A base di cera d'api, Burro di Karitè Biologico, Vitamina E, protegge, idrata e nutre le labbra in totale sicurezza. Con filtri solari UVA-UVB (SPF 15) è ideale per tutte le stagioni.

Kit oral care
· Spazzolino: Spazzolino con setole morbide e arrotondate. Assicura una corretta igiene orale dei più piccoli.
· Dentifricio: Dentifricio dall’irresistibile gusto Bubble Gum. Con la sua formula delicata, aiuta a prevenire la carie rispettando le gengive e lo smalto dei denti. Senza parabeni.

Salviettine: Le salviette rinfrescanti umidificate con la loro formula delicata arricchita con acqua di Camomilla proveniente da agricoltura biologica, donano una piacevole sensazione di freschezza, contribuendo all’igiene quotidiana quando non è possibile l’utilizzo dell’acqua. Grazie alla loro confezione richiudibile, sono ideali da portare a scuola, in vacanza e in palestra.

A Roma il tasso di motorizzazione è calato del 17,1% dal 2008 al 2014

logo

Calo rilevato anche negli altri comuni capoluogo di provincia laziale, ad eccezione di Frosinone

Dal 2008 al 2014 a Roma il tasso di motorizzazione (e cioè le autovetture circolanti ogni 1.000 abitanti) è passato da 747,1 a 619,5, con un calo del 17,1%. Anche negli altri comuni capoluogo di provincia laziali, ad eccezione di Frosinone (+0,8%), il tasso di motorizzazione è in calo: si va dal -2,9% di Rieti al -6,1% di Viterbo, per arrivare al -9,1% di Latina.
In Italia dal 2008 al 2014 il tasso di motorizzazione è passato da 633 a 602,7 con un calo del 4,8%. Questi dati derivano da un’elaborazione del Centro Studi Continental su dati Aci e Istat.
Il tasso di motorizzazione italiano è minore rispetto al tasso di motorizzazione dei paesi del Nord America (649 auto ogni 1.000 abitanti) ma, nonostante il calo degli ultimi anni, è ancora sensibilmente maggiore rispetto a quello europeo (546 auto ogni 1.000 abitanti), ed a quello di Giappone e Corea del Sud (544 auto ogni 1.00 abitanti). A questo bisogna aggiungere il fatto che l’età media del parco di autovetture circolanti in Italia è molto alta, soprattutto nelle regioni del meridione.
Il calo del tasso di motorizzazione registrato negli ultimi anni trova le sue cause nelle sempre maggiori difficoltà da parte degli abitanti delle città ad utilizzare l’auto: sono infatti aumentate nei centri cittadini le piste ciclabili e le zone ZTL (in cui la circolazione è vietata per la grande maggioranza delle autovetture). Al contempo è drasticamente diminuito il numero parcheggi gratuiti disponibili. Occorre però evidenziare che ancora oggi in molti casi l’uso delle autovetture non ha alternative praticabili, soprattutto se si pensa che in molte città i trasporti pubblici funzionano male e costano sempre di più e che alcuni servizi di grande importanza, come la consegna delle merci, non possono essere fatti se non con l’uso di mezzi a motore.
Da quanto detto finora emerge che, nonostante la diminuzione degli ultimi anni, nelle città italiane sono ancora in circolazione molte autovetture, con un’età media piuttosto alta e quindi inquinanti e poco sicure. Questa situazione meriterebbe un’attenzione particolare da parte delle Istituzioni, con provvedimenti che favoriscano un ricambio accelerato del parco circolante. Vista la particolare situazione economica che il nostro Paese sta attraversando, però, tali provvedimenti non sembrano all’ordine del giorno. Come fare, quindi, per rendere le auto circolanti più sicure e meno inquinanti a breve termine? Vi sono degli accorgimenti che possono aiutare gli automobilisti a viaggiare su mezzi più ecologici e più sicuri: ad esempio, una grande importanza ha la manutenzione periodica dei veicoli ed in particolare il controllo delle condizioni esterne e della pressione di gonfiaggio dei pneumatici, che sono fattori che influiscono direttamente sulla sicurezza del veicolo (dal momento che i pneumatici sono l’unico punto del veicolo a contatto con il fondo stradale), sui consumi di carburante ed anche sulle emissioni di sostanze nocive. E’ particolarmente importante assicurarsi che sui pneumatici non siano presenti tagli o rigonfiamenti sospetti e che la pressione sia uniforme ai valori riportati nel libretto d’uso del veicolo. Per fare questi controlli è bene rivolgersi a personale qualificato, che ha a disposizione i macchinari più avanzati per svolgerli in totale sicurezza.

t


Gruppo Continental
Con un fatturato di circa 34,5 miliardi di euro per il 2014, Continental è tra i leader mondiali nelle subforniture per il settore automotive. Nella veste di produttore di impianti frenanti, sistemi e componentistica per motore e telaio, strumentazione, soluzioni per infotainment, elettronica di bordo, pneumatici e prodotti tecnici in elastomeri, Continental fornisce un importante contributo alla sicurezza e alla salvaguardia del clima globale. Continental, inoltre, è un partner competente nel campo della comunicazione in rete per autoveicoli. Attualmente Continental ha un organico di circa 208.000 persone in 53 paesi.


Divisione Pneumatici
La Divisione Pneumatici riunisce i comparti dedicati a pneumatici per autovetture, autocarri, autobus, per l’industria e per veicoli a due ruote. Fra i produttori di pneumatici leader a livello mondiale, la Divisione Pneumatici ha realizzato nel 2011, con un organico di oltre 41.000 persone, un fatturato di oltre 8,8 miliardi di euro. La Divisione Pneumatici attualmente conta 22 centri di produzione e sviluppo nel mondo. L'ampia gamma di prodotti ed i continui investimenti nella ricerca e sviluppo costituiscono un importante contributo per una mobilità più efficiente dal punto di vista economico ed ecologico.

Pneumatici per autovetture e trasporto leggero
Continental è fra i produttori di pneumatici per autovetture leader a livello europeo, ed è il quarto più grande produttore di pneumatici per autovetture al mondo nel settore del primo equipaggiamento e del rimpiazzo. Lo sviluppo dei prodotti di Continental, marchio premium, si concentra sull’ottimizzazione di tutte le caratteristiche rilevanti per la sicurezza, mirando contemporaneamente a ridurre la resistenza al rotolamento. Il focus dello sviluppo dei prodotti di Continental, marca premium, consiste nell’ottimizzazione di tutte le caratteristiche di sicurezza dello pneumatico in armonia con la riduzione della resistenza al rotolamento.

Pneumatici per veicoli commerciali
Il comparto degli pneumatici per veicoli commerciali rientra fra i maggiori produttori a livello mondiale di pneumatici per autocarri, autobus e per l'industria. La business unit è in costante sviluppo da semplice produttore di pneumatici a service provider, con un’offerta ad ampio raggio di prodotti, servizi e soluzioni orientate ai pneumatici.

Sponsorizzazioni
La Divisione Pneumatici è sponsor ufficiale del campionato mondiale di calcio FIFA World Cup 2014™ che si è disputato in Brasile, del campionato europeo UEFA Euro 2016™ che si disputerà in Francia, della Coppa di Germania DFB-Pokal.

Alla scoperta del microbiota del naso. Batterioterapia - nuova efficace arma per prevenire l’otite media acuta L’otite media acuta colpisce il 90% circa dei bambini almeno una volta nei primi tre anni di vita.

Studio italiano appena pubblicato sullo European Journal of Clinical Microbiology & Infectious Diseases dimostra promettenti risultati sull’utilizzo dello Streptococcus salivarius 24SMBc, in forma di spray nasale, per la prevenzione dell’otite media acuta nei bambini.

Prevenire l’otite media acuta e il rischio di recidive nei bambini è oggi possibile attraverso l’uso topico di un probiotico. Già disponibile nelle farmacie italiane, il primo dispositivo medico a base di Streptococcus salivarius 24SMBc e Streptococcus oralis 89a che si somministra direttamente nel naso attraverso uno spray ed è in grado di creare un effetto di bio-barriera per gli agenti patogeni, contrastarne la replicazione e ripristinare la normale flora batterica. Diversi studi hanno, infatti, dimostrato come la normale flora nasofaringea, grazie alla sua capacità di inibire la crescita di patogeni più comuni, possa svolgere un ruolo rilevante nella protezione dalle infezioni delle alte vie respiratorie, tra cui la più frequente è senz’altro l’otite media acuta.

La maggior parte delle specie batteriche presenti nel nostro organismo, infatti, non solo non è patogena, ma può anche essere sfruttata per competere con le specie patogene e contrastarne la crescita, bloccando così lo sviluppo delle infezioni: si tratta dei microrganismi del microbiota. “Nel caso di Streptococcus salivarius 24SMBc e di Streptococcus oralis 89a, entrambi appartenenti al genere degli Streptococchi alfa-emolitici autoctoni, essi sono parte del microbiota orale - ha spiegato Stefania Stefani, Professore ordinario di Microbiologia, Dipartimento di Scienze Biomediche e Biotecnologiche, Scuola di Medicina, Università degli Studi di Catania - In particolare, gli studi condotti su  Streptococcus salivarius 24SMBc hanno rivelato un alto profilo di sicurezza di questo ceppo batterico, selezionato come probiotico grazie alla sue molteplici caratteristiche, tra le quali: la capacità di colonizzare stabilmente le vie respiratorie dei pazienti, l’efficacia nel contrastare microrganismi patogeni come Streptococcus pneumoniae e Streptococcus pyogenes, entrambi responsabili di infezioni respiratorie, otiti medie, sinusiti, polmoniti. S.salivarius 24SMBc contenuto nel dispositivo, non possiede caratteri di virulenza  e di antibiotico-resistenza e si è dimostrato assolutamente sicuro e ben tollerato nei pazienti inclusi negli studi.

L’otite media acuta è un problema particolarmente diffuso in ambito pediatrico: colpisce il 90% circa dei bambini almeno una volta nei primi tre anni di vita. E nel 50% dei casi circa tende a recidivare tre o più volte nello stesso periodo di tempo. Nel 70%-75% dei casi si tratta di una malattia di origine batterica mentre solo una minima parte degli episodi è dovuta ai virus. “Troppo spesso si è ricorso negli anni all’utilizzo di terapie antibiotiche per combattere queste infezioni anche quando non strettamente necessario. E’ dimostrato, infatti, che una parte consistente dei casi di otite media acuta può risolversi spontaneamente dopo 48-72 ore dall’insorgenza -ha spiegato Nicola Principi, Professore di Pediatria all'Università degli Studi di Milano e fondatore della SITIP. -Secondo le recenti linee guida andrebbero trattati con antibiotici solamente i bambini di età inferiore ai 2 anni con una forma bilaterale di otite media acuta e tutti quelli che, indipendentemente dall’età, presentano una forma clinicamente rilevante, con complicanze o abbiano sofferto in precedenza di ripetuti episodi. Per tutti gli altri è consigliata, invece, la vigile attesa e il trattamento antibiotico solo se, superate le 48-72 ore dall’esordio, le manifestazioni cliniche non sono scomparse o, almeno, si sono notevolmente ridotte. L’adozione di queste linee guida permetterebbe di contrastare il fenomeno ormai noto dell’antibiotico-resistenza, dovuto ad un abuso di questi trattamenti, che rischia di comprometterne in modo sempre maggiore l’efficacia terapeutica”.

Proprio la necessità, ribadita da tutte le autorità sanitarie internazionali, di ridurre il ricorso agli antibiotici, unita al crescente interesse del mondo scientifico per il microbiota nasale ha dato il via ad un nuovo approccio terapeutico per la prevenzione delle infezioni delle alte vie respiratorie.

“Specialmente per i bambini che soffrono ripetutamente di otite media l’approccio migliore è per noi pediatri quello di cercare di prevenire l’insorgenza di nuovi casi. Oltre alla riduzione dei fattori di rischio (come fumo passivo, uso del succhiotto, frequenza prolungata dell’asilo nido o della scuola materna), alla immunoprofilassi con il vaccino antinfluenzale, alla supplementazione con vitamina D nei soggetti con deficit di vitamina D, sono possibili nuove forme di prevenzione. E’ il caso dell’utilizzo dello Streptococcus salivarius 24SMBc in grado di inibire la colonizzazione di potenziali patogeni della mucosa nasofaringea e ripristinare la normale flora batterica ha affermato Paola Marchisio, Professore Associato diPediatria UO Pediatria ad alta Intensità di Cura  all’Università degli Studi di Milano e Fondazione IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico - Da un recente studio, pubblicato sullo European Journal of Clinical Microbiology & Infectious Diseases, sono emersi risultati favorevoli sull’utilizzo dello Streptococcus salivarius 24SMBc, somministrato attraverso uno spray direttamente sulla mucosa nasale, per la prevenzione delle otiti medie acute in bambini con una storia di otite media ricorrente. In particolare l’utilizzo  dello Streptococcus salivarius 24SMBc ha dimostrato di annullare le recidive di otite media acuta nel 42,8 % dei bambini che sono stati colonizzati e di ridurle a soltanto un episodio all’anno in un altro 35% dei bambini colonizzati, per un totale di 77,8% dei bambini colonizzati che non hanno presentato più episodi di otite media acuta o ne hanno avuto solo uno nei sei mesi dello studio rispetto ai 4-7 episodi dell’anno precedente”.


Il ricorso ai probiotici (batterioterapia) è una pratica già usata in diverse specialità. In gastroenterologia, soprattutto, nel trattamento dei disturbi funzionali e nella prevenzione e terapia dei disturbi intestinali. Ma anche in ginecologia e dermatologia. “Nell’ambito dell’otorinolaringoiatria la batterioterapia rappresenta un’applicazione clinica di frontiera molto interessante specialmente nella prevenzione e trattamento delle infezioni respiratorie recidivanti nei bambini -conclude Giancarlo De Vincentiis, Responsabile UOC di Otorinolaringoiatria dell'Ospedale del Bambino Gesù IRCCS, Roma.

SLURP



 LECCHINI, CORTIGIANI & PENNE ALLA BAVA
 AL SERVIZIO DEI POTENTI CHE CI HANNO ROVINATI
 di e con  MARCO TRAVAGLIO
e con
GIORGIA SALARI
regia
VALERIO BINASCOproduzione Promomusic

Dal 11 al 13 dicembre il Teatro Vittoria di Roma presenta il nuovo recital teatrale, tutto da ridere per non piangere di Marco Travaglio - con l'aiuto dell'attrice Giorgia Salari, per la regìa di Valerio Binasco.
Slurp racconta come i giornalisti, gli intellettuali e gli opinionisti più servili del mondo hanno beatificato, osannato, magnificato, propagandato e smarchettato la peggior classe dirigente del mondo, issando sul piedistallo politici incapaci di ogni colore, ma(g)nager voraci, (im)prenditori falliti che hanno quasi distrutto l'Italia e stanno completando l'opera. Cronache da Istituto Luce, commenti da Minculpop, ritratti da vite dei santi, tg e programmi di regime hanno cloroformizzato l'opinione pubblica per portare consensi e voti a un regime castale e molto spesso criminale che in un altro Paese sarebbe stato spazzato via in pochi mesi, e che invece in Italia gode dell'elisir di vita eterna.
Un recital terapeutico, un'arma di autodifesa, un antidoto satirico che ci aiuta a guarire - ridendo - dai virus del conformismo, della piaggeria, della creduloneria, dell'autolesionismo e della sindrome di Stoccolma che porta noi italiani a innamorarci immancabilmente del Nemico. Che ci rovina e ci rapina col sorriso sulle labbra, mentre noi teniamo la testa ben affondata nella sabbia. 

IL DIRITTO ALL’ABITARE È MOLTO PIÙ CHE UN TETTO SULLA TESTA


INCONTRO NAZIONALE
13 dicembre Roma, via Tiburtina 1064 – ore 10.00

Domenica 13 dicembre l’Associazione Inquilini e Abitanti USB organizza a Roma l’incontro nazionale IL DIRITTO ALL’ABITARE È MOLTO PIÙ CHE UN TETTO SULLA TESTA”, che si terrà  in via Tiburtina 1064 (quartiere San Basilio) dalle ore 10.00.

Interverranno:
Roberta Lombardi - deputata M5S
Antonello Sotgia - urbanista  
Vincenzo Perticaro - avvocato  
Alessandro Gaeta - giornalista d’inchiesta, Speciale Tg1
Franco Russo - Forum Diritti Lavoro, Carovana delle Periferie
Aboubakar Soumahoro - USB migranti
Delegati AS.I.A. di diverse città

In Italia, secondo dati  ISTAT, ci sono 3 milioni di famiglie (11,7 % del totale) in difficoltà con le spese sulla casa, rate del mutuo, imposte, affitto e utenze.  Ci sono poi trecentomila famiglie sotto sfratto,  migliaia di inquilini delle case popolari e comunali in estrema difficoltà per il Decreto Lupi, perché le case verranno messe all’asta e vendute al miglior offerente; ci sono decine di migliaia di inquilini a cui sono stati affittati o venduti alloggi sociali ma a prezzi di mercato, realizzati con finanziamenti e su terreni pubblici nei piani di zona di edilizia agevolata; ci sono decine di migliaia di famiglie di inquilini delle case degli enti pubblici e previdenziali che hanno visto raddoppiare o triplicare l’affitto e vengono sfrattate se non sono in grado di pagare, o che sono vittime di dismissioni a prezzi speculativi; ci sono migliaia di famiglie in emergenza abitativa deportate e parcheggiate in strutture private a carico delle amministrazioni pubbliche; ci sono milioni di famiglie che hanno acquistato la casa in cui abitano e contro cui i governi e gli enti locali si accaniscono con imposte, tasse, balzelli di ogni tipo; ci sono migliaia di famiglie, di single e migranti, che per necessità hanno occupato le case e gli edifici lasciati vuoti dalla speculazione immobiliare o dalla trascuratezza degli enti pubblici, a cui, tramite il Decreto Lupi, vengono oggi negati i diritti elementari come la residenza, le cure mediche o l’iscrizione a scuola dei figli; ci sono infine ancora milioni di alloggi e fabbricati tenuti vuoti, invenduti, inutilizzati.

L’Italia continua inoltre ad essere un paese europeo che spende poco o niente  nei programmi di edilizia sociale, alimentando così penuria di alloggi con affitti accessibili, speculazione a tutto campo ed una perdurante emergenza sociale abitativa in tutti i grandi e medi centri urbani.

Per questo il diritto all’abitare è molto di più che un tetto sulla testa: è un fattore centrale dell’emancipazione sociale di tutti, è la difesa del bene comune, dell’idea del recupero urbano del patrimonio sfitto e abbandonato, del consumo zero del suolo.

Le donne conquistano il Rotary Club. Al Perugia Est due nuovi ingressi durante l’incontro in vista delle festività.


Due nuove socie hanno fatto il loro ingresso nel Rotary Club Perugia Est.
L'occasione è stata lo scambio degli auguri che ha avuto luogo sabato 5 dicembre 2015 al Brufani Palace, nel centro storico perugino.
L'evento è stato aperto dal saluto del presidente in carica per l'anno rotariano 2015/2016 Nino Cociani.

GIOIA E RIFLESSIONE - "La gioia di questo incontro festoso - ha detto Cociani - non può farci dimenticare la difficoltà economica che incombe sul nostro paese e che colpisce specialmente le fasce più deboli e fragili della popolazione, causando situazioni che sempre più spesso minamo le coesioni e la pace sociale. Come rotariani - ha aggiunto - siamo chiamati a riflettere sul ruolo che possiamo svolgere con la nostra azione a favore della comunità locale alla quale apparteniamo, attraverso i valori - ha concluso il presidente - che da sempre contraddistinguono la nostra grande famiglia rotariana: servire al di sopra di ogni interesse personale".

I PROGETTI PER LA COMUNITÀ - Fra le iniziative più importanti promosse dal club c'è da sottolineare il Progetto "Speranza", avviato nel 2014. Il progetto è rivolto al "Centro Speranza" di Fratta Todina, struttura sanitaria di eccellenza, e consiste nella riqualificazione del parco di palazzo Altieri, sede del Centro. A questo scopo vengono organizzate vari iniziative di raccolta fondi come concerti, lotterie e tornei.
Vanno poi ricordati l'intervento di restauro di un'opera d'arte muraria risalente al 1817 situata in una Porta della cinta muraria medievale di Perugia e le visite presso opere del pittore perugino Gerardo Dottori presenti in chiese sparse nel territorio e che necessitano di interventi di recupero.

NUOVE SOCIE - Il Rotary Club Perugia Est vanta una storia di 27 anni e attualmente conta circa 80 soci, fra uomini e donne (una decina), molti dei quali giovani.
A questi si sono aggiunte nella serata di sabato Paola Tempone e Daniela Dinelli.
Paola Tempone, proveniente dal club Rotaract Perugia Est, è stata presentata dalla vicepresidente del club Giovanna Chiuini (prima presidente donna nel Perugia Est nell'anno rotariano 2013/2014). Laureata presso l'Università degli Studi di Perugia, Tempone collabora con il Dipartimento di Lettere in qualità di esperta in filologia latina e lingua e letteratura latina. Ha all'attivo diverse pubblicazioni, è giornalista pubblicista e recentemente è diventata insegnante di ruolo per la scuola secondaria.
Daniela Dinelli è stata introdotta dal presidente Nino Cociani: laureata in scienze biologiche svolge la professione di consulente finanziario per la società Finanza & Futuro del gruppo Deutsche Bank.

VATILEAKS. PADRE ALBANESE A MIX24 SU RADIO 24 - I DUE LIBRI HANNO MESSO IN DIFFICOLTA' IL PAPA, NON LO HANNO AIUTATO


Intervistato a Mix24 di Giovanni Minoli su Radio 24, Padre Albanese, giornalista e missionario comboniano che ha accompagnato Papa Francesco nel suo viaggio in Africa ed era a bordo dell'aereo del Pontefice, interviene sul caso Vatileaks: “Io sono fiducioso, sono convinto che questi giornalisti (Nuzzi e Fittipaldi, ndr), nel corso di questo processo, dimostreranno la loro innocenza, la loro estraneità ai fatti loro imputati. Una cosa è certa: solo su una cosa sento davvero istintivamente di dovermi esprimere; anche perché, tengo a precisarlo, io sono il primo, come giornalista, a credere fino in fondo nella libertà di stampa, ci mancherebbe, e guai a lasciare la notizia nel cassetto. Il discorso è un altro. Quando loro dicono che hanno pubblicato questi libri, questi materiali, questi documenti, per aiutare il Papa, beh, me lo lasci dire: io ho dei seri dubbi. Per quale motivo? Perché innanzitutto Papa Francesco era ben informato e l’ha detto a chiare lettere. Dopodiché, inutile nasconderselo, in questo modo hanno messo in difficoltà il Santo Padre, e peraltro gettando discredito, lo si voglia o no, sulla Chiesa istituzione, una Chiesa che comunque Papa Francesco rappresenta”.

Secondo Giubileo, i prodotti con il logo ufficiale



GIUBILEO 2016, I PRODOTTI CON IL LOGO UFFICIALE
IL FASHION STYLE ISPIRATO ALL'AMORE, ALLA PREGHIERA, ALLA FRATELLANZA

T-shirt, tele fotografiche, tazze in porcellana, USB card, ombrelli. Sono solo alcuni dei prodotti che Movantia - storica agenzia di brand licensing specializzata nello sviluppo di brand globali – ha realizzato dopo aver  ottenuto dal Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione la licenza dell'utilizzo del logo ufficiale del Giubileo straordinario della Misericordia. La vera novità è nel design di una collezione coordinata di prodotti ispirati all'Amore, alla Speranza e alla Preghiera destinata a un pubblico più esigente.
Per l'occasione Movantia ha creato il nuovo brand S33N per trovare uno spazio preciso con prodotti di qualità che sappiano essere in perfetta sintonia con l'appello di Papa Francesco alla morigeratezza. La collezione, in vendita presso alcune catene specializzate, è proposta al pubblico nazionale e internazionale dei pellegrini, e anche da chi parteciperà da casa, per vivere con maggior comprensione e partecipazione l'evento giubilare.
Su ogni prodotto accanto al logo ufficiale del Giubileo risaltano le parole "HOPE", "LOVE" e "PRAY" realizzate  graficamente da immagini inerenti al tema selezionate dall'Archivio Storico Fotografico di U. Cicconi, che annovera oltre sette milioni di immagini originali del '900 italiano, dando alla collezione un look di tendenza.
Il messaggio che accompagnerà la collezione S33N per il Giubileo non poteva non essere: "Amore,
Speranza e Preghiera sono il Dono più bello".

Remind - Preview Stampa VÌOLA - mercoledì 9 dicembre a Milano la mostra di Andi Kacziba (Museo Francesco Messina)

L'ARTE PER COMBATTERE LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE
A Milano la mostra di Andi Kacziba
VÌOLA
a cura di Sabino Maria Frassà
Studio Museo Francesco Messina Via San Sisto 4/A (Via Torino) Milano
10 dicembre/20 dicembre 2015
da martedì a domenica dalle 10.00 alle 18.00
Vernissage 9 Dicembre - 18.00

 
Il Comune di Milano, la Fondazione Giorgio Pardi e all'associazione cramum, patrocinati da dell'Istituto Balassi-Accademia d'Ungheria in Roma, presentano VÌOLA di Andi Kacziba, curata da Sabino Maria Frassà.  La mostra che avrà luogo allo Studio Museo Francesco Messina di Via San Sisto 4/ a Milano (Via Torino)  dal 10 al 20 dicembre, parla della reazione e della sopravvivenza delle donne alla violenza psicofisica. Per Andi Kacziba – ex modella ed ex fotografa di origini ungheresi, da anni in Italia – la nostra società è violenta anche nell'immagine e nel modo in cui rappresenta sé e le donne: "l'ossessione per l'infinita giovinezza e bellezza si scontra con il tempo biologico. Sempre più donne sono così portate a vivere il dramma della mancata o negata maternità". Chi subisce una violenza, per non soccombere, spesso si piega, modifica il proprio essere, fino quasi ad annientarsi. Questo "quasi", come ricorda il curatore della mostra Sabino Maria Frassà – "è la chiave di lettura della mostra: dall'inevitabile violenza, dall'inalienabile dolore ci si può risollevare e crescere. Per Andi Kacziba la violenza non è mai l'elemento generativo dell'esistenza umana. Lo è invece la forza di non piegarsi, di reagire ed essere diversi." Andi Kacziba accoglierà i visitatori in un giardino segreto fatto di corde e ceramiche e creato all'interno della  chiesa barocca di San Sisto, oggi sede dello Studio Museo Francesco Messina, nel cuore di Milano. Il "giardino" di Andi non è però un giardino dell'Eden, un luogo in cui  rifugiarsi e fuggire dal mondo. E' piuttosto il luogo in cui avere il coraggio di vedere sé e il Mondo per quello che sono, così da riuscire poi a ricomporli e a farli funzionare meglio. Centro di questo giardino "gotico" sono perciò Santa Veronica e i grandi Termitai. Se Santa Veronica rappresenta l'autoritratto della donna in attesa di un miracolo che la salvi, i Termitai rappresentano la rinascita che parte dalle proprie forze. "Come fanno le termiti per creare i loro grandi nidi" - ricorda il curatore della mostra - "Andi ha imparato che a volte per creare nuova materia vivente occorre partire dalla demolizione, digestione e metabolizzazione di ciò che è stato". 

ANDI KACZIBA

Nasce in Ungheria nel 1974 e dal 1997 vive e lavora a Milano. La sua avventura artistica, iniziata come modella e fotografa, l'ha portata a riflettere sulle problematiche legate alla donna e hai conflitti del corpo e della mente. La bellezza moderna spesso infatti porta le ragazze a distruggersi a causa di bulimia e anoressia per l'incapacità di accettarsi. Nel 2012 fonda con Sabino Maria Frassà il premio cramum. Dal 2009 ha esposto in mostre in Italia e all'estero. Nel 2015 le sue opere sono state esposte in Frangit Nucem (Palazzo Isimbardi di Milano), Mater (Palazzo del Governatore di Parma), Sale terarrum (Villa Litta) e Oltre (Istituto Italiano di Cultura a Budapest).

Cinema - Dalle aule d’università agli altari, venerdì a Roma la presentazione del docu-film sulla vita del beato Contardo Ferrini


11 dicembre 2015, Sala Cinema Anica di Roma, ore 15
Dalle aule d'università agli altari
La vita del beato Contardo Ferrini, patrono dei giuristi e delle università cattoliche, raccontata nel film-documentario "Con il vento nel petto" di Alberto Di Giglio
Roma, 9 dicembre 2015 – "I santi sono gli eroi, che hanno il piede in terra e l'animo in cielo: Contardo Ferrini fu uno di questi, fin dalla sua giovinezza". Così Pio XII definì nel 1947 il professore universitario da lui proclamato beato. Eccelso studioso di diritto romano, uomo mite e caritatevole, testimone di un autentico umanesimo cristiano in un'epoca, la seconda metà dell'Ottocento, nella quale i docenti universitari erano sovente anticlericali. Questo è il ritratto di Contardo Ferrini, accademico e giurista lombardo, patrono dei giuristi e delle università cattoliche, tracciato dal film-documentario "Con il vento nel petto", diretto e prodotto dal regista Alberto Di Giglio, che ha scritto i testi insieme a Marco Invernizzi, storico e autore di un libro su Ferrini, da un'idea dell'Associazione Piccola Porziuncola di Verbania, in collaborazione con l'Ordine Francescano Secolare di Verbania.
Il film verrà presentato in anteprima a Roma venerdì 11 dicembre presso la Sala Cinema Anica (viale Regina Margherita, 286) con inizio alle ore 15. La proiezione sarà introdotta dall'attrice Marta Bifano e da Andrea Monda, conduttore del docu-reality di Tv2000 "Buongiorno Professore", mentre al termine è previsto un dibattito con il regista, con gli interventi di giuristi, magistrati ed esponenti del mondo universitario.
"Con il vento nel petto", 93 minuti di immagini – accompagnate dalle voci narranti dell'attore Massimo Dapporto, del giornalista Rosario Tronnolone, conduttore e autore dei programmi culturali di Radio Vaticana, attore, drammaturgo e regista, e dello speaker e voce storica della Rai Piero Bernacchi – che per la prima volta ripercorrono la parabola umana, professionale e spirituale di Contardo Ferrini, terziario francescano e scienziato contraddistinto da una sentita religiosità cristiana.
Il percorso esistenziale di Ferrini, nato a Milano nel 1859 e scomparso prematuramente nel 1902 a Santa Lucia di Suna Verbania sul Lago Maggiore, viene affrontato meticolosamente da Di Giglio in un film-documentario che vede l'alternarsi di immagini suggestive dei luoghi della vita del beato (da Milano a Suna, passando per Berlino, Pavia, Messina e Modena), di illustrazioni dell'artista romano Spartaco Ripa che ricostruiscono i momenti più significativi dell'infanzia, della formazione e dell'impegno politico del professore, di interviste ad esperti del mondo accademico e cattolico, e di parti recitate dagli attori Stefano Grillo, Bruno Furini e Sebastiano Russo.
La vita di Contardo Ferrini è stata caratterizzata dall'amore per la bellezza del creato e dalla verità in Cristo. L'Università Cattolica del Sacro Cuore di padre Agostino Gemelli considerò Ferrini un precursore e un maestro cui ispirarsi. Dal 1942 il suo cuore è custodito in un reliquiario nella chiesa di Santa Lucia di Suna, mentre il corpo riposa nella cripta dell'Università Cattolica a Milano.
La colonna sonora di "Con il vento nel petto" è affidata all'estro artistico di Beppe Frattaroli. La fotografia e il montaggio sono di Daniele Massa.

EMMA - dopo una sola settimana di vendita, arriva la certificazione ORO per il suo nuovo album di inediti "ADESSO"!



EMMA
Stabile ai vertici delle classifiche di vendita, fisica e digitale, “ADESSO”, il nuovo album di inediti di EMMA, a una sola settimana dall’uscita è stato certificato ORO (certificazioni diffuse da FIMI / GfK Italia).

“Arriverà l’amore”, il singolo estratto da “Adesso” attualmente in rotazione radiofonica, si conferma nella top ten dei brani più trasmessi in radio e il video, pensato e scritto da Emma e diretto da Luisa Carcavale e Alessandro Guida, ha oltrepassato 4 milioni di visualizzazioni. Nel frattempo il video di “Occhi profondi”, il primo singolo estratto dall’album, uscito la scorsa estate e certificato Platino, ha superato 16 milioni di visualizzazioni.

Uscito il 27 novembre su etichetta Universal Music, l’album è stato interamente prodotto da Emma insieme al produttore Luca Mattioni.
In “Adesso”, a oltre due anni e mezzo dall’ultimo album di inediti “Schiena”, Emma torna con una fotografia istantanea di sé, una polaroid che la racconta per l’esatto momento che sta vivendo ora.
Quinto album di inediti di Emma, “Adesso” è un album che contiene canzoni intense e sofisticate, ballate melodiche, groove elettronici che rappresentano per Emma una sorta di ritorno alle origini, sonorità che rimandano a produzioni internazionali, in un susseguirsi di atmosfere che cambiano di canzone in canzone. Un album multiforme che dimostra quanto Emma abbia voluto prendersi dei rischi per mostrare pienamente la sua realtà di oggi, musicalmente e non solo.

Nell’album Emma è tornata ad essere autrice: la title track “Adesso (Ti voglio bene)” è stata scritta interamente dall’artista, che ha co-firmato altri due brani dell’album: “Per questo paese” e “Il paradiso non esiste”.

Oltre al co-produttore Mattioni, tante le collaborazioni presenti in “Adesso”: in primis il sound engineer Matt Howe (Lauryn Hill, Phil Ramone, Riyuichi Sakamoto) che ha mixato l’album; poi autori come Giuliano Sangiorgi, Zibba, Giovanni Caccamo, Alessandra Flora, Amara, Cheope, Giuseppe Anastasi, Ermal Meta, Diego Mancino, Dario Faini, Matteo Buzzanca, Alessandra “Naskà” Merola, Nicco e Carlo Verrienti, Giulia Anania, Marta Venturini.

Questa la tracklist di “Adesso”: “Adesso (Ti voglio bene)”, il primo singolo “Occhi profondi”, “Quando le canzoni finiranno”, “Facciamola più semplice”, “Finalmente”, il secondo singolo “Arriverà l'amore”, “In viaggio”, “Io di te non ho paura”, “Per questo paese”, “Argento adesso”, “Il paradiso non esiste”, “Che sia tu”, “Poco prima di dormire”.

Ed è finalmente cominciato il conto alla rovescia anche per gli appuntamenti live di Adesso Tour” (prodotti e organizzati da F&P Group), che sbarcherà nei palazzetti dello sport a settembre 2016 con due date a Milano, Roma e Bari
Queste le date:
16 settembre 2016 – Milano – Mediolanum Forum (Assago)
17 settembre 2016 – Milano – Mediolanum Forum (Assago)
23 settembre 2016 – Roma – PalaLottomatica
24 settembre 2016 – Roma – PalaLottomatica
30 settembre 2016 – Bari – Pala Florio
1 ottobre 2016 – Bari – Pala Florio

Per tutti coloro che acquisteranno i biglietti online su www.ticketone.it (scegliendo la spedizione con corriere espresso) quello per Adesso Tour” non sarà un semplice biglietto, ma un esclusivo Fan Ticket, dal design unico, colorato e personalizzato che rappresenterà un vero e proprio memorabilia per i fan.

DERMART - Il vino e la pelle - tra rossori e cosmesi


DERMART
presenta
QUESTIONI DI PELLE
Appuntamenti mensili tra cute e arte a Spazio 5
10 incontri, ogni secondo venerdì del mese
Venerdi 11 dicembre - Ore 19.00
Il vino e la pelle - tra rossori e cosmesi
 

Intervegono:
Massimo Papi, Dermatologo
Vittorio De Bonis,  Professore di Storia dell'Arte e della Letteratura
Luciano Mallozzi, Sommelier

Spazio 5
via Crescenzio 99/d (P.zza Risorgimento) -  Roma
Entrata libera

E' ancora vero che "Bacco, tabacco e Venere riducono l'uomo in cenere" ?
L'antico detto potrebbe essere attualizzato alla luce dei cambiamenti sociali e delle nuove acquisizioni della scienza. Nel corso degli ultimi anni infatti molti studi hanno cercato di evidenziare le potenziali proprietà benefiche del vino (e dell'uva sua progenitrice). Il resveratrolo e altre sostanze antiossidanti (polifenoli)  contenute nelle bucce dell'uva e nei vinaccioli sono stati i protagonisti di questa riscoperta.
Attualmente una larga diffusione hanno avuto i trattamenti cosmetici e dermoestetici con prodotti derivati dall'uva o contenenti sostanze presenti nell'uva e nel vino.
Parleremo dei danni cutanei che può causare l'eccessivo consumo di alcol, dei benefici che il vino e i derivati dell'uva possono recare alla cute e di tante altre novità, attraverso l'Arte e i numerosi esempi che opere formidabili ci hanno mostrato nel corso della storia dell'Arte e del costume.

L'Ora del Codice, Microsoft e Fondazione Mondo Digitale - 9/13 dicembre 2015

BASTA "UN'ORA DI CODICE" PER CAMBIARE IL FUTURO

È la sfida che Microsoft e Fondazione Mondo Digitale lanciano in occasione della Settimana di educazione all'informatica, dal 9 al 13 dicembre, a 500 studenti, dalla primaria alle superiori: un'ora per imparare a programmare e scoprire il fascino delle discipline scientifiche. E progettare un mondo possibile per tutti.
Cominciano a programmare con il caratteristico codice a blocchi di Minecraft, il videogioco appassionante che aiuta a sviluppare competenze logiche e capacità di risolvere problemi in modo creativo e divertente, le scuole primarie e secondarie di primo grado e secondo grado. Mentre gli studenti più esperti svolgono il ruolo di tutor e coach. Le attività si svolgono per un'intera settimana, dal 9 al 13 dicembre, in 15 scuole e alla Palestra dell'Innovazione della Fondazione Mondo Digitale.
Con una sfida dedicata ai piccoli e grandi Microsoft e Fondazione Mondo Digitale aderiscono così al movimento globale "The Hour of Code", diffuso in più di 180 paesi in ogni parte del mondo.
Nella sfida tra mondi possibili le scuole coinvolte si incontrano anche nel mondo reale, in un momento comune, giovedì 10 dicembre, presso l'Istituto comprensivo Parco della Vittoria di Roma. In collegamento Skype con le scuole di ogni parte d'Italia, bambine e bambini confrontano esperienze, strategie di gioco e progetti per il futuro.  
Piccoli e grandi programmatori creano nuove avventure per i personaggi Steve e Alex, proprio come nel popolare videogioco, affiancati dai Microsoft Student Partner e dai tutor delle scuole secondarie di secondo grado, che sperimentano concretamente il valore inclusivo delle competenze digitali.   
Per tutta la settimana coach esperti insegnano la programmazione con il tutorial Minecraft anche alla Palestra dell'Innovazione della Fondazione Mondo Digitale, che, in contemporanea, apre tutti i laboratori alle scuole per la Settimana del Piano Nazionale Scuola Digitale, lanciata dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, dal 7 al 15 dicembre.
Con l'Ora del Codice le scuole vengono coinvolte attivamente anche nella campagna europea eSkills for Jobs, promossa dalla Commissione europea, per promuovere la crescita quantitativa e qualitativa dell'occupazione.


Post più popolari