Agenzia Stampa Aspapress

Autorizzazione Tribunale di Forlì 6/91 del 8 marzo 1991 - Anno XXX - Registro Nazionale della Stampa 02659 - Registro Operatori Comunicazioni n. 1187 - Direttore Editoriale e responsabile Enzo Fasoli - Casella postale 19152 - 00173 Roma Cinecittà est - Responsabile dati: Carlo Carbone - Capo redattore Cristiano Rocchi. Associazione Periodici Associati: Presidente Enzo Fasoli - Responsabile settore: Angelo Misseri - Redazione Daniela Zappavigna.

25 settembre 2014

TEATRO KOPÓ: la nuova stagione

Lasciatevi rapire dal teatro”. È con questo motto che il Teatro  Kopó dà via alla campagna abbonamenti e presenta la nuova stagione”

Parte il 9 ottobre la seconda stagione del Teatro Kopó. Il direttore artistico Francesca Epifani e il direttore organizzativo Paolo Filipponi, danno vita ad un cartellone di dieci spettacoli puntando alla drammaturgia contemporanea e al teatro nel sociale, e lanciano la campagna abbonamenti con il motto “Lasciatevi rapire dal teatro” (https://www.youtube.com/watch?v=a_TZx1ndTDg)

Ad aprire la stagione il 9 ottobre è La casa vittoriana degli spettri, una divertente commedia gotica liberamente ispirata al romanzo I fantasmi della vita di Cristian Precamedi Conte adattato e diretto da Viviana Lentini. Dal 13 al 16 novembre Massimo Mesciulam dirige L'amante di Pinter. Lo spettacolo vede in scena Davide Mancini e Angela Ciaburri.
Dal 28 al 30 novembre Antonello Taurino ritorna in scena con Miles Gloriosus: ovvero morire di uranio impoverito. Nato da una dettagliata inchiesta durata due anni, lo spettacolo si pone l’obiettivo raccontare, con toni comici, la tragedia di chi ha perso la vita per l'uranio.
Dall'11 al 14 dicembre, dopo aver vinto il Premio come Miglior attore al Roma Fringe Festival, Silvio Barbiero torna a Roma con Groppi d'amore nella scuraglia di Tiziano Scarpa.
Simone Bobine ed Eugenio Coppola portano in scena Dov'è Desdemona, dal 22 al 25 gennaio. Si tratta di un'operazione drammaturgica e scenica, che lega le tematiche contenute nell'Otello di Shakespeare all'eterno racconto sull'animo umano e sul suo bisogno di relazione con l'altro.
Il fulmine nella terra-Irpinia 1980 è lo spettacolo di teatro civile in scena dal 19 al 22 febbraio. Scritto e diretto da Mirko de Martino e interpretato da Orazio Cerino, lo spettacolo ricostruisce, a volte con toni ironici, i primi giorni del sisma che mise in ginocchio l'irpinia.
Dal 12 al 15 marzo è la volta di Un cervello in due scritto e diretto da Marcello Paesano. In scena l'emisfero destro e sinistro del cervello. Si potrà quindi assistere a familiari conflitti interiori che complicano quotidianamente la vita a tutti noi.
Dal 26 al 29 marzo, dopo il successo della scorsa estate, ritorna al Teatro Kopó Elisabetta Tulli con La storia de Giulietto, de Marisa e dalla mano in Chiesa, una commedia musicale che ci riporta alla Roma degli anni Cinquanta.
Resistenza Outbound di e con Yuri Ferrero sarà in scena dal 9 al 12 aprile.  Uno spettacolo che assume toni a tratti grotteschi e tragicomici facendo uscire senza retorica le contraddizioni del nostro tempo ma anche la riscoperta di valori che ci sembrano ormai lontani e superati.
Chiude la stagione Come del resto alla fine di un viaggio di e con Alessio Zambardi. Liberamente ispirato ad un racconto di Primo Levi, un monologo in cui un narratore d’eccezione – che viaggia ininterrottamente da 166 anni – ci racconta in chiave comica, a tratti esilarante, le sue avventure.


Completano la stagione altri spettacoli fuori cartellone e le attività del Teatro tra i quali i corsi di recitazione, mostri e serate musicali.

TEATRO PRIME: di K. Waterhouse e W. Hall

di K. Waterhouse  e W. Hall                             Martedì 30 settembre 2014 - ore 21
con 
FRANCO CASTELLANO, MARIA LETIZIA GORGA,
MAXIMILIAN NISI,  KETTY ROSELLI
Prima dello spettacolo:

USCIRÒ DALLA TUA VITA IN TAXI



Cosa succede quando l’amore, il tradimento, la menzogna e l’equivoco si incontrano su palco? Che va in scena la vita! Debutta a Roma, il 30 settembre al Teatro Ghione, Uscirò dalla tua vita in taxi la commedia comica di K. Waterhouse e W. Hall, un grande successo internazionale che promette di catturare gli spettatori romani, grazie soprattutto all'adattamento e alla regia di Pino Ammendola e ai quattro straordinari protagonisti, Franco Castellano, Maria Letizia Gorga, Maximilian Nisi e Ketty Roselli. Fino al 12 ottobre.
Gli ingredienti sono quelli classici della commedia ironica e pungente dal gusto tipicamente inglese. Dove si parte dai tradimenti coniugali, veri e presunti, per parlare di altro, delle nostre paure d’amare e di essere amati, della nostra incapacità di parlare sinceramente, della solitudine dalla quale, nostro malgrado, rischiamo di essere catturati. Con l’umorismo, inglese sì ma anche molto italiano, che fa da filo rosso per tutta la commedia, con la nostalgia della musica dei Beatles che ci riporta a quegli anni nei quali i rapporti interpersonali erano forse più complicati, sicuramente più intensi.
«Ambientata negli anni ’60 – dice il regista Pino Ammendola, noto autore e attore - la commedia porta in scena l’amore e la sua complessità e rappresenta cosa avviene quando, per paura, smettiamo di essere sinceri con noi stessi e con il partner. Nessuno dei personaggi vive la vita che vorrebbe, nessuno ha il coraggio di dirlo all’altro, nessuno si svela per quello che è veramente. Ma tutti, alla fine, districandosi tra bugie ed equivoci trovano loro stessi. La differenza come motore della vita, la forza della diversità come qualità e non come difetto è questa la cifra di regia che ho voluto portare in questo  bellissimo testo».

con (in ordine alfabetico):
FRANCO CASTELLANO, MARIA LETIZIA GORGA,
MAXIMILIAN NISI,  KETTY ROSELLI

Adattamento e regia di PINO AMMENDOLA
Scene: Carlo Di Marino     
Costumi: Carolina Olcese 
Produzione: LUX teatro diretta da Giancarlo Zanetti
Distribuzione: PIGRECODELTA

Martedì 30 settembre 2014 - ore 21

Teatro Ghione  - Via Delle Fornaci, 37 - 00165 Roma
VIDEO-LINK:  https://www.youtube.com/watch?v=a1wPhxvObVI

Elena Ballerini: la vera rivelazione

Mezzogiorno in famiglia, Elena Ballerini è la vera rivelazione.
Promosso anche il resto del cast

Da molti é stata ribattezzata 'l'isola felice della televisione italiana', essendo un programma dove è ancora possibile trovare garbo e semplicità, dove non sono ammesse urla sguaiate e sterili polemiche. "Mezzogiorno in famiglia", trasmissione del week-end diretta da una garanzia di qualità come Michele Guardì, ha fatto ancora una volta centro. Le prime due puntate, infatti, andate in onda sabato e domenica scorsi, hanno hanno ottenuto ottimi indici d'ascolto. Merito di una nuova edizione all'insegna dell'armonia, condotta da Amadeus, Sergio Friscia e Alessia Ventura. Quest'ultima, solare e rassicurante, non fa certo rimpiangere Laura Barriales. Gradite anche le effervescenti sorelle dj Jas e Jay e una delle due inviate Manila Nazzaro. Discorso a parte, invece, per l'altra inviata Elena Ballerini, autentica sorpresa dell'edizione in corso di "Mezzogiorno in famiglia". Giovane, capace quanto bella, ha dato prova di una certa dimestichezza con il piccolo schermo grazie a una parlantina niente male, un sorriso contagioso e un viso che buca lo schermo. A vederla all'opera ci si chiede come mai la Tv italiana finora sia stata così miope e dopo la conduzione nell'estate dello scorso anno del programma musicale di RaiDue, "Leggende rock", ci abbia messo così tanto a concederle il meritato spazio. Siamo sicuri che grazie a "Mezzogiorno in famiglia" sentiremo ancora parlare a lungo di Elena Ballerini, che ha tutte le carte in regola per dar vita a una lunga e appagante carriera. 
Lettera aperta a Dario Franceschini (MiBACT)
56. Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia, urge nomina del curatore Padiglione Italia

La redazione di Libreriamo, piazza digitale di chi ama i libri e la cultura fondata da Saro Trovato (www.libreriamo.it), lancia una lettera aperta al Ministro dei Beni e delle Attivita’ Culturali Dario Franceschini, per sollecitare la nomina del curatore del padiglione Italia.
‘’Ci piacerebbe che la Biennale di Venezia avesse maggiore attenzione da parte del Ministro perché rappresenta ancora una manifestazione ineguagliabile non solo per i professionisti del settore, ma per centinaia di migliaia di visitatori provenienti da tutto il mondo.’’ E’ questo il messaggio che la redazione di Libreriamo lancia al Ministro dei Beni e delle Attivita’ Culturali Dario Franceschini in merito alla mancata  nomina del curatore del padiglione Italia. Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia.
“Di giorno in giorno ci arrivano comunicazioni sulla nomina degli artisti rappresentanti dei padiglioni nazionali. Progettare una mostra site-specific all’interno di un Padiglione presuppone un periodo lungo di gestazione. La Biennale d’arte, che e’ la piu’ importante manifestazione mondiale d’arte contemporanea e la piu’ longeva, si tiene a Venezia. Non solo rappresenta un momento importante per la promozione del nostro paese, poiché migliaia sono i giornalisti, addetti ai lavori, appassionati d’arte  che affluiscono da tutto il mondo, ma e’ anche un evento fruttuoso per l’indotto di Venezia e di tutt’Italia. Dovremmo forse essere i primi a dare l’esempio. Purtroppo come succede per ogni edizione, ad oggi non solo non e’ stato nominato l’artista o gli artisti che ci dovrebbero rappresentare ma neanche il curatore che dovrebbe occuparsi del padiglione.”
“La nomina del curatore e’ a discrezione del Ministro che puo’ eventualmente decidere di fare un bando nazionale. Alla richiesta dei tempi non abbiamo avuto rassicurazione. E il padiglione Italia – conclude la lettera - ha bisogno ora di un “meritevole” curatore e di un altrettanto “meritevole” artista che ci rappresenti al meglio.” 

Lettera aperta a Dario Franceschini, Ministro dei Beni e delle Attività Culturali

Egregio Ministro,
la 56. Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia è alle porte e rispetto alle precedenti edizioni il prossimo anno inaugurerà con largo anticipo, il 9 maggio. Di giorno in giorno ci arrivano comunicazioni sulla nomina degli artisti rappresentanti dei padiglioni nazionali. Progettare una mostra site-specific all’interno di un Padiglione presuppone un periodo lungo di gestazione. La Biennale d’arte, che è la più importante manifestazione mondiale d’arte contemporanea e la più longeva, si tiene a Venezia. Non solo rappresenta un momento importante per la promozione del nostro paese, poiché migliaia sono i giornalisti, addetti ai lavori, appassionati d’arte  che affluiscono da tutto il mondo, ma è anche un evento fruttuoso per l’indotto di Venezia e di tutt’Italia. Dovremmo forse essere i primi a dare l’esempio. Purtroppo come succede per ogni edizione, ad oggi non solo non è stato nominato l’artista o gli artisti che ci dovrebbero rappresentare ma neanche il curatore che dovrebbe occuparsi del padiglione.
La nomina del curatore è a discrezione del Ministro che può eventualmente decidere di fare un bando nazionale. Alla richiesta dei tempi non abbiamo avuto rassicurazione.
Ci piacerebbe che la Biennale di Venezia avesse maggiore attenzione da parte del Ministro perché rappresenta ancora una manifestazione ineguagliabile non solo per i professionisti del settore, ma per centinaia di migliaia di visitatori provenienti da tutto il mondo. E il padiglione Italia ha bisogno ora di un “meritevole” curatore e di un altrettanto “meritevole” artista che ci rappresenti al meglio.
Certi di una sua risposta, le inviamo i nostri più cordiali saluti.


La redazione

LA RIVELAZIONE DELLA NUOVA MUSICA ITALIANA 2014

MERY FIORE, DA AREZZO WAVE A NEW YORK LA RIVELAZIONE DELLA NUOVA MUSICA ITALIANA 2014


Arezzo, 23 settembre 2014 - È MEry Fiore la band vincitrice del premio fAWI 2014 che volerà ad ottobre al CMJ di New York.
La band salentina si aggiudica il titolo di Best Arezzo Wave Band 2014, una borsa di studio del valore di 1.500€ messa in palio dalla Fondazione Arezzo Wave Italia (fAWI) e Siae, e la possibilità di suonare il prossimo ottobre al CMJ - Cinema and Music Marathon di New York, il più importante appuntamento della musica indie della “Big Apple”, grazie alla collaborazione tra fAWI e il partner americano Sonicbids.
Sono più di 10.000 gli artisti da tutta Italia che hanno partecipato al contest. MEry Fiore ha superando prima le fasi di ascolto in studio, poi quelle di selezione dal vivo nelle finali provinciali e regionali arrivando come vincitrice della regione Puglia sui palchi di Arezzo Wave Love Festival lo scorso luglio, assieme agli altri finalisti regionali.
La giuria di qualità, composta da artisti, addetti ai lavori e staff di Arezzo Wave, dopo aver visionato tutte le esibizioni, ha scelto MEry Fiore come miglior scoperta del 2014: una miscela composita fatta di Dub, Dance, Trip-Hop, Dream-Pop, Electro-Pop e Indie Rock, che incanta e cattura il pubblico grazie alla voce di MEry, dolce e potente allo stesso tempo.
Faranno parlare sicuramente di sé, a testimonianza della vitalità della nuova scena musicale italiana anche il blues psichedelico dei Bufalo Kill di Caserta, la patchanka vitalissima dei Fantasia Pura Italiana di Prato, e la carica e il rock pulsante dei B.M.C Big Mountain County di Roma, che sono giunti immediatamente dopo MEry Fiore. 


Maggiori info: www.arezzowave.com

CONSULTI GRATUITI DOMENICA 28 SETTEMBRE

world heart day:
In occasione della Giornata Mondiale del Cuore, numerose strutture GVM Care & Research offriranno in tutta Italia controlli cardiologici gratuiti.

Lugo, 23 settembre 2014 – Come ogni anno in concomitanza con il World Heart Day, l’AIC Onlus (Associazione Italiana Cardiopatici) promuove l’evento “Cardiologie Aperte”; nella giornata di domenica 28 settembre le strutture cardiologiche che aderiscono all’iniziativa apriranno i propri ambulatori per visitare gratuitamente chi vorrà controllare lo stato di salute del proprio cuore.

Il focus dell’edizione 2014 del WHD è la qualità dell’ambiente di vita, di  gioco e di lavoro in relazione alla salute del cuore.
Come sempre in tutto questo la prevenzione gioca un ruolo fondamentale, l'80% delle morti premature infatti potrebbe essere evitato controllando i fattori di rischio.
Proprio per questo nel 2000 la World Heart Federation, leader nella lotta globale contro malattie cardiache e ictus, ha fondato il WHD con lo scopo di informare riguardo le patologie cardiovascolari, oggi la prima causa di mortalità al mondo.
Per salvaguardare il nostro cuore bastano pochi semplici cambiamenti nella vita di tutti i giorni come limitare i cibi preconfezionati preferendo frutta o verdura, smettere di fumare e praticare più attività fisica specialmente all’aria aperta; grazie all’applicazione di queste piccole accortezze, la World Heart Federation ha come obiettivo quello di ridurre del 25% la mortalità dovuta a malattie cardiovascolari entro il 2025.

Anche GVM Care&Research (http://www.gvmnet.it/it/strutture-sanitarie), Gruppo sanitario italiano con ospedali e poliambulatori diffusi su tutto il territorio nazionale, aderisce all’iniziativa con le seguenti strutture presso le quali è possibile prenotare una visita:


Emilia Romagna
·         Clinica Privata Villalba: Tel 051.6443011 - Via di Roncrio 25, 40136 Bologna
·         Maria Cecilia Hospital: Tel 0545.217111 - Via Corriera 1, 48010 Cotignola (RA)
·         San Pier Damiano Hospital: Tel 0546.671111 - Via Isonzo 10, 48018 Faenza (RA)
·         Salus hospital: Tel 0522.499111 - Via U. Levi 7, 42123 Reggio Emilia
·         Villa Torri Hospital: Tel 051. 9950311 - Viale Quirico Filopanti 12, 40126 Bologna

Liguria - Iclas: Tel 0185.21311 - Via Cabruna 21, 16035 Rapallo (GE)

Lombardia - GB Mangioni hospital: Tel 0341.478111 - Via Leonardo Da Vinci 49, 23900 Lecco
Piemonte - Maria Pia Hospital: Tel 011.8967111 - Strada Comunale di Mongreno 180, 10132 Torino
Puglia
·         Anthea Hospital:  Tel 080.5644111 - Via C. Rosalba 35/37, 70124 Bari
·         Citta di Lecce Hospital: Tel 0832.229111 - Via Prov. per Arnesano, 73100 Lecce
·         D'Amore Hospital: Tel 099.7704111 - Viale Magna grecia 62, 74121 Taranto
·         Villa Lucia Hospital: Tel 080.4080111 - Via Lacalandra 13, 70014 Conversano (BA) Sicilia
·         Cosentino Hospital: Tel 091 6162016 - C.so dei Mille 56, 90123 Palermo
·         Maria Eleonora Hospital: Tel 091.6981111 - Viale Regione Siciliana 1571, 90135 Palermo
·         Misilmeri Medical Center: Tel 091.8733597 - Viale Europa 119, 90036 Misilmeri (PA)Toscana
·         Maria Beatrice Hospital: Tel 055.23571 - Via Manzoni 12,  50121 Firenze


GVM Care & Research è un gruppo italiano che opera in sanità, ricerca, industria biomedicale, benessere termale e servizi alle imprese, con l’obiettivo di promuovere il benessere e la qualità della vita. Cuore del Gruppo è la rete integrata di Ospedali di Alta Specialità, Polispecialistici, e Day Surgery con Poliambulatorio privato: un network di strutture e competenze professionali che innerva numerose regioni italiane e si estende anche all’estero, in Francia, Polonia e Albania.
Una lunga tradizione ha portato GVM Care & Research ad accreditarsi come partner del Sistema Sanitario Nazionale e come polo d’eccellenza - in particolare per il trattamento delle patologie cardiovascolari - rivolgendo sempre di più la sua attenzione alla dignità del malato ed effettuando tecniche diagnostiche e chirurgiche sempre meno invasive, a fianco di protocolli terapeutici su misura del paziente.
La sua capacità di dare vita ad una rete che funge da "trait d’union" fra diverse strutture, specialità e servizi, consente al Gruppo di porre sempre il cittadino-utente al centro di un percorso di attenzioni, in cui fiducia, qualità dell’assistenza, professionalità e valorizzazione della persona si coniugano in ambienti accoglienti e confortevoli, il tutto sempre al servizio della salute e del benessere.
www.gvmnet.it

AL VIA “POESIA FESTIVAL 2014”: DA SIMON ARMITAGE A STEFANO BENNI, DA JAMIE MCKEN

“POESIA FESTIVAL 2014”:


Poesia festival – foto del 2013
Dal 25 al 28 settembre la poesia torna ad attraversare i borghi antichi di sette comuni modenesi. Grandi autori – anche internazionali come i poeti inglesi Simon Armitage e Jamie McKendrick – testimonieranno la vitalità della poesia oggi. Insieme a loro salgono sul palco noti protagonisti di teatro, cinema e musica: Stefano Benni, Paola Turci, Paolo Jannacci, Davide Van De Sfroos e tanti altri, per oltre 30 eventi in quattro giorni, tutti gratuiti

Poesia Festival presenta la sua decima edizione e dal 25 al 28 settembre la provincia modenese che si adagia ai piedi del primo Appennino sarà lo scenario per l’ormai tradizionale rassegna di inizio autunno dedicata alla poesia e ai poeti. La rassegna porta il meglio della poesia italiana e internazionale nelle piazze dell’Unione Terre di Castelli (formata dai comuni di Castelnuovo Rangone, Castelvetro di Modena, Marano sul Panaro, Spilamberto e Vignola) e nei comuni di Castelfranco Emilia e Maranello. Sul palco anche noti artisti della scena teatrale, cinematografica e musicale che rendono omaggio ai grandi poeti del passato. Tutto all'insegna del “piccolo è bello”, e di un’idea del fare cultura e del proporre eventi di qualità in quella provincia che è uno dei grandi repertori di bellezza, arte, gastronomia ed eccellenze produttive del nostro Paese.

L’inaugurazione è prevista per giovedì 25 settembre al Teatro Ermanno Fabbri di Vignola con la lezione magistrale del poeta Nanni Balestrini, protagonista della stagione delle neoavanguardie e infaticabile sperimentatore, e, a seguire, lo spettacolo con Lina Sastri Cantico – Cantico dei Cantici e Cantico delle Creature, recital con adattamenti originali da Gluck, Mozart e Mendelssohn con lettura di due testi immortali della tradizione ebraico-cristiana.


A Poesia Festival i poeti diventano protagonisti e possono confrontarsi con il pubblico degli appassionati e dei curiosi. La decima edizione presenterà una vera e propria antologia dal vivo della poesia italiana, con poeti come Valerio Magrelli (venerdì 26 settembre a Vignola), poeta e intellettuale fine interprete dei mutamenti del nostro tempo; Cristina Alziati, Paolo Febbraro e Gabriele Frasca (sabato 27 settembre a Castelnuovo Rangone), per un pomeriggio che mette a  confronto stili e personalità differente, ma dedita ad una personale ricerca stilistica, a testimonianza della ricchezza del panorama attuale; Mario Benedetti e Franco Buffoni (domenica 28 settembre a Spilamberto), poeti di primo piano e autori recentemente di pietre miliari della poesia contemporanea.
A questi autori vanno aggiunti quelli impegnati nella novità dell'edizione 2014, il Giro d'Italia della Poesia, un'iniziativa che nasce per dare una lettura della situazione culturale del Paese attraverso la lente dei poeti che vivono e animano i diversi territori. La prima tappa del Giro è nelle Marche (venerdì 26 settembre a Vignola), con i poeti Massimo Gezzi, Franca Mancinelli, Francesco Scarabicchi e Luigi Socci; nella seconda tappa si sconfina in Canton Ticino (sabato 27 settembre a Levizzano Rangone) con Prisca Agustoni, Fabiano Alborghetti e Vanni Bianconi, impegnati nel racconto della poesia italiana oltreconfine con un omaggio a Giorgio Orelli; e infine il rientro, nella terza tappa, sarà a Trieste (domenica 28 settembre a Spilamberto), una città simbolo della cultura italiana raccontata dai poeti Luigi Nacci e Christian Sinicco e dal narratore Mauro Covacich, con un omaggio a Umberto Saba.

Il confronto con la poesia in altre lingue è uno dei momenti fondamentali e di maggior successo di Poesia Festival e l'edizione 2014 si concentrerà sulla vivace scena britannica degli ultimi decenni con i poeti Simon Armitage e Jamie McKendrick, autori di grande successo in patria e all'estero, continuatori e innovatori di una lunga e ricca tradizione letteraria. Il pubblico potrà incontrarli a Vignola nel pomeriggio di sabato 27 settembre.

Poesia Festival è poesia da leggere e ascoltare, ma anche da mettere in scena, con l’aiuto del talento dei più brillanti protagonisti dello spettacolo, tra i quali spiccano i nomi della cantautrice Paola Turci, protagonista di un concerto-intervista a Castelvetro di Modena venerdì 26 settembre, di Vito con il recital originale Il cibo come poesia, racconto in versi dell’amore degli scrittori di ogni tempo per i sapori della tavola (venerdì 26 settembre a Castelnuovo Rangone), di Giuseppe Cederna impegnato nel toccante Dal sublime all'orrore – L'ultima estate dell'Europa, percorso attraverso gli scritti di poeti e scrittori testimoni della Grande Guerra (venerdì 26 settembre a Spilamberto), di Tiziano Scarpa che porterà in scena il suo onirico Lo show dei tuoi sogni, accompagnato da Luca Bergia e Davide Arneodo dei Marlene Kuntz (venerdì 26 settembre a Marano sul Panaro). A questi artisti si aggiungono Paolo Jannacci, che in Concerto per Enzo ripercorre la carriera del padre (sabato 27 settembre a Maranello), Stefano Benni con la sua originale riscrittura di Cyrano de Bergerac (sabato 27 settembre a Castelfranco E.) e Davide Van De Sfroos in un'intervista-concerto condotta dal giornalista Ezio Guaitamacchi (sabato 27 settembre a Spilamberto). La chiusura è affidata a Dallabanda, per un omaggio a Lucio Dalla con i suoi più fedeli compagni di musica e di viaggio (domenica 30 settembre a Castelnuovo Rangone).

Poesia Festival è un’occasione per condividere un momento significativo e per visitare un territorio fuori dalle consuete traiettorie del turismo, ma generoso con i visitatori, specie quando i borghi e le colline della provincia modenese si rivestono di colori irripetibili. Un festival diffuso, che unisce il piacere della scoperta dei luoghi e della bellezza della parola.

Quando: dal 25 al 28 settembre 2014
Dove: Unione Terre di Castelli in provincia di Modena (Castelnuovo Rangone, Castelvetro di Modena, Marano sul Panaro, Spilamberto, Vignola) e comuni di Castelfranco Emilia e Maranello (MO). Gli eventi di Poesia Festival sono tutti gratuiti.
Per informazioni e dettagli sul programma www.poesiafestival.it

SETTIMANA EUROPEA DELLA CULTURA - PROGRAMMA 24 E 25 SETTEMBRE



SETTIMANA 

EUROPEA DELLA CULTULTURA

24 E 25 SETTEMBRE 2014

Torino diventa capitale europea ospitando, il 23 e 24 settembre, il Vertice dei Ministri UE della Cultura,  autorevole riconoscimento alla centralità che la cultura ha assunto in questi anni nell’identità del capoluogo piemontese.
Per accogliere l’evento la città ha organizzato una ‘settegiorni’ (20-28 settembre) particolarmente intensa di incontri e appuntamenti, la SETTIMANA EUROPEA DELLA CULTURA e, nella serata del 23 settembre, la NOTTE BLU DELLA CULTURA con i musei aperti – e con ingresso gratuito – dalle 18 circa) fino a mezzanotte.
In questi giorni alcune piazze e monumenti della città saranno illuminati di blu in onore alla bandiera dell’Europa Unita.
Anche il punto informativo Turismo Torino, allestito in piazza Castello accanto a Palazzo Madama, sarà a disposizione di cittadini e turisti, illuminato di blu dalle 18 alle 24. È la Reggia della Venaria, il 23 e il 24 settembre, la cornice del Vertice dei 28 Ministri europei della cultura e delle rispettive delegazioni. In concomitanza con il meeting, si svolgerà la Conferenza Internazionale “Il patrimonio culturale come bene comune: verso una gestione partecipativa del patrimonio culturale nel terzo millennio” che, dopo il saluto del Sindaco Piero Fassino, sarà aperta dal Ministro per i beni, le attività culturali, e il turismo, Dario Franceschini e dal Commissario Europeo per l'Istruzione, la Cultura, il Multilinguismo, lo Sport, i Media e la Gioventù, Androulla Vassiliou.

Post più popolari