Agenzia Stampa Aspapress

Autorizzazione Tribunale di Forlì 6/91 del 8 marzo 1991 - Anno XXX - Registro Nazionale della Stampa 02659 - Registro Operatori Comunicazioni n. 1187 - Direttore Editoriale e responsabile Enzo Fasoli - Casella postale 19152 - 00173 Roma Cinecittà est - Responsabile dati: Carlo Carbone - Capo redattore Cristiano Rocchi. Associazione Periodici Associati: Presidente Enzo Fasoli - Responsabile settore: Angelo Misseri - Redazione Daniela Zappavigna.

19 settembre 2014

CONFERENZA STAMPA DEL FILM ANDRòN

CONSEGNA DEL PREMIO "MIGLIOR FILM ALL' ESTERO NEL POMPEI FILM FESTIVAL

VIDEO INTERVISTA A MICHEL LEROY

Enzo Fasoli intervista Michel Leroy
Attore di "La Nostra Terra" di Guido Manfredonia

DAL CONTADINO AL CONSUMATORE


Sabato 20 settembre ‘agroevento’ in sala Estense: tavola rotonda e degustazione organizzate
dalla Strada dei vini dei Sapori di Ferrara
Ferrara - Filiera corta, km zero, agriturismo, turismo rurale, mercato contadino, vendita diretta… Termini entrati nell’uso quotidiano, ma non sempre utilizzati con il giusto significato. Tanto da richiamare la necessità di fornire qualche spiegazione in più. Soprattutto in una provincia come quella di Ferrara e in una regione come l’Emilia Romagna che ha conosciuto un vero e proprio boom di attività agricole rivolte al consumatore, come gli agriturismi le vendite dirette e tutto l’arcipelago di iniziative legate al turismo rurale (+ 75% in dieci anni). A fare chiarezza sull’argomento ci penserà un piccolo evento aperto al pubblico, in programma sabato 20 settembre a Ferrara in piazza Municipale all’interno della sala Estense. L’evento, organizzato dalla Strada dei Vini e dei Sapori della provincia di Ferrara, con il patrocinio del Comune, nell’ambito della Settimana Estense, si aprirà alle 10.00 con una Tavola Rotonda dal titolo ‘Mercati Contadini, Filiera Corta e Agriturismi: il ruolo della Strada dei Vini e dei Sapori della Provincia Di Ferrara’ e proseguirà, dalla teoria alla pratica, con ‘Pan e Salam’ una degustazione di vini e prodotti tipici targata Ferrara. Composta in maggioranza da aziende agricole di produzione, aziende vitivinicole e agriturismi, la Strada dei Vini e dei sapori di Ferrara lavora per valorizzare le produzioni vitivinicole ed agricole, le attività agro alimentari e le specialità enogastronomiche, le produzioni tipiche ed i servizi nel quadro di una economia eco compatibile. E allo stesso tempo per diffondere l’immagine e la conoscenza di queste realtà attraverso iniziative promozionali e di informazione come quella in programma sabato mattina in sala Estense.  Attualmente la Strada è anche il  gestore dei mercati contadini per tre comuni della provincia: il comune di Ferrara (tutti i venerdì nel piazzale di Porta Paola, Mercato delle Erbe, dalle 8.00 alle 13.00, domenica 21 settembre  in piazza municipale, Mercato dei Sapori,  dalle 9.30 fino alle 19.00), Argenta (ogni martedì dalle 7,30 alle 13.30) e Portomaggiore (il giovedì dalle 7,30 alle 13.30). La particolarità dei ‘mercati contadini’, tema principale della Tavola Rotonda, è riassunta nel nome: questo tipo di mercati che stanno sempre più prendendo piede in Emilia Romagna, sono infatti realizzati direttamente dagli agricoltori e permettono agli stessi di valorizzare al meglio la qualità delle produzioni.
  E, in  particolare, eliminando gli intermediari, grazie al rapporto diretto con il consumatore, favoriscono un indubbio  vantaggio economico e uno stimolante scambio di informazioni sulle caratteristiche del prodotto e sul suo utilizzo in cucina, secondo tradizione. Significativa la rappresentanza alla tavola Rotonda con la presenza di Sante Baldini Presidente Strada di Ferrara, Paola Pedroni Presidente di Agriturist Regione Emilia Romagna e rappresentante Confagricoltura Ferrara, Riccardo Casotti Vice direttore di Coldiretti Ferrara e portavoce di Campagna Amica Ferrara, Leonardo Bentivoglio delegato CIA Ferrara, Roberto Serra Assessore alle Attività Produttive e Commercio del Comune di Ferrara e Giancarlo Cargioli responsabile Servizio sviluppo al sistema agroalimentare della Regione Emilia-Romagna.  A seguire via libera alle tipicità del Ferrarese con ‘Pan e Salam’ un gustoso aperitivo a base di Fortana frizzante, il più tipico dei vitigni del territorio, accompagnato da una degustazione di salami e zia ferrarese, il pinzon (focaccia all’olio) e pane ferrarese.


Ferrara, 17 settembre 2014

ESPLODE IL "GIFTROOM-MANIA" E IL LANCIO DEI NUOVI BRAND


E' tempo di bilanci per la Giftroom, allestita nell'esclusiva location all'interno dell'Hotel Excelsior durante la 71esima Mostra internazionale d'arte cinematografica della Biennale di Venezia, che ha letteralmente stregato tutti i personaggi ospiti. 10 ore di attività giornaliere, dal 27 agosto al 6 settembre, più di 50 volti noti a rendere omaggio a questa innovativa "stanza dei regali" che, a 
differenza di tutte le altre presenti alla kermesse, ha una sola mission: omaggiare il made in Italy e lanciare nuove tendenze, a livello di stile, eleganza e praticità. Le attrici Maria Grazia Cucinotta e Cristiana Capotondi sono state tra le prime ad essere stregate dall'originalissimo brand MYGUFO, calzature artigianali fiorentine realizzate da due giovani creativi toscani che hanno fatto del colore la loro cifra stilistica, ideando nuove e originali polacchine. Tra un vino frizzante, cuvée e classici del Veneto e Chardonnay seriviti dal gruppo vinicolo Santa Margherita, gli ospiti presenti hanno potuto dapprima ammirare e poi scegliere le tante novità presenti in giftroom. Anna Pettinelli, autentica colonna di RDS, davvero unica nel suo stile inconfondibile, è venuta a conoscenza ed hai poi applaudito il prestigioso progetto "Rosso Mille MIglia", film in lavorazione sulla famosa gara automobilistica, presentato il 5 settembre dagli attori di punta del cast: Martina Stella e Fabio Troiano, accompagnati dal regista Claudio Uberti. Presente in gift-room e legato alla corsa storica era il merchandasing di Mille Miglia distribuito da Pmp Advertasing che ha omaggiato inoltre l'attore rivelazione dell'anno del Premio Kineo Giovanni Anzaldo. Giovane attrice rivelazione, nell'ambito del Premio Internazionale dedicato quest'anno ad Anna Magnani, Alice Bellagamba, che ha da subito riconosciuto tra i brand presenti nella gift-room uno a lei già familiare: Meltin Pot, marchio d’abbigliamento di jeans che propone, sulla scia dello streetwear americano, un total-look sempre al passo con la moda internazionale, anch'esso Made in Italy e che ha spopolato in questa Venezia71.




E'stato anche l'anno delle riconferme: il neonato brand TRAP ART si è strutturato nel corso del 2014, aveva mosso i suoi primi passi proprio a Venezia 70 ed è tornato vincitore in quest'ultima edizione proponendo un estratto delle sue creazione must e fiore all'occhiello delle t-shirt da loro realizzate e apprezzate da tanti volti noti come Francesco Arca, Vittoria Schisano e Lorena Bianchetti. Lo stesso brand, a testimonianza della grandissima 
evoluzione, ha promosso il Premio Internazionale omaggio ad Anna Magnani, che ha visto, durante il gala del 30 agosto, madrina la Cucinotta e sfilare tra i premiati da Giancarlo Giannini a Lino Banfi, Donatella Finocchiaro, Giorgio Pasotti, Alice Bellagamba e moltissimi altri volti noti alla presenza del Direttore del Festival Alberto Barbera e dei promotori Nello Trapani, Ceo Trap Art e Rita Arrotino ,Direttore Creativo,i quali hanno regalato l'unica sfilata veneziana con la presentazione della "Street Haute Couture"2014/2015 sulla Terrazza dell'Hotel Excelsior. Molte le aziende che hanno omaggiato i numerosi ospiti: da AKAI Italia che ha visto anche il passaggio del Presidente Akai Italia Giovanni Cottone, alla pregiata cantina vinicola Ancilla Lugana con la presenza di Luisella Benedetti, che ha servito le sue bollicine in occasione della premiazione di Carlo Verdone a cui è stato conferito il Premio Robert Bresson.

DANZA CONTEMPORANEA NELL'INCANTEVOLE SCENARIO DEI GIARDINI DELLA REGGIA DI VENARIA REALE


Due ‘Giornate da Re’ con prestigiosi eventi di danza contemporanea nell’incantevole scenario dei Giardini della Reggia di Venaria Reale

‘Giardini PerCorpi Visionari’ organizzato da Associazione Didee
e ‘Natura in Movimento’ in collaborazione con Fondazione Live Piemonte dal Vivo

sabato 20 e domenica 21 settembre 2014
Giardini della Reggia di Venaria, piazza della Repubblica 4, Venaria Reale
Ingresso ai Giardini della Reggia comprensivo di spettacoli: 5 euro intero, 4 e 2 il ridotto
Si avvicina al termine ‘Giornate da Re’, rassegna promossa da La Venaria Reale con il coordinamento a cura della Fondazione Via Maestra, che dallo scorso 21 aprile sta proponendo un totale di 26 intense giornate-evento con performance artistiche site specific e spettacoli di teatro, danza contemporanea e nuovo circo, animazioni, giochi e fiabe, concerti di musica barocca, classica e moderna per coinvolgere i visitatori, con il divertimento e la creatività, a vivere in modo speciale la magnificenza dell’architettura e del paesaggio della Reggia di Venaria, uno tra i siti culturali più visitati in Italia.

Le ‘Giornate’ del 20 e 21 settembre 2014 propongono due prestigiosi appuntamenti di danza contemporanea: ‘Giardini PerCorpi Visionari’ organizzato da Associazione Didee e ‘Natura in Movimento’ organizzato in collaborazione con la Fondazione Live Piemonte dal Vivo

Il 20 settembre si svolgerà ‘Giardini PerCorpi Visionari’, nel contesto del festival ‘La Piattaforma teatro coreografico’, organizzato  dall’Associazione Didee, con presentazione delle creazioni site specific realizzate nell’ambito del progetto di divulgazione dei codici della danza PerCorpi Visionari (P.O. di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013) e in occasione di The European Cooperation Day.

Il 21 settembre andrà invece in scena la seconda parte di ‘Natura in Movimento’, III Rassegna di Teatro e Danza Contemporanea organizzata in collaborazione con la Fondazione Live Piemonte dal Vivo che per l’occasione ospiterà anche le repliche di ‘Giardini PerCorpi Visionari’ presentati il giorno precedente.

Le più suggestive location dei Giardini della Reggia diventano un palcoscenico naturale per danzatori che presentano performance di alto livello, per un pubblico di tutte le età e fruibili con lo stesso biglietto d’ingresso ai Giardini. Giornate a passeggio tra storia e arte e tra antico e contemporaneo in un luogo meraviglioso e dolce, tra profumi, riflessi, colori e incantevoli coreografie di danza alle quali si aggiunge lo spettacolo del Teatro d’Acqua della Fontana del Cervo con getti d’acqua alti fino a 10 metri che danno vita a straordinari effetti scenografici grazie anche all’uso di proiettori colorati e condotti di vapore. 


20 settembre – ‘Giardini PerCorpi Visionari’
In occasione di The European Cooperation Day  
e nel contesto del Festival La Piattaforma teatro coreografico

Per il secondo anno consecutivo l’Associazione Didee propone, con direzione artistica di Mariachiara Raviola e nell’ambito del festival La Piattaforma, una sezione dedicata al progetto di divulgazione dei codici della danza PerCorpi Visionari, P.O. di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013, di cui Didee è ideatrice e partner. PerCorpi Visionari è stato scelto a rappresentare le relazioni transfrontaliere in occasione di The European Cooperation Day, la giornata della cooperazione europea sostenuta dalla Commissione europea e dal Parlamento europeo. PerCorpi Visionari è nato come progetto di cooperazione transfrontaliera tra Fondazione Teatro Coccia di Novara, Associazione Didee - arti e comunicazione e Coorpi - Coordinamento Danza Piemonte di Torino, Associazione Lis lab Performing Arts di Meina (Novara), Fondazione La Fabbrica di Losone e Associazione LitroCentimetro di Bellinzona. 

Vetrina d’eccezione della sezione intitolata ‘Giardini PerCorpi Visionari’ saranno le ‘Giornate da Re’ in programma sabato 20 e domenica 21 settembre, grazie alla fattiva collaborazione con la Fondazione Via Maestra.
Sabato 20 settembre si comincerà alle ore 16.30 nel Giardino a Fiori, a conferma dell’attenzione del festival La Piattaforma da sempre rivolta alla nuova creatività, con la performance ‘Crogiolo Primitivo’, frutto dell’incontro tra performer svizzeri e italiani che hanno preso parte alla residenza estiva a La Fabbrica di Losone, organizzata da LitroCentimetro (CH) e Didee (IT). 
Al Patio dei Giardini alle ore 17 va in scena la performance di danza per bambini e adulti ‘Le Foglie e il Vento’ di Mariachiara Raviola, liberamente ispirato a La Foglia Muriel di Leo Buscaglia, con Stefano Botti e Francesca Cinalli, per lo sguardo coreografico di Aldo Torta e la creazione sonora live di Paolo De Santis. La vita di una foglia e del suo albero, un racconto danzato, una metafora dell’esistenza che, con semplicità, narra dei cicli della natura e del continuo trasformarsi della vita. Produzione Didee e Fondazione Teatro Coccia. 
In chiusura, alle ore 17.30, la performance ‘Soup’ di Antonella Cirigliano e Daria Tonzig. Lo spettacolo è un invito al tavolo, ad un banchetto virtuale surreale dove oggi e sempre, in modo diverso, si servono un‘infilata di sicurezze in bilico fra ovvietà apparenti e certezze assurde, il tutto condito con domande che affondano nel nostro passato. Produzione Lis Lab e Fondazione Teatro Coccia. Per Soup necessaria prenotazione al 3396065349. 

Le repliche degli spettacoli verranno presentate anche il 21 settembre all’interno di ‘Natura in Movimento’.
Per la giornata di sabato 20 settembre si può usufruire di un servizio navetta per la Reggia di Venaria con ritrovo alle ore 14,45 in piazza Castello, fronte Teatro Regio. Costo A/R 3 euro. Necessaria prenotazione al numero +39 339 6065349 / didee@corpivisionari.eu. 

21 settembre – ‘’Natura in Movimento’, seconda parte

La ‘Giornata da Re’ del 21 settembre propone la seconda parte della rassegna di teatro e danza contemporanea ‘Natura in Movimento’, quest’anno organizzata in collaborazione con la ‘Fondazione Live Piemonte dal Vivo’ e già ospitata nella sua prima parte lo scorso 22 giugno. 

Come già accaduta in occasione della prima parte presentata il 22 giugno scorso, i Giardini si trasformeranno in un palcoscenico naturale per danzatori, una cornice elegante e sontuosa in cui gli artisti dialogano con il luogo, l’architettura si arricchisce dell’elemento performativo e la creazione coreografica si alimenta delle caratteristiche del luogo stesso. Così, la danza contemporanea ed il teatro irrompono in uno spazio fisico ma anche mentale, creando nuovi immaginari per il pubblico e suscitando nuove sensibilità in una fusione armoniosa tra la bellezza della natura e dell’arte, dell’antico con il contemporaneo e dell’uomo con l’universo.
La rassegna presenta alle ore 15.30 nel Giardino delle Rose lo spettacolo ‘SI SI FO grunge’, progetto coreografico diretto da Maura Dessì e Liberamente ispirato al libro ‘Il mito della nostalgia’ di Albert  Camus con in scena Maura Dessì insieme a Francesco Dalmasso ed Ester Fogliano. Uno coreografia che mette in scena il pensiero di Camus sull’'assurdità di eventi che minacciano l'umanità e, allo stesso tempo, trasformano gli uomini in schiavi, ribelli, vittime e carnefici.
Alle ore 16.30 va in scena ‘Is This Desire?’ della coreografa Francesca Cola che danza insieme a Daniela Pagani. In ‘Is This Desire?’ si assiste alla danza di un corpo che interroga il desiderio; muove con fluidità e abita delicatamente le immagini di ciò che desidera. Il corpo desiderante porta i tratti di una sposa dal volto rivestito di ricami. Sullo sfondo, a segnare il tempo, l'ombra del desiderio. Lo spettatore è parte integrante di  questa danza rituale e ne restituisce la poesia, breve frammento che si rivela nell’ordinario. La Produzione è di Inteatro festival Polverigi, Officine Caos Torino, Volvon e Superbudda.
A seguire, verranno proposte nel Patio dei Giardini le repliche di due performance di ‘Giardini PerCorpi Visionari’ messe in scena il giorno prima, ovvero ‘Le Foglie e il Vento’ di Didee alle ore 17.00 e ‘Soup’ di Lis Lab alle ore 17.30.

“Sulla strada”, docufilm di Andrea Salvadore per raccontare la Route nazionale dell’Agesci

Presentazione in anteprima venerdì 19 settembre ore 16.00 al Fiction Fest di Roma
In onda su Tv2000 (canale 28 del digitale terrestre, 18 di TvSat, 140 di Sky, in streaming su www.tv2000.it)  giovedì 25 settembre alle ore 21.00
Il cammino degli scout che questa estate, nei primi dieci giorni di agosto, si sono messi in marcia verso il raduno nazionale di San Rossore, vicino a Pisa, diventa Sulla strada, docufilm firmato da Andrea Salvadore per Tv2000 che verrà presentato in anteprima venerdì 19 settembre, alle ore 16.00, nell’ambito del Fiction Fest di Roma.  
Andrea Salvadore, regista della nota serie tv, Davvero, e di altri  documentari come Vacanze d’Italia (2008) e Da Wall Street a Gran Torino (2009), ha seguito gruppi di scout provenienti da ogni angolo d’Italia lungo il percorso che li ha portati fino a San Rossore, nella spianata in cui ad arrivare sono stati in 30 mila. 
In 90 minuti, le immagini dei paesaggi attraversati, dalle pendici del Vesuvio all'Appennino tosco-emiliano, e il racconto, passo dopo passo, dei pensieri, delle emozioni e delle paure che hanno accompagnato i ragazzi in quest’avventura estiva. Il docufilm, che non fa uso di voce narrante, prova a ridisegnare una vecchia modalità di racconto che nella nostra televisione hanno praticato Ugo Gregoretti e Nanni Loy, lasciando che a parlare siano solo i protagonisti. È così che Tv2000 vuole provare a capire chi realmente sono questi giovani in camicia azzurra, pantaloncini corti e fazzoletto al collo e il senso del loro  “fare strada”. 
All’anteprima del ducufilm (Sala Sinopoli, Auditorium Parco della Musica) interverranno il regista, Andrea Salvadore, il direttore di Tv2000, Paolo Ruffini, e i due presidenti del Comitato Nazionale dell’Agesci, Marilina Laforgia e Matteo Spanò. 

17 settembre 2014

VIDEO INTERVISTA A MARIA ROSARIA RUSSO

Enzo Fasoli intervista Maria Rosaria Russo
Protagonista femminile del film di Guido Mandredonia "La Nostra Terra"

VIDEO INTERVISTA A GIANNI NAZZARO

Enzo Fasoli intervista Gianni Nazzaro
conferenza "Tale e Quale Show"

VIDEO INTERVISTA A VALERIO SCANU

Enzo Fasoli intervista Valerio Scanu

MONTE-CARLO JAZZ FESTIVAL 2014: MONTE-CARLO SI TINGE DI BLACK

Dal 25 al 29 novembre 2014, l’appuntamento con il grande jazz internazionale è all’Opéra Garnier di Monte-Carlo

Archiviata la trionfale edizione 2014 del Monte-Carlo Sporting Summer Festival, in autunno il gruppo Monte-Carlo Société des Bains de Mer si appresta a cambiare musica con il Monte-Carlo Jazz Festival, che si svolgerà nello splendido Opéra Garnier Monte-Carlo dal 25 al 29 novembre prossimo.

Una nona edizione all’insegna della modernità, che porterà a Monte-Carlo i più grandi jazzisti di oggi, offrendo al pubblico l’opportunità di assistere a concerti unici. “Il jazz è di casa in questo meraviglioso scenario, Opéra Garnier Monte-Carlo, da oltre un secolo tempio dedicato alla musica e alla creatività. Questa nuova edizione del Monte-Carlo Jazz Festival riflette la nostra visione contemporanea del jazz che si apre alla world music mettendo in risalto le grandi voci”, queste le parole di Jean-Rene Palacio, Direttore Artistico della Monte-Carlo Société des Bains de Mer.L’apertura del festival, martedì 25 novembre, sarà affidata al prestigioso Galliano, Lagrène, Lockwood Trio, autorevoli esponenti del jazz europeo con il loro mix di fisarmonica, chitarra e violino. La stessa sera si esibirà anche il Sylvain Luc & Stefano Di Battista Quartet, un’eccezionale band che ruota intorno al genio di due solisti che non hanno bisogno di presentazioni. La serata sarà aperta dal giovane e talentuoso vibrafonista Jean-Lou Treboux.Mercoledì 26 novembre, Ibrahim Maalouf e Kenny Garrett, in compagnia delle rispettive formazioni, accompagnerano il pubblico in un Oriente dominato da suoni rock, jazz e afroamericani. Una serata sotto il segno della world music sarà quella del 27 novembre con Céu, giovane cantante brasiliano seguito dalla Orchestre El Gusto: un’esperienza davvero eccezionale, sia dal punto di vista umano che musicale, con 20 musicisti sullo stesso palco che proporranno un’irresistibile miscela di musica Chaâbi, trasmettendo gioia e buon umore al ritmo di strumenti atipici come il qanoun, il liuto, il banjo e il mandolino.Il 28 novembre, il festival darà nuovamente il benvenuto a Chris Rea, che tornerà a esibirsi sul palco con le sue più grandi hit, da Josephine a The Road to Hell. Il talentuoso chitarrista condividerà i riflettori con Robin McKelle, meraviglioso soul singer capace di condurre gli ascoltatori in un viaggio sonoro negli Stati Uniti del sud e nel Rhythm & Blues. Lemmy Constantine aprirà la serata con il suo Gypsy Jazz in stile americano.




Chiusura in grande stile, sabato 29 novembre, con Dee Dee Bridgewater, una delle più grandi voci jazz in circolazione ed eccezionale show woman, affiancata dal cantante e sassofonista americano Curtis Stigers, uno dei più importanti crooner di oggi, autore del celebre I Wonder Why.
Come ogni anno, il Monte-Carlo Jazz Festival godrà del Patronato di Sua Altezza Reale il Principe Alberto II di Monaco.
Durante tutta la kermesse musicale, sarà inoltre aperta gratuitamente al pubblico la mostra fotografica firmata da Philip Ducap dal titolo «Monte-Carlo Jazz Festival, Vintage 2013» allestita nell’Atrio del Casinò.

Per soggiornare, sono disponibili online pacchetti convenienti da 2 o più notti a notte presso il Monte-Carlo Bay Hotel & Resort e l’Hotel Hermitage.
Il Pacchetto “Esperienza Vista Mare”, a partire da 279€, include:
·         Una notte per due persone in camera vista mare al Monte-Carlo Bay Hotel & Resort
·         Prima colazione a buffet
·         Late check-out alle ore 15
·         Parcheggio gratuito
·         La carta «Cercle Monte-Carlo», concessa in esclusiva ai clienti della Société des Bains de Mer, è un passaporto per tutti gli stabilimenti del gruppo che consente:
o   Servizio 777 delle slot-machine.
o   Accesso gratuito al Casinò di Monte-Carlo
o   Servizi accessibili durante il soggiorno in uno dei nostri hôtel
o   Apertura della vostra camera
o   Accesso gratuito a tutti i trasferimenti in navetta all’interno del Resort SBM
o   Sconto del 50 % sulle fee al Monte-Carlo Golf Club e al Monte-Carlo Country Club
o   Accesso gratuito alla Laguna con fondale in sabbia, nonché alla piscina del Monte-Carlo Bay Hotel & Resort.

Informazioni utili:
Biglietti disponibili a partire da 60 €
Prenotazioni: T. + 377 98 06 36 36
montecarlosbm.com

Per seguire in tempo reale il Monte-Carlo Jazz Festival 2014 sul web e sui social network:
montecarlosbm.com
facebook.com/montecarlojazzfestival
twitter.com/montecarlosbm
#MCJF



VIDEO INTERVISTA A GABRIELE CIRILLI

Enzo Fasoli intervista Gabriele Cirilli

CONSEGNATO IL ROMAFICTIONFEST EXCELLENCE AWARD KIDS AND TEEN A MARC DU PONTAVICE

“Ci sono autori che dato un testo ne producono una rappresentazione visiva e poi ci sono i perlustratori che invece si mettono in viaggio alla ricerca di una strada, e fanno di questa ricerca la propria ragion d'essere. Marc du Pontavice  è certamente uno di questi. Ad ogni lavoro nuovo, il precedente sembra quasi scolorire, come se fosse solo uno studio per il successivo. I suoi personaggi si muovono a proprio agio nelle serie tv, in un film come tra le pagine di un libro. L’approccio estetico e morale dei suoi lavori  e improntato sul medesimo impegno pedagogico e amanuense di Michel Ocelot e Sylvain Chomet. Nelle sue storie si genera una sorta di sospensione del racconto, uno spazio vuoto, una terra di nessuno, come spesso accade nella fiaba classica e nel racconto di formazione, dove lo spettatore di ogni età può infilarsi ed evadere  per incontrare un idea di avventura che è dono per il presente e promessa per il  futuro. Marc du Pontavice  con la raffinata Xilam, produce questi anticorpi, mostrando che un'altra via dell'animazione è possibile”. 
Questa la motivazione con la quale è stato consegnato il RomaFictionFest Excellence Award Kids and Teen 2014 all'animatore e produttore francese Marc Du Pontavice. 

NOTTE EUROPEA DEI RICERCATORI 2014: IN ITALIA OLTRE 300 EVENTI

PRESENTAZIONE NAZIONALE CON LA PARTECIPAZIONE DEL PRESIDENTE REGIONE LAZIO, ZINGARETTI E DELL'ASSESSORE ALLA CULTURA, RAVERA
Il 26 settembre 2014 la Notte Europea dei Ricercatori si tinge d'azzurro. L'Italia è il paese europeo con il maggior numero di eventi in programma. Porta bandiera della Penisola cinque progetti finanziati dalla Commissione Europea: Dreams, Luna 2014, Sharper, Party don't stop e Tracks, tutti provenienti dai più importanti centri di eccellenza della ricerca scientifica italiana. Oltre 300 eventi in tutta Italia dedicati al grande pubblico e alle scuole, per promuovere e scoprire la ricerca scientifica italiana e la vita del ricercatore.
La conferenza stampa di presentazione dei progetti nazionali si terrà a Roma, mercoledì 17 settembre, ore 11, presso la Sala delle Bandiere nella sede del Parlamento Europeo in Via IV Novembre 149.
Previsti gli interventi del Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, dell'Assessore alla Cultura e alle Politiche Giovanili, Lidia Ravera e del Direttore Scientifico dell'Istituto San Raffaele Pisana Massimo Fini, oltre ai Responsabili dei 5 progetti nazionali, modera il Presidente di Frascati Scienza Giovanni Mazzitelli. Per Luna 2014 ad intervenire sarà Andrea Vilardi, ricercatore dell'EURAC di Bolzano, per Sharper il Responsabile del progetto, Leonardo Alfonsi, per Party don't Stop, il Coordinatore di progetto, Patrizia Garibaldi, infine per Tracks, Andrea De Bortoli, di Agorà Scienza, coordinatore del progetto piemontese.
Durante l'incontro sarà presentato il progetto della Notte Europea dei Ricercatori e le sue finalità: divulgare la scienza al grande pubblico e far conoscere la figura del ricercatore che, con il suo fondamentale lavoro, svolge un ruolo cardine nella vita di tutti noi. La conferenza, inoltre, aprirà una riflessione sull'importanza della scienza applicata e della multi-disciplinarietà della ricerca scientifica.
Per maggiori informazioni: www.nottedeiricercatori.it

“Chiù”, di Sofia Bruschetta, vince la terza edizione del Premio Carlo Bixio

A “Nascondi un posto a tavolRoma, 16 settembre 2014. E’ “Chiù”, di Sofia Bruschetta, la sceneggiatura vincitrice della terza edizione del Premio Carlo Bixio, indetto da Rai, Associazione Produttori Televisivi (APT) e Rti e sostenuto da SIAE e riservato ai giovani, tra i 18 e i 40 anni, autori di una sceneggiatura originale di fiction ispirata al genere della commedia. La cerimonia di premiazione si è svolta ieri, 15 settembre, all’Auditorium Parco della Musica di Roma, durante l'ottava edizione del RomaFictionFest. Il premio è stato consegnato dall'attrice Cristiana Capotondi mentre Giulio Scarpati ha letto le motivazioni, alla presenza della presidente del Premio, Gabriella Campenni Bixio, dei giurati e del comitato promotore. Alla vincitrice vanno quindicimila euro, messi a disposizione dalla Rai, a fronte di un contratto di licenza di dodici mesi.

“Chiù” narra di una famiglia bizzarra, composta soltanto da cugini e governata da un patriarca, che vive in un antico palazzo in un bellissimo borgo del nord Italia. Una dinastia influente, sulla quale si concentra però un velo di mistero, oltre che un vespaio di dicerie. Saranno l’arrivo di un ragazzino rimasto orfano, una tata misteriosa e un matrimonio andato a monte a cambiare per sempre il destino della straordinaria famiglia e a svelare i poteri dei suoi componenti.

“Il premio Carlo Bixio viene assegnato a “Chiù” - si legge nella motivazione - per l’originalità dell’impianto narrativo, che mette in campo personaggi sorprendenti, e mescola con abilità il quotidiano con il sovrannaturale, la commedia con il mistero. Il progetto si è imposto all'attenzione della giuria per la novità e il coraggio ideativo e per la freschezza nella creazione di personaggi, situazioni, svolte narrative e dialoghi”.

Durante la serata è stato anche assegnato il “Premio SIAE idea d'autore”, un riconoscimento di tremila euro per la sceneggiatura che si è distinta nell'originalità della concezione iniziale. A vincerlo è stato “Nascondi un posto a tavola”, di Francesco Caronna, Roberto Fiandaca, Giancarlo Germino e Alessandro Menchi, che racconta la storia di una famiglia borghese romana, sconvolta dalla fuga dei genitori, coinvolti in una colossale truffa finanziaria. I tre figli, precipitati improvvisamente dal loro mondo di vizi e privilegi in un inferno fatto di polizia, magistrati, giornalisti e creditori, prendono in mano la situazione, e tra mille sorprese rovesciano i ruoli di una famiglia convenzionale e solo apparentemente integerrima.

Il lavoro è stato premiato, si legge nelle motivazioni, “per la capacità di portare senza timore nei territori della commedia personaggi e situazioni fortemente legati alla contemporaneità. Nel racconto gli autori scavalcano le barriere del politicamente corretto e costruiscono una rete di rapporti - di sangue e non - comicamente dominati dal solo mito del denaro”.

Le due sceneggiature premiate sono stati scelte nella cinquina finalista, di cui facevano parte anche “Ti voglio bene maestra”, di Raffaella Migliaccio, “Cronache del primo banco”, di Alessandra Pomilio e “Gli amici fidati”, di Alida Musumeci.


“Premio SIAE idea d’autore”

VIDEO INTERVISTA A LUCA BARBARESCHI

Enzo Fasoli intervista Luca Barbareschi
per il programma RAI "Tale e Quale Show"

VIDEO INTERVISTA A RAFFAELE DE LUCA

Enzo Fasoli intervista Raffaele De Luca
presidente del Pompei cinema Festival

VIDEO INTERVISTA A PINO INSEGNO

Enzo Fasoli intervista Pino Insegno
Programma RAI "tale e quale show"

Emanuele Giglio e l'Ara Pacis di Tor di Nona

Emanuele Giglio intervistato da Enzo Fasoli durante la costruzione dell'Ara Pacis di Tor di Nona scenografia dell'"Achilleide" al Teatro del Centro di Roma 5 settembre 2014.

Un documentario di Monica Griffa e Monica Amitrano.

15 settembre 2014

VIDEO INTERVISTA A MAURO CONTE


Enzo Fasoli intervista Mauro Conte
Unico attore italiano nel fil "Andròn" 

INAUGURAZIONE ROMA FICTION FEST 2014


IL ROMAFICTIONFEST  INAUGURA CON “UNA GIORNATA DI SOGNI E RACCONTI MERAVIGLIOSI” LA MASTERCLASS DELLA PRODUTTRICE DI THE WALKING DEAD, TERMINATOR E ALIEN, GALE ANNE HURD

“Un grazie ai curatori della sezione ‘Kids and Teen’ per averci regalato questa giornata piena di sogni e racconti meravigliosi. Mi hanno pregato, poi obbligato, a non partecipare alla proiezione perché troppo insegnante. Allora Vi auguro un buon anno scolastico. Domani c’è ancora festa, ma da lunedì comando io”  così il direttore artistico Carlo Freccero ha salutato affettuosamente il giovane pubblico nel giorno dell’apertura dell’ottava edizione del RomaFictionFest che, come da tradizione, ha inaugurato oggi con la sezione dedicata ai più piccoli.  “Il  festival -  ha aggiunto Freccero - è la più bella ricreazione che la Regione vi organizza prima di accogliervi e augurarvi buon anno scolastico”.

Quest’anno non solo spazio ai più piccoli ma, all’Auditorium Parco della Musica, via alla masterclass con Gale Anne Hurd, produttrice esecutiva di The Walking Dead, la serie dal successo planetario che torna  con la quinta stagione il 13 ottobre, in contemporanea con gli Stati Uniti, su Fox. Assistente esecutivo di Roger Corman, produttrice di Terminator, Aliens e The Abyss  Gale Anne Hurd ha dichiarato:  “ho avuto il privilegio di lavorare con Roger Corman in un momento in cui le donne facevano fatica a lavorare al cinema”. “Era il 1978 – ha ricordato – e Corman era uno dei pochi ad avere donne che scrivevano e dirigevano per lui.  E’ stata la persona che ha cambiato il mio destino e mi ha aiutata ad avere fiducia in me stessa. Fu proprio lui ad obbligarmi in seguito a lasciare la Società: ero pronta per produrre Terminator”.

“Nessuna paura di correre rischi, soprattutto in questo lavoro - ha confessato la produttrice – e del resto Alien è stato il primo film horror con sette candidature all’Oscar”.  Quanto alla scelta delle sceneggiature “sono attratta dal viaggio dei personaggi principali, da storie di persone normali che si trovano in circostanze straordinarie – ha proseguito Gale Anne Hurd – così come succede per la saga di The Walking Dead  in cui, come nella vita, ogni giorno dobbiamo fare delle scelte, prendere strade diverse, anche su base morale”.  

L' APE MAIA- IL FILM

L’APE MAIA – IL FILM
DOMANI AL ROMA FICTION FEST CON L’APE MAIA SUL PINK CARPET DEL FESTIVAL
DOMANI, SABATO 13 SETTEMBRE 2014

L’accesso all’evento è libero. L’ingresso alla proiezione è gratuito fino a esaurimento posti, previo ritiro del coupon in Auditorium. I coupon possono essere ritirati sabato 13 settembre, a partire dalle 9.30 in Auditorium. Per ulteriori informazioni www.romafictionfest.org

DALLE 10.45 alle 11.15 : IL CHARACTER DELL’APE MAIA SARÀ A DISPOSIZIONE DI TUTTI I FAN NELL’AREA DEL FESTIVAL
DALLE 11.45 alle 12.15: PINK CARPET DELL’APE MAIA. IN ATTESA DELLA PROIEZIONE DEL FILM IL CHARACTER GIGANTE DELL’APE MAIA SALUTERÀ I SUOI


PICCOLI FAN SUL PINK CARPET DEL FESTIVAL /AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA
    -  ALLE 12.00: PROIEZIONE - IL CHARACTER DELL'APE MAIA PRESENTA IN ANTEPRIMA ESCLUSIVA “L’APE MAIA – IL FILM” (in 2D) DIRETTO DA ALEXS STADERMANN/AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA – SALA SINOPOLI
    -  DALLE 13.45 alle 14.15:  IL CHARACTER GIGANTE DELL’APE MAIA SALUTERÀ I SUOI PICCOLI FAN ALL'USCITA DELLA PROIEZIONE NEL FOYER DELLA SALA SINOPOLI /AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA
“L’APE MAIA – IL FILM” USCIRÀ (IN 2D) AL CINEMA IL 18 SETTEMBRE
DISTRIBUITO DA NOTORIOUS PICTURES
In attesa dell’uscita de “L’Ape Maia – Il film” di Alexs Stadermann, al cinema dal prossimo 18 settembre distribuito da Notorious Pictures, domani (sabato 13 settembre) sarà possibile assistere alla proiezione del film in anteprima esclusiva al Roma Fiction Fest, dove verrà proposto in apertura della manifestazione, all’interno di una sezione interamente dedicata al cinema che si ispira alle serie tv.  DOMANI, Sabato 13 settembre dalle 10.45 alle 14.45 il character dell’Ape Maia saluterà i suoi piccoli fan negli spazi del festival all’Auditorium Parco della Musica.
Dalle 10.45 alle 11.15 il character dell'Ape Maia sarà a disposizione di tutti i fan nell'area del Festival 
Alle 11:45 la piccola ape, protagonista del film, sfilerà sul pink carpet del Festival (Auditorium Parco della Musica). L’Ape Maia, in carne e ossa con tanto di ali e antenne, firmerà autografi, regalerà gadget alla fine della proiezione e sarà possibile fotografarla.
-          Alle 12:00, all’interno della sala Sinopoli, è prevista la proiezione del film in anteprima esclusiva.
Alle 13.45 nel foyer della sala Sinopoli, il character dell'Ape Maia saluta i bambini dopo la proiezione 
Un’occasione da non mancare per i più piccoli, ma anche per tutti coloro che sono cresciuti con l’Ape Maia e con la voce della storica doppiatrice (della serie tv), Antonella Baldini, che presta la voce anche alla piccola ape del film.
 Amicizia, libertà e coraggio sono il cuore della nuova entusiasmante avventura di Maia, Willy e dei loro amici in L’APE MAIA – IL FILM. Uno spettacolare viaggio alla scoperta del mondo che li circonda e di tutti gli esseri viventi che ne fanno parte, vi aspetta sul grande schermo!
Famosa in tutta Europa da più di 100 anni, prima con la serie di libri per bambini scritta da Waldermar Bonsels, e poi con la celebre serie tv prodotta negli anni Settanta, l’Ape Maia è amata da pubblici di tutte le età, dai più piccini agli adulti.

Come nella serie, il contrasto tra la vita seria e disciplinata dell’alveare dove Maia vive e il suo desiderio di scoperta e avventura, faranno da padroni e continueranno ad appassionare anche le nuove generazioni in questo fantastico film realizzato in computer grafica!

LABORATORIO "Underdrawing"

Fondazione Ermanno Casoli
presenta
Francesco Barocco

Underdrawing

workshop dell’artista con gli studenti del 6° Master
in Economia e Management dell’Arte e dei Beni Culturali
organizzato dalla Business School del Sole 24 Ore

25 settembre 2014
Milano
sede del Gruppo24ORE  Via Monte Rosa 91

 a cura di Marcello Smarrelli
 In collaborazione con Hic et Nunc
Per il terzo anno consecutivo la Fondazione Ermanno Casoli e la Business School del Sole 24 Ore rinnovano la loro collaborazione con un nuovo appuntamento del programma di formazione E-STRAORDINARIO. Giovedì 25 settembre, il workshop Underdrawing dell'artista Francesco Barocco − curato dal direttore artistico della FEC Marcello Smarrelli – si inserisce nelle lezioni della sesta edizione del prestigioso Master in Economia e Management dell’Arte e dei Beni Culturali. Obiettivo comune è quello di promuovere l’arte contemporanea come valido strumento didattico e metodologico volto alla formazione di nuovi professionisti in grado di sviluppare e valorizzare il “sistema” dell’arte in Italia.

La giornata di studi parte con il laboratorio ideato da Barocco che diventa funzionale all’esigenza di un’azienda che intenda sviluppare nei propri collaboratori alcune competenze nell’area dell’Eccellenza Operativa. Una vera e propria sfida che vede gli studenti misurarsi, sotto la guida esperta dell’artista, con il disegno e con l’antica tecnica della quadrettatura al fine di realizzare delle copie fedeli di alcune opere d’arte di epoche diverse, dal XVI al XVIII secolo. Utilizzata per riportare ingranditi gli schizzi degli artisti sulle pareti da affrescare, la quadrettatura permette di approcciare il modello attraverso molteplici punti di vista, rendendo possibile quello che ad un primo sguardo potrebbe sembrare impossibile. «Fare una prima esperienza di cosa significhi tracciare un segno su un foglio sostiene l’artista è “un passo verso un mondo ignoto, la prima tappa di un lungo cammino”, per usare una definizione di Giacometti, che porterà gli studenti a realizzare, con una nuova e diversa consapevolezza nei confronti degli strumenti e delle tecniche del fare arte, un disegno del tutto simile a quello realizzato dai grandi maestri della tradizione umanistica rinascimentale».
Durante la fase finale, i lavori dei partecipanti al workshop verranno rielaborati, reimpaginati e fotografati dall’artista. Lo scatto fotografico diventa così la matrice, che consente di stampare un esemplare di quella che sarà a tutti gli effetti un’opera a quattro mani frutto dell'esperienza condivisa.

Completa il processo avviato dall’artista, l’intervento di Giovanni Boano, managing partner della società di formazione Hic et Nunc, che si pone come mediatore tra il lavoro svolto con l’artista e la realtà lavorativa dei partecipanti, attraverso la decodifica dei messaggi dal mondo dell’arte a quello aziendale e la traduzione dell’esperienza artistica in comportamenti organizzativi efficaci. Dal punto di vista della formazione manageriale, un progetto come quello ideato da Francesco Barocco e, più in generale, i processi di apprendimento che traggono nuovi stimoli dall’interazione con gli artisti e che utilizzano l’arte contemporanea in maniera fortemente esperienziale, si rivelano funzionali alle esigenze aziendali ed efficaci rispetto allo sviluppo di alcune competenze come il Problem Solving, il Pensiero Laterale, la Pianificazione, l’Organizzazione del lavoro, l’Orientamento all’azione e al risultato, la Perseveranza.
 

L’iniziativa sottolinea la validità di un approccio sempre più accreditato nel campo della formazione aziendale sostenuto e praticato dalla Fondazione Ermanno Casoli con le sue attività sia all’interno dell’azienda Elica che in altri contesti, invitando artisti di livello internazionale a relazionarsi con gli imprenditori e i manager anche del settore culturale. Questa collaborazione si rivela proficua sia per l’impresa, che può intercettare contenuti e linguaggi d’avanguardia utilissimi per anticipare le esigenze di una società in continua evoluzione, sia per gli artisti, che trovano ambiti di espressione sorprendentemente nuovi. Per questi motivi, la Business School e la FEC sono partner naturali nella promozione di un dialogo attivo tra arte e impresa, un modo nuovo ed efficace per sostenere la produzione di arte contemporanea.

Video Intervista a Monika Bacardi e Andrea Iervolino

Enzo Fasoli intervista Monika Bacardi e Andrea Iervolino
produttori del film "Andròn"

Video intervista a Francesco Cinquemani

Enzo Fasoli intervista Francesco Cinquemani
sceneggiatore e regista del film "Andròn"

ANDRÒN THE BLACK LABYRINTH

AMBI PICTURES

di

ANDREA IERVOLINO e MONIKA BACARDI
presenta 


IL FILM IN PRODUZIONE

ANDRÒN
THE BLACK LABYRINTH



Dopo il successo internazionale di The Humbling, osannato sia a Venezia che a Toronto, AMBI Pictures di Andrea Iervolino e Monika Bacardi presenta ANDRÒN, una co-produzione europea per la regia di Francesco Cinquemani. Nel cast divi internazionali del cinema, come Danny Glover, Alec Baldwin, Gale Howard e Clara Pasieka, protagonista dell’ultimo film di Cronenberg, astri nascenti come Leo Howard e Michelle Ryan, ma anche star prese in prestito dalla musica, come Skin e dalla moda, come l’indossatore Jon Kortajarena, visto in A single man.
ANDRÒN è un film di genere che si avvale di tecniche ed effetti speciali mai usati prima in un film italiano: la supervisione degli Effetti Speciali Visivi è affidata a Michael Kowalski, uno dei più grandi talenti di Hollywood, l’uomo che ha dato vita a The Amazing Spiderman, The Twilight Saga, Wolverine e The Incredible Hulk.


SINOSSI
Non ricordano come ci sono arrivati. Non ricordano nemmeno come si chiamano. Sono un gruppo di sconosciuti prigionieri di un labirinto misterioso e letale. Dovranno trovare le risposte, decifrare i segnali, capire i codici e affrontare un viaggio irto di pericoli per scoprire il segreto di ANDRÒN.

REGIA: Francesco Cinquemani
PRODOTTO DA: Andrea Iervolino e Monika Bacardi
SOGGETTO E SCENEGGIATURA: Francesco Cinquemani
CAST: Alec Baldwin, Michelle Ryan, Gale Harold, Skin, Leo Howard, Antonia Campbell Hughes, Jon Kortajarena, Mauro Conte, Korlan Madi, Alex Martin, Gaia Scodellaro, Elettra Mallaby, Clara Pasieka e Danny Glover
GENERE: sci-fi / azione / avventura

DURATA: 95’

Artisti da tutto il mondo per l’Asino e la luna

Un simposio d’arte internazionale: l’arte incontra la canzone che trova la musica
(un progetto annuale con uno sviluppo a staffetta)

Verdello (Bergamo) 20 artisti provenienti da diverse nazionalità tra cui Argentina, Canada, Cile, Germania, Francia, Inghilterra, Italia, Romania e Stati Uniti parteciperanno al primo simposio d’arte internazionale intitolato “l’asino e la luna” che si terrà presso la Fondazione Emilia Bosis (Cascina Germoglio) di Verdello dal 21 al 28 settembre.

In questa occasione gli artisti, coordinati dalla curatrice Prof.ssa Marisa Cortese, soggiorneranno una settimana presso la Cascina Germoglio per rielaborare artisticamente il testo di una canzone dal titolo “l’asino e la luna” scritta dal cantautore Agostino Celti.
Il simposio d’arte non è un concorso e ha la finalità di dare forma artistica al testo di una canzone, esplorando innumerevoli tecniche artistiche, comunicative ed espressive.
Nella settimana dal 21 al 28 settembre gli artisti che hanno aderito, provenienti da tutto il mondo, soggiorneranno presso la Cascina Germoglio condividendo con gli ospiti i momenti di comunità nella realizzazione delle creazioni personali che verranno presentate ed esposte nella serata finale.
Il Simposio si concluderà con un’asta benefica e con il concerto di Agostino Celti presso il teatro Stalla, un’innovativa struttura “in cui prende vita un magico rapporto con la natura e gli animali sviluppando un’acuta riflessione sulla comunicazione non verbale: ascoltare e collaborare con gli animali, soprattutto artisticamente, significherà apprendere il loro linguaggio antico e segreto, per dare voce al linguaggio del corpo e al potere dell’empatia.
Il ricavato dell’asta andrà a favore delle attività educative della Fondazione Emilia Bosis, un organismo istituzionale no profit che, raccogliendo l’eredità storica e culturale della Comunità Logos dell’ex Ospedale Neuro-psichiatrico di Bergamo, è delegata ad occuparsi direttamente delle persone che soffrono a causa di disturbi mentali con una metodologia sperimentale che avvicina l’uomo alla natura e agli animali.

I nomi degli artisti e la loro provenienza: Juan Danna  (Argentina), Margot Paris  (Canada), Marco Esteban Cavallaro (Cile), Maximilian Fliessbach gen. Marsilius (Germania), Susanne Muller (Germania), Christel Andrea Steier (Germania), Gretel Fehr,  Dorothea Fleiss  (Germania),  Tony White  (Inghilterra/Francia),  Roberto Gianinetti  (Italia),  Marisa Cortese  (Italia),  Antonella Prota Giurleo ( Italia), Vera Lobascio  (Italia),  Tegi Canfari  (Italia), Barbara Eletta Camoni  (Italia),  Vasile Tolan  (Romania),  Carmen Bayer (Romania) e Blake Brasher (Stati Uniti), Georgina Gomez (Cile), Assem Abdel Fattah Hasanien (Egitto), Linda Lemaire (Francia), Pierangela Orecchia (Italia).
Nel corso del Simposio verranno organizzati - in parallelo -  dei Workshop d’arte “applicata” aperti agli ospiti della Cascina Germoglio, alle scuole e al Territorio. 
Gli artisti organizzeranno laboratori di Collages (Antonella Prota Giurleo), “Le mie chiavi” (Susanne Muller), Costruire un libro d’artista (Marisa Cortese) e Creare con la stampa (Roberto Gianinetti).
Il progetto si articola in due macrofasi: nella prima fase il testo della canzone prende “forma artistica”; nella seconda, che partirà con la conclusione del Simposio, il testo diventerà musica: prenderà vita un concorso nazionale aperto ai musicisti che avranno il compito di rielaborare con sonorità e arrangiamenti diversi, il testo de “L’asino e la luna”. Il tutto si concluderà con la premiazione del miglior arrangiamento e con la realizzazione di un concerto finale previsto per la primavera del 2015 a cui saranno ammessi i 10 artisti classificati, selezionati da una giuria di settore.

E’ online il sito del progetto www.lasinoelaluna.com                                 

Post più popolari